MONET - Terrazza sul'acqua
MONET - Terrazza sul'acqua

LE CANZONI DEL MARE

  • MARECHIARE
  • MARENARIELLO
  • CANZONE MARENARA (VERSI E MUSICA DI DONIZETTI) 
  • SANTA LUCIA
  • TORNA A SURRIENTO 
  • SAPORE DI SALE
  • ONDA SU ONDA
  • UNA ROTONDA SUL MARE
  • IL MARE
  • CON LE PINNE FUCILI E OCCHIALI
  • CUANDO CALIENTA EL SOL
  • IO VORREI ...NON VORREI... MA SE VUOI
  • COM'E' PROFONDO IL MARE
  • IL MARE D'INVERNO 

 LE CANZONI DEL MARE

 

MARECHIARE

Parole di Salvatore Di Giacomo


Quanno sponta la luna a Marechiare
pure li pisce nce fann' a l'ammore,
se revotano l'onne de lu mare,
pe la priezza cagneno culore
quanno sponta la luna a Marechiare.

A Marechiare 'nce sta 'na fenesta,
pe' la passione mia 'nce tuzzulea,
nu carofano adora int'a na testa,
passa l'acqua pe' sotto e murmuléa,
A Marechiare 'nce sta 'na fenesta
Oh!
Oh!
A Marechiare, a Marechiare,
'nce sta 'na fenesta.

Chi dice ca li stelle so lucente
nun sape l'uocchie ca tu tiene 'nfronte.
Sti doje stelle li saccio io sulamente.
dint'a lu core ne tengo li ponte.
Chi dice ca li stelle so lucente?

Scetate, Carulì, ca ll'aria è doce.
quanno maie tanto tiempo aggio aspettato?
P'accompagnà li suone cu la voce
stasera 'na chitarra aggio portato.
Scetate, Carulì, ca l'aria è doce.
Oh! Oh!
a scètate, a scètate,
scètate, Carulì, ca l'area è doce.

 

’O Marenariello

(Ottaviano - Gambardella)

Oje né', fa' priesto viene!
nun mme fá spantecá...
ca pure 'a rezza vène
ch'a mare stó' a mená...
Méh, stienne sti bbraccelle,
ajutame a tirá...
ca stu marenariello
te vò' sempe abbracciá.
Vicin'ô mare,
facimmo 'ammore,
a core a core,
pe' nce spassá...
Só' marenaro
e tiro 'a rezza:
ma, p'allerezza,
stóngo a murí...

 

Vide ca sbatte ll'onna
comm'a stu core ccá;
de lacreme te 'nfonne
ca 'o faje annammurá...
Viene, 'nterr'a 'sta rena
nce avimm''a recrijá;
che scenne la serena...
io po' stóngo a cantá.
Vicin'ô mare,
facimmo 'ammore,
a core a core,
pe' nce spassá...
Só' marenaro
e tiro 'a rezza:
ma, p'allerezza,
stóngo a murí...
 
Oje né', io tiro 'a rezza
e tu statte a guardá...
li pisce, p''a prijezza,
comme stanno a zumpá!...
E vide, pure 'e stelle
tu faje annammurá...
ca stu marenariello,
tu faje suspirá...
Vicin'ô mare
facimmo 'ammore,
a core a core,
pe' nce spassá...
Só' marenaro
e tiro 'a rezza:
ma, p'allerezza,
stóngo a murí... 

 

 

Canzone marenara

(Versi e musica di Donizetti)

 

Me voglio fa 'na casa mmiez' 'o mare

Me voglio fa' na casa mmiez' 'o mare

Fravecate de penne de pavune

fravecate de penne de pavune

Trarallallalla, llallarallalla,

llalla llallalla llallalla lla llà!

 

D'argiento e d'oro voglio fa lli girare,

D'argienti e d'oro voglio fa' lli girare,

E de prete preziose li balcune,

e de prete preziose li balcune,

rallarallalla, llallarallalla,

llalla llallalla llallalla lla là!

 

Quando Nennella mia se va affacciare,

Quando Nennella mia se va affacciare,

Ognuno dice, ognuno dice:

"Mo sponta lo sole!"

rallarallallla, llallarallalla,

llalla llallallla lalallalla lla llà!

 

Santa Lucia

(T. Cottrau - Longo)

 

Sul mare luccica

l'astro d'argento

placida è l'onda

prospero il vento.

