CANTI DEI SOLDATI - CANZONI DEI COMBATTENTI PER LA PATRIA

ADDIO MIA BELLA ADDIO di CARLO BOSI( 1848)

 

Addio mia bella, addio,

l'armata se ne va

e se non partissi anch'io

sarebbe una viltà.

E se non partissi anch'io

sarebbe una viltà.

 

Non pianger, mio tesoro,

forse io ritornerò,

ma se in battaglia muoro

in ciel ti rivedrò.

Ma se in battaglia muoro

in ciel ti rivedrò.

 

La spada, le pistole,

lo schioppo l'ho con me, 

allo spuntar del sole

io partirò da te.

Allo spuntar del sole

io partirò da te.

 

Il sacco è preparato,

sull'omero mi sta,

sono uomo e son soldato,

viva la Libertà!

Sono uomo e son soldato,

viva la Libertà!

 

Io non ti lascio sola,

si, ti resta un figlio ancor,

nel figlio ti consola,

nel figlio dell'amor!

Nel figlio ti consola,

nel figlio dell'amor!

 

Suonò la tromba, addio,

l'armata se ne va.

Un bacio al figlio mio!

Viva la Libertà!

Un bacio al figlio mio!

Viva la Libertà!

BELLA CIAO (1940-45)

 

Stamattina mi sono alzato

o bella ciao bella ciao

bella ciao ciao ciao

stamattina mi sono alzato

e ci ho trovato l'invasor.

 

O partigiano, portami via

o bella ciao bella ciao

bella ciao ciao ciao

o partigiano, portami via

che mi sento di morir.

 

E se muoio da partigiano

o bella ciao bella ciao

bella ciao ciao ciao

e se muoio da partigiano

tu mi devi seppellir.

 

Seppellire lassù in montagna

o bella ciao bella ciao

bella ciao ciao ciao

seppellire lassù in montagna

sotto l"ombra di un bel fior.

 

E le genti che passeranno

o bella ciao bella ciao

bella ciao ciao ciao

e le genti che passeranno

e diranno: o che bel fior!

 

E' questo il fiore del partigiano

o bella ciao bella ciao

bella ciao ciao ciao

è questo il fiore del partigiano

morto per la libertà

 

LA MIA MOROSA CARA (1915-1918)

 

La mia morosa cara

la fa la filandera

la vègn a cà la sera

col scossarín bagnàa

 

Col scossarín bagnato

la se frega giù li occhi

noialtri giovanotti

ci tocca fà 'l soldàa.

 

Piuttost che fà 'l soldato

fò l'assassin di strada

la prima cannonada

mi ha ferito il cuor.

LA PENNA NERA (1915)

Sul cappello,

sul cappello che noi portiamo

c'è una lunga,

c'è una lunga penna nera,

che a noi serve,

che a noi serve da bandiera

su pei monti,

su pei monti a guerreggiar.

Oilalà!

 

Su pei monti,

su pei monti che noi saremo,

coglieremo,

coglieremo stelle alpine,

per portarle,

per portarle alle bambine

farle pianger,

farle pianger e sospirar.

Oilalà!

 

Su pei monti,

su pei monti che noi andremo,

pianteremo,

pianteremo l'accampamento,

brinderemo,

brinderemo al reggimento,

viva il Corpo,

viva il Corpo degli Alpin!

Oilalà!

 

Evviva evviva

il Reggimento,

evviva evviva

il Corpo degli Alpin.

Evviva evviva

il Reggimento,

evviva evviva

il Corpo degli Alpin.

Oilalà!

MONTE GRAPPA (1918)

 

Monte Grappa tu sei la mia Patria, 

sovra a te il nostro sole risplende, 

a te mira chi spera ed attende 

i fratelli che a guardia vi stan. 

 

Contro a te già s’infranse il nemico 

che all’Italia tendeva lo sguardo,

non si passa un cotal baluardo 

affidato ad italici cuor. 

 

Monte Grappa tu sei la mia Patria, 

sei la stella che addita il cammino, 

sei la gloria, il volere, il destino

che all’Italia ci fa ritornar. 

 

Le tue cime fur sempre vietate 

per il piè dell’odiato straniero,

dei tuoi fianchi egli ignora il sentiero 

che pugnando più volte tentò. 

 

Qual la candida neve che al vento 

ti ricopre di splendido ammanto,

tu sei puro ed invitto con vanto 

che il nemico non lasci passar. 

 

Monte Grappa tu sei la mia Patria, 

sei la stella che addita il cammino, 

sei la gloria, il volere, il destino, 

che all’Italia ci fa ritornar.

 

O montagna, per noi tu sei sacra, 

giù di lì scenderanno le schiere 

che irrompenti a spiegate bandiere 

l’invasore dovranno scacciar. 

 

Ed i giorni del nostro servaggio,

che scontammo mordendo nel freno,

in un forte avvenire sereno 

al più presto vedremo mutar. 

 

Monte Grappa tu sei la mia Patria, 

sei la stella che addita il cammino, 

sei la gloria, il volere, il destino 

che all’Italia ci fa ritornar.


PETALI PROFUMATI - I vostri haiku

 

Se siete iscritti a Facebook e volete cimentarvi con la scrittura degli haiku, oppure siete esperti e volete contribuire con i vostri componimenti, vi invito a iscrivervi al mio gruppo PETALI PROFUMATI - I nostri haiku.  Il link per gli iscritti a facebook è il seguente:

 https://www.facebook.com/groups/petaliprofumati/

 

Se chiedete l'iscrizione, daremo una veloce occhiata  al vostro diario di Facebook (per evitare di iscrivere buontemponi e perditempo). Sono graditi coloro che amano l'arte, la bellezza, la gioia e coloro che vogliono leggere o scrivere haiku. Il gruppo propone diverse attività: organizziamo giochi e gare di haiku (in premio diamo pergamene virtuali).