CANTI POPOLARI

ADDIO MIA BELLA ADDIO (1848)

VOLA VOLA VOLA VOLA (1908)

QUEL MAZZOLIN DI FIORI (1904)

L'UCCELLINO DELLA COMARE (1908)

MAMMA MIA DAMMI CENTO LIRE (1908)

SUL PONTE DI BASSANO (1913)

MILLE LIRE AL MESE (1939)

O ANGIOLINA, BELA ANGIOLINA (1914)

MONTE GRAPPA (1918)

IL TAMBURO DELLA BANDA D’AFFORI (1939) 

LA MONTANARA (1927)

LA PENNA NERA (1915)

LA MARIANNA LA VA IN CAMPAGNA(1931)

I POMPIERI DI VIGGIU' (1948)

 

ADDIO MIA BELLA ADDIO (1848)

 

Addio mia bella, addio,

l'armata se ne va

e se non partissi anch'io

sarebbe una viltà.

E se non partissi anch'io

sarebbe una viltà.

 

Non pianger, mio tesoro,

forse io ritornerò,

ma se in battaglia muoro

in ciel ti rivedrò.

Ma se in battaglia muoro

in ciel ti rivedrò.

 

La spada, le pistole,

lo schioppo l'ho con me, 

allo spuntar del sole

io partirò da te.

Allo spuntar del sole

io partirò da te.

 

Il sacco è preparato,

sull'omero mi sta,

sono uomo e son soldato,

viva la Libertà!

Sono uomo e son soldato,

viva la Libertà!

 

Io non ti lascio sola,

si, ti resta un figlio ancor,

nel figlio ti consola,

nel figlio dell'amor!

Nel figlio ti consola,

nel figlio dell'amor!

 

Suonò la tromba, addio,

l'armata se ne va.

Un bacio al figlio mio!

Viva la Libertà!

Un bacio al figlio mio!

Viva la Libertà!

QUEL MAZZOLIN DI FIORI (1904)

 

Quel mazzolin di fiori,

che vien dalla montagna.

E bada ben che non si bagna

che lo voglio regalar,

e bada ben che non si bagna

che lo voglio regalar.

 

Lo voglio regalare,

perchè l'è un bel mazzetto.

Lo voglio dare al mio moretto

questa sera quando vien,

lo voglio dare al mio moretto

questa sera quando vien.

 

Stasera quando viene,

sarà una brutta sera.

E perchè lui sabato sera

lui non è vegnù da me,

e perchè lui sabato sera

lui non è vegnù da me.

 

Non l'è vegnù da me,

l'è andà dalla Rosina.

E perchè mi son poverina

mi fa pianger e sospirar,

e perchè mi son poverina

mi fa pianger e sospirar.

 

Fa pianger e sospirare,

sul letto dei lamenti.

E cosa mai diran le genti,

cosa mai diran di me?

e cosa mai diran le genti,

cosa mai diran di me?

 

Diran che son tradita

tradita nell'amore.

E sempre a me mi piange il core

e per sempre piangerà,

e sempre a me mi piange il core

e per sempre piangerà.

MAMMA MIA DAMMI CENTO LIRE (1908)

 

Mamma mia dammi 100 lire

che in America voglio andar!

Cento lire io te le do

ma in America no, no, no!

Cento lire io te le do

ma in America no, no, no!

 

I suoi fratelli alla finestra:

Mamma mia lassela andar!

Vai, vai pure o figlia ingrata

che qualcosa succederà!

Vai, vai pure o figlia ingrata

che qualcosa succederà!

 

Quando furono in mezzo al mare,

il bastimento si sprofondò!

Pescatore che peschi i pesci,

la mia figlia vai tu a pescar!

Pescatore che peschi i pesci,

la mia figlia vai tu a pescar!

 

Il mio sangue è rosso e fino,

i pesci del mare lo beveran!

La mia carne è bianca e pura,

la balena la mangerà!

La mia carne è bianca e pura,

la balena la mangerà!

 

Il consiglio della mia mamma

l'era tutta la verità,

mentre quello dei miei fratelli

resta quello che m'ha ingannà!

Mentre quello dei miei fratelli

resta quello che m'ha ingannà!

 

Il consiglio della mia mamma

l'era tutta la verità,

mentre quello dei miei fratelli

resta quello che m'ha ingannà!

Mentre quello dei miei fratelli

resta quello che m'ha ingannà!

 

Mentre quello dei miei fratelli

resta quello che m'ha ingannà!

Mentre quello dei miei fratelli

resta quello che m'ha ingannà

O ANGIOLINA, BELA ANGIOLINA (1914)

 

O Angiolina, bela Angiolina,

o Angiolina, bela Angiolina,

innamorato io son di te,

innamorato dall'altra sera

quando venni a balar con te.

 

Innamorato io son di te,

innamorato dall'altra sera

quando venni a balar con te.

 

E la s'ha messo la veste rosa,

e la s'ha messo la veste rosa,

e le scarpette con le rose,

e le scarpette con le rosette,

fatte apposta per ben ballar. 