Venite all'agile

barchetta mia;

santa Lucia! Santa Lucia!

Con questo zeffiro

così soave,

oh, com'è bello

star sulla nave.

Su, passeggieri,

venite via;

Santa Lucia! Santa Lucia!

 

In' fra le tende

bandir la cena,

in una sera così serena.

 

Chi non dimanda,

chi non desìa;

santa Lucia! Santa Lucia.

 

Mare sì placido,

vento sì caro,

scordar fa i triboli

al marinaro.

e va gridando

con allegria:

Santa Lucia! Santa Lucia!

 

O bella Napoli,

o suol beato

ove sorridere

volle il Creato,

 

tu sei l'impero

dell'armonia,

Santa Lucia! Santa Lucia!

 

Or che tardate?

Bella è la sera;

spira un'auretta

fresca e leggiera;

 

venite all'agile

barchetta mia;

Santa Lucia! Santa Lucia!

 

Torna a Surriento

(G.B. De Curtis - E: De Curtis)

 

Vide 'o mare quant'è bello!

Spira tantu sentimento,

comme tu a chi tiene mente,

ca scetato o faie sunnà.

 

Guarda, guà chistu ciardino;

siente,  sie' sti sciure arance:

nu prufumo accussì fino

dinto 'o core se ne va...

 

e tu dice: "I' parto, addio!"",

t'alluntane da stu core ---

da la terra de l'ammore...

tiene 'o core 'e nun turna?

 

Ma nun me lassà,

nun darme stu turmiento!

Torna a Surriento,

famme campà!

 

Vide 'o mare de Surriento

che tesoro tene 'nfunno;

chi ha grato tutto 'o munno

nun l'ha vista comm'a ccà.

 

Guarda attuorno sti Sserene

ca te guardano 'ncantate

e te vonno tantu bene...

te vulessero vasà.

 

E tu dice: "I' parto, addio!".

T'alluntane da stu core...

Da sta terra de l'ammore...

Tiene 'o core 'e nun turnà?

 

Ma nun me lassà,

nun darme st turmiento!

Torna a Surriento,

famme campà!

 

SAPORE DI SALE

(Gino Paoli)

 

Sapore di sale, sapore di mare
che hai sulla pelle, che hai sulle labbra
quando esci dall'acqua e ti vieni a sdraiare
vicino a me, vicino a me.
Sapore di sale, sapore di mare
un gusto un po' amaro di cose perdute
di cose lasciate lontano da noi
dove il mondo è diverso, diverso da qui.

Il tempo è nei giorni che passano pigri
e lasciano in bocca il gusto del sale
ti butti nell'acqua e mi lasci a guardarti
e rimango da solo nella sabbia e nel sol.
Poi torni vicino e ti lasci cadere
così nella sabbia e nelle mie braccia
e mentre ti bacio sapore di sale
sapore di mare, sapore di te

ONDA SU ONDA

(Bruno Lauzi)

 

Che notte buia che c'è
povero me povero me
che acqua gelida qua
nessuno più si salverà
son caduto dalla nave
son caduto
mentre a bordo c'era il ballo
onda su onda
il mare mi porterà
alla deriva
in balia di una sorte
bizzarra e cattiva
onda su onda
mi sto allontanando ormai
la nave e' una lucciola
persa nel blu
mai più mi salverò ...
sara, ti sei accorta
tu stai danzando insieme a lui
ad occhi chiusi ti stringi a lui
sara ma non importa
stupenda l'isola è
il clima è dolce intorno a me
ci sono palme e bambù
è un luogo pieno di virtù
steso al sole ad asciugarmi
il corpo e il viso
guardo in faccia il paradiso
onda su onda
il mare ci...ha portato qui
ritmi canzoni
donne di sogno banane lamponi
onda su onda
mi sono ambientato ormai
il...naufragio mi...ha dato
la felicità che tu
tu non mi dai
sara, ti sei accorta
tu stai danzando insieme a lui
ad occhi chiusi ti stringi a lui
sara ma non importa
onda su onda
mi sono ambientato ormai
il...naufragio mi...ha dato
la felicità che tu
tu non mi dai
onda su onda
il mare ci...ha portato qui
ritmi canzoni
donne di sogno banane lamponi
onda su onda

 

 UNA ROTONDA SUL MARE

(Fred Bongusto)

 

Una rotonda sul mare
Il nostro disco che suona
Vedo gli amici ballare
Ma tu non sei qui con me.
Amore mio
Dimmi se sei
Triste così come me,
dimmi se chi ci separò
è sempre lì accanto a te
se tu sei felice con lui
o rimpiangi qualcosa di me,
io ti penso sempre sai,ti penso.
Una rotonda sul mare
Il nostro disco che suona
Vedo gli amici ballare
Ma tu non sei qui con me.

