NAPOLI - COMPLESSO MONUMENTALE DI SANTA CHIARA

TRE GIORNI A NAPOLI - I PRESEPI A SAN GREGORIO ARMENO

Propongo una imperdibile visita di tre giorni a Napoli Centro, per visitare i luoghi d'arte e cultura, così numerosi ed indimenticabili in questa splendida città.

 

Itinerari: Duomo  e Santa Restituta - San Gregorio Armeno - Complesso San Lorenzo Maggiore - Napoli sotterranea - Museo nazionale - Piazza del Gesù - Cappella San Severo col Cristo velato - Chiostro di S.Chiara - Via dei Tribunali con una sosta alla storica pasticceria Pintauro (dove è nata la famosa sfogliatella). Proseguite per Via Toledo - Galleria Umberto I - Palazzo Zevallos - Piazza del Plebiscito con una sosta allo storico caffè Gambrinus e, infine. il Palazzo Reale e il Teatro San Carlo.

 

Non ve ne pentirete!

L'antico complesso monumentale di Santa Chiara, che sorge nel cuore di Napoli, in via Benedetto Croce, comprende la Chiesa, il Monastero e il Convento; inoltre vi è la Biblioteca e un meraviglioso chiostro maiolicato.

L'intero complesso fu innalzato a partire dal 1310 per volere del monarca Roberto D’Angiò e di sua moglie Sancia di Maiorca (figura centrale e a destra nelle foto in basso), devoti a San Francesco e a Santa Chiara.

La Chiesa inizialmente fu denominata Ostia Santa, in omaggio al Miracolo di Bolsena, avvenuto nel 1264.

 

Biglietto d'ingresso: 6 euro.

 

 


IL CHIOSTRO MAIOLICATO

Il Chiostro Maiolicato aveva, in origine, una struttura composta da 66 archi a sesto acuto poggianti su 66 pilastrini in piperno.

Oggi restano i pilastrini, a forma ottagonale, rivestiti da maioliche vivacemente colorate, che rappresentano immagini della natura. I pilastri sono collegati fra loro da sedili maiolicati, raffiguranti scene della vita quotidiana.

Nel corso dei secoli sia il chiostro che il giardino hanno subito numerose trasformazioni. Il giardino, percorso da due viali che si incrociano, è diviso in quattro settori. 

Tutte le pareti del chiostro sono interamente ricoperte da affreschi risalenti al Seicento. Essi raffigurano scene e allegorie dell'Antico e nuovo Testamento; ricordiamo l'affresco di Maria Maddalena. Numerosi affreschi riproducono immagini di santi, tra cui San Francesco e Sant'Orsola.

MARMI, DECORAZIONI, BASSORILIEVI, CROCIFISSIONI E IL PRESEPE

La quinta immagine è un bassorilievo che raffigura l'imperatore Massenzio che assiste alla decapitazione della moglie.

Infine vediamo il presepe, che occupa un'intera parete, realizzato nel XVIII secolo durante il regno di Ferdinando IV di Borbone. Secondo la tradizione, la natività è inserita  in uno spaccato della società partenopea, secondo l'usanza dell'epoca. L'autore ha avuto grande cura dei dettagli, come le stoffe utilizzate per i vari personaggi e gli oggetti realizzati in maiolica.

LA BIBLIOTECA

PETALI PROFUMATI - I vostri haiku

 

Se siete iscritti a Facebook e volete cimentarvi con la scrittura degli haiku, oppure siete esperti e volete contribuire con i vostri componimenti, vi invito a iscrivervi al mio gruppo PETALI PROFUMATI - I nostri haiku.  Il link per gli iscritti a facebook è il seguente:

 https://www.facebook.com/groups/petaliprofumati/

 

Se chiedete l'iscrizione, daremo una veloce occhiata  al vostro diario di Facebook (per evitare di iscrivere buontemponi e perditempo). Sono graditi coloro che amano l'arte, la bellezza, la gioia e coloro che vogliono leggere o scrivere haiku. Il gruppo propone diverse attività: organizziamo giochi e gare di haiku (in premio diamo pergamene virtuali).