 

E le scarpette con le rose,

e le scarpette con le rosette,

fatte apposta per ben ballar

 

LA PENNA NERA (1915)

Sul cappello,

sul cappello che noi portiamo

c'è una lunga,

c'è una lunga penna nera,

che a noi serve,

che a noi serve da bandiera

su pei monti,

su pei monti a guerreggiar.

Oilalà!

 

Su pei monti,

su pei monti che noi saremo,

coglieremo,

coglieremo stelle alpine,

per portarle,

per portarle alle bambine

farle pianger,

farle pianger e sospirar.

Oilalà!

 

Su pei monti,

su pei monti che noi andremo,

pianteremo,

pianteremo l'accampamento,

brinderemo,

brinderemo al reggimento,

viva il Corpo,

viva il Corpo degli Alpin!

Oilalà!

 

Evviva evviva

il Reggimento,

evviva evviva

il Corpo degli Alpin.

Evviva evviva

il Reggimento,

evviva evviva

il Corpo degli Alpin.

Oilalà!

MONTE GRAPPA (1918)

 

Monte Grappa tu sei la mia Patria, 

sovra a te il nostro sole risplende, 

a te mira chi spera ed attende 

i fratelli che a guardia vi stan. 

 

Contro a te già s’infranse il nemico 

che all’Italia tendeva lo sguardo,

non si passa un cotal baluardo 

affidato ad italici cuor. 

 

Monte Grappa tu sei la mia Patria, 

sei la stella che addita il cammino, 

sei la gloria, il volere, il destino

che all’Italia ci fa ritornar. 

 

Le tue cime fur sempre vietate 

per il piè dell’odiato straniero,

dei tuoi fianchi egli ignora il sentiero 

che pugnando più volte tentò. 

 

Qual la candida neve che al vento 

ti ricopre di splendido ammanto,

tu sei puro ed invitto con vanto 

che il nemico non lasci passar. 

 

Monte Grappa tu sei la mia Patria, 

sei la stella che addita il cammino, 

sei la gloria, il volere, il destino, 

che all’Italia ci fa ritornar.

 

O montagna, per noi tu sei sacra, 

giù di lì scenderanno le schiere 

che irrompenti a spiegate bandiere 

l’invasore dovranno scacciar. 

 

Ed i giorni del nostro servaggio,

che scontammo mordendo nel freno,

in un forte avvenire sereno 

al più presto vedremo mutar. 

 

Monte Grappa tu sei la mia Patria, 

sei la stella che addita il cammino, 

sei la gloria, il volere, il destino 

che all’Italia ci fa ritornar.

LA MONTANARA (1927)

 

Là su per le montagne,

fra boschi e valli d'or,

tra l'aspre rupi echeggia

un cantico d'amor.

Là su per le montagne,

fra boschi e valli d'or,

tra l'aspre rupi echeggia

un cantico d'amor.

 

La montanara o-he

si sente cantare,

cantiam la montanara

e chi non la sa?

La montanara o-he

si sente cantare,

cantiam la montanara

e chi non la sa?

 

La montanara o-he

si sente cantare,

cantiam la montanara

e chi non la sa?

La montanara o-he

si sente cantare,

cantiam la montanara

e chi non la sa?

 

Là su sui monti

dai rivi d'argento,

una capanna cosparsa di fiori.

Era la piccola

dolce dimora

di Soreghina 

la figlia del sol.

La figlia del sol.

 

LA MARIANNA LA VA IN CAMPAGNA(1931)

 

Oh Dio del ciel

che fai fiorir le rose,

manda un marito

a tutte queste tose.

 

La Marianna la va in campagna 

quando il sole tramonterà,

tramonterà, tramonterà,

chissà quando, chissà quando ritornerà.

 

Si, bella è la rosa,

ma ancor di più è la viola,

la mia mogliettina

sarà una campagnola.

 

La Marianna la va in campagna 

quando il sole tramonterà,

tramonterà, tramonterà,

chissà quando, chissà quando ritornerà.

 

O bei giovanotti,

se fate all’amore,

lasciate le bionde

e pigliate quelle more.

 

La Marianna la va in campagna 

quando il sole tramonterà,

tramonterà, tramonterà,

chissà quando, chissà quando ritornerà.

 

Ma brune o bionde,

facendo all’amore,

le ragazzine

ti ruberanno il cuore.

 

La Marianna la va in campagna 

quando il sole tramonterà,

tramonterà, tramonterà,

chissà quando, chissà quando ritornerà.

 

L’amore si fa

con tutte le ragazze,

ma state attenti

a quelle un poco pazze.

 

La Marianna la va in campagna 

quando il sole tramonterà,

tramonterà, tramonterà,

chissà quando, chissà quando ritornerà

 

VOLA VOLA VOLA VOLA (1908)

 

Vulesse fa' 'rvenì pe' n'ora sola

lu tiempe belle de la cuntentezze,

quande pazzijavame a "vola vola"

e te cuprè de vasce e de carezze.

 

E vola vola vola vola

e vola lu pavone.