 

IL MARE

(SANREMO 1960)

Dalla bianca e lucente scogliera
ogni sera di te parlo al mare
e tu al mare confidi ogni sera
i pensieri d'amore per me
il mare
è la voce del mio cuore
è la voce del tuo cuor

che ci unisce ancora
i miei baci a te, i tuoi baci a me
ce li porta il mare.

 

Quando un giorno vicini saremo
nella nostra casetta sul mare
ogni sera dal mar sentiremo
la più bella canzone d'amor.
Il mare
è la voce del mio cuore
è la voce del tuo cuor

che ci unisce
ancora
i miei baci a te, i tuoi baci a me
ce li porta il mare.

 

CON LE PINNE FUCILI ED OCCHIALI

(Edoardo Vianello)

 

Con le pinne
fucile ed occhiali
quando il mare
è una tavola blu
sotto un cielo
di mille colori
ci tuffiamo
con la testa all'ingiù
mentre tutta la gente è assopita
sulla sabbia bruciata
dal sol
ci scambiamo
nell'acqua salata
un dolcissimo bacio d'amor
Con le pinne
fucile ed occhiali
quando il mare
è una tavola blu
sotto un cielo
di mille colori
ci tuffiamo
con la testa all'ingiù
mentre tutta la gente è assopita
sulla sabbia bruciata
dal sol
ci scambiamo
nell'acqua salata
un dolcissimo bacio d'amor
mentre tutta la gente e' assopita
sulla sabbia bruciata
dal sol
ci scambiamo
nell'acqua salata
un dolcissimo bacio
un dolcissimo bacio
un dolcissimo bacio d'amor

 

CUANDO CALIENTA EL SOL

Amor estoy solo aquí en la playa
es el sol quien me acompaña
y me quema, y me quema, y me quema

Cuando calienta el sol aquí en la playa
siento tu cuerpo vibrar cerca de mí
es tu palpitar, es tu cara,
es tu pelo, son tus besos,
me estremezco oooh...

Cuando calienta el sol aquí en la playa
siento tu cuerpo vibrar cerca de mí
es tu palpitar, tu recuerdo
mi locura, mi delirio
me estremezco oooh...
cuando calienta el sol

Es tu palpitar, tu recuerdo
mi locura, mi delirio
me estremezco oooh...
cuando calienta el sol
cuando calienta el sol
cuando calienta el sol
cuando calienta el sol

 

LUCIO BATTISTI – Io vorrei .. non vorrei... ma, se vuoi...

Dove vai quando poi resti sola?
Il ricordo, come sai, non consola.
Quando lei se ne andò, per esempio,
Trasformai la mia casa in un tempio.
E da allora solo oggi non farnetico più:
a guarirmi chi fu?
Ho paura a dirti che sei tu.
Ora noi siamo già più vicini:
Io vorrei, non vorrei ma, se vuoi...
Come può uno scoglio
arginare il mare?
Anche se non voglio,
torno già a volare ...
Le distese azzurre
e le verdi terre,
le discese ardite
e le risalite,
su nel cielo aperto,
e poi giù il deserto,
e poi ancora in alto
con un grande salto.
Dove vai quando poi resti sola?
Senza ali, tu lo sai, non si vola.
Io quel dì mi trovai, per esempio,
quasi sperso in quel letto così ampio.
Stalattiti sul soffitto i miei giorni con lei.
Io la morte abbracciai
ho paura a dirti che per te
mi svegliai.
Oramai fra di noi solo un passo:
io vorrei, non vorrei ma, se vuoi ...
Come può uno scoglio
arginare il mare?
Anche se non voglio,
torno già a volare ...
Le distese azzurre
e le verdi terre,
le discese ardite
e le risalite,
su nel cielo aperto
e poi giù il deserto,
e poi ancora in alto,
con un grande salto... 

************************

 

IL MARE D'INVERNO - Loredana Bertè

 

Il mare d'inverno
è solo un film in bianco e nero visto alla TV.
E verso l'interno,
qualche nuvola dal cielo che si butta giù.
Sabbia bagnata,
una lettera che il vento sta portando via,
punti invisibili rincorsi dai cani,
stanche parabole di vecchi gabbiani.
E io che rimango qui solo a cercare un caffè.

Il mare d'inverno
è un concetto che il pensiero non considera.
E' poco moderno,
è qualcosa che nessuno mai desidera.
Alberghi chiusi,
manifesti già sbiaditi di pubblicità,
Macchine tracciano solchi su strade
dove la pioggia d'estate non cade.
E io che non riesco nemmeno a parlare con me.

Mare mare, qui non viene mai nessuno a trascinarmi via.
Mare mare, qui non viene mai nessuno a farci compagnia.
Mare mare, non ti posso guardare così perché
questo vento agita anche me,
questo vento agita anche me.

Passerà il freddo
e la spiaggia lentamente si colorerà.
La radio e i giornali
e una musica banale si diffonderà.
Nuove avventure,
discoteche illuminate piene di bugie.
Ma verso sera, uno strano concerto
e un ombrellone che rimane aperto.
Mi tuffo perplesso in momenti vissuti di già.

Mare mare, qui non viene mai nessuno a trascinarmi via.
Mare mare, qui non viene mai nessuno a farci compagnia.
Mare mare, non ti posso guardare così perché
questo vento agita anche me,
questo vento agita anche me.


LUCIO DALLA - Com'è profondo il mare

Siamo noi, siamo in tanti.

Ci nascondiamo di notte
Per paura degli automobilisti,
linotipisti;
Siamo i gatti neri,
Siamo pessimisti,
Siamo i cattivi pensieri
E non abbiamo da mangiare.
Com'è profondo il mare!
Com'è profondo il mare!

Babbo, che eri un gran cacciatore
Di quaglie e di fagiani,
Caccia via queste mosche
Che non mi fanno dormire,
Che mi fanno arrabbiare.
Com'è profondo il mare!
Com'è profondo il mare!

E' inutile
Non c'è più lavoro
Non c'è più decoro
Dio o chi
per lui
Sta cercando di dividerci
Di farci del male
Di farci annegare
Com'è profondo il mare
Com'è profondo il mare

Con la forza di un ricatto
L'uomo diventò qualcuno.
Resuscitò anche i morti;
Spalancò prigioni;
Bloccò sei treni
Con relativi vagoni.
Innalzò, per un attimo, il povero
Ad un ruolo difficile da mantenere;
Poi lo lasciò cadere
A piangere e a urlare
Solo in mezzo al mare.
Com'è profondo il mare!

Poi da solo l'urlo
Diventò un tamburo
E il povero, come un lampo,
Nel cielo sicuro,
Cominciò una guerra
Per conquistare
Quello scherzo di terra
Che il suo grande cuore
Doveva coltivare.
Com'è profondo il mare!
Com'è profondo il mare!

Ma la terra
Gli fu portata via,
Compresa quella rimasta addosso.
Fu scaraventato
In un palazzo, in un fosso,
Non ricordo bene.
Poi una storia di catene,
Bastonate
E chirurgia sperimentale.
Com'è profondo il mare!
Com'è profondo il mare!

Intanto un mistico,
Forse un aviatore,
Inventò la commozione
E rimise d'accordo tutti,
I belli con i brutti,
Con qualche danno per i brutti,
Che si videro consegnare
Un pezzo di specchio,
Così da potersi guardare.
Com'è profondo il mare!
Com'è profondo il mare!

Frattanto i pesci,
Dai quali discendiamo tutti,
Assistettero curiosi
Al dramma collettivo
Di questo mondo
Che a loro, indubbiamente,
Doveva sembrar cattivo
E cominciarono a pensare
Nel loro grande mare:
Com'è profondo il mare!
Nel loro grande mare:
Com'è profondo il mare!

E' chiaro
Che il pensiero dà fastidio,
Anche se chi pensa
E' muto come un pesce,
Anzi un pesce.
E come pesce è difficile da bloccare,
Perchè lo protegge il mare.
Com'è profondo il mare!

Certo
Chi comanda
Non è disposto a fare distinzioni poetiche.
Il pensiero, come l'oceano,
Non lo puoi bloccare,
Non lo puoi recintare.
Così stanno bruciando il mare.
Così stanno uccidendo il mare.
Così stanno umiliando il mare.
Così stanno piegando il mare.

Spazio pubblicitario. Per informazioni cliccate qui

Newsletter