Si tiè lu core bbone

mo fammece arpruvà.

 

E vola vola vola vola

e vola lu pavone.

Si tiè lu core bbone

mo fammece arpruvà.

 

'Na vote pe' spegna' lu fazzulette,

so' state cundannate de vasciarte.

Tu te scì fatte rosce e me scì dette

di 'nginucchiarme prima d'abbracciarte.

 

E vola vola vola vola

e vola lu gallinacce.

Mo si me guarde 'n facce

mi pare di sugna'.

 

E vola vola vola vola

e vola lu gallinacce.

Mo si me guarde 'n facce

mi pare di sugna'.

 

Come li fiure nasce a primavere,

l'amore nasce da la citilanze.

Marì, si mi vuò bbene accome jere,

nè mi luvà stu sogne e sta speranze.

 

E vola vola vola vola

e vola lu cardille.

Nu vasce a pizzichille

non mi le può negà.

 

E vola vola vola vola

e vola lu cardille.

Nu vasce a pizzichille

non mi le può negà.

 

Pure se po' veni' pe' n'ora sola!

L'UCCELLINO DELLA COMARE (1908)

 

Si posò sulla sua testa,

l'uccellino è tutto in festa.

Era lì che voleva volare

l'uccellino della comare.

 

Si posò sulle sue spalle,

l'uccellino si gratta...le ali.

Era lì che voleva volare

l'uccellino della comare.

 

Si posò sopra il suo petto,

l'uccellino si lecca il becco.

Era lì che voleva volare

l'uccellino della comare.

 

Si posò sulla sua pancia,

l'uccellino vuol fare la danza.

Era lì che voleva volare

l'uccellino della comare.

 

Si posò sopra il suo piede,

l'uccellino ora si siede.

Era lì che voleva volare

l'uccellino della comare.

 

Si posò sopra il ginocchio,

l'uccellino le strizza l'occhio.

Era lì che voleva volare

l'uccellino della comare.

 

Si posò sopra la gamba,

l'uccellino ballava la samba.

Era lì che voleva volare

l'uccellino della comare.

 

A questo punto

che cosa avreste fatto voi

nei panni della comare?

 

La comare, una donna astuta,

se lo prese con le sue dita

e lo mise nella gabbiola.

L'uccellino or si consola

 

SUL PONTE DI BASSANO (1913)

 

Sul ponte di Bassano

noi ci darem la mano,

noi ci darem la mano,

ed un bacin d'amor,

ed un bacin d'amor,

ed un bacin d'amor!

 

Per un bacin d'amore

successer tanti guai,

non lo credevo mai,

doverti abbandonar,

doverti abbandonar,

doverti abbandonar!

 

Doverti abbandonare,

volerti tanto bene!

E' un giro di catene,

che m'incatena il cuor,

che m'incatena il cuor,

che m'incatena il cuor!

 

Che m'incatena il cuore,

che m'incatena i fianchi!

In mona tutti quanti

quelli che mi vol mal,

quelli che mi vol mal,

quelli che mi vol mal!

MILLE LIRE AL MESE (1939)

 

Che disperazione,

che delusione

dover campar

sempre in disdetta,

sempre in bolletta.

 

Ma se un posticino

domani cara

io troverò,

di gemme d'oro

ti coprirò.

 

Se potessi avere

mille lire al mese,

senza esagerare, 

sarei certo di trovare

tutta la felicità.

 

Un modesto impiego,

io non ho pretese,

voglio lavorare

per potere alfin trovare

tutta la tranquillità.

 

Una casettina

in periferia,

una mogliettina

giovane e carina,

tale e quale come te.

 

Se potessi avere

mille lire al mese,

farei tante spese,

comprerei fra tante cose

le più belle che vuoi tu.

 

Ho sognato ancora,

stanotte amore,

l'eredità

d'un zio lontano,

americano.

 

Ma se questo sogno

non si avverasse,

come farò.

Il ritornello

ricanterò.

 

Se potessi avere

mille lire al mese,

senza esagerare,

sarei certo di trovare

tutta la felicità.

 

Un modesto impiego,

io non ho pretese,

voglio lavorare

per potere alfin trovare

tutta la tranquillità.

 

Una casettina

in periferia,

una mogliettina

giovane e carina,

tale e quale come te.

 

Se potessi avere

mille lire al mese,

farei tante spese,

comprerei fra tante cose

le più belle che vuoi tu.

 

Una casettina

in periferia,

una mogliettina

giovane e carina,

tale e quale come te.

 

Se potessi avere

mille lire al mese,

farei tante spese,

comprerei fra tante cose

le più belle che vuoi tu.

 

Ah, se potessi avere

mille lire al mese!

IL TAMBURO DELLA BANDA D’AFFORI (1939)

 

Arriva la banda, arriva la banda,

arriva la banda del nostro paese,

del nostro paese, del nostro paese.

Oh Caterina vai a metterti il vestito da sposa.

Oh Caterina vai a metterti il vestito da sposa.

 

C'è il capobanda, c'è il capobanda,

c'è il capobanda, que ha i baffoni,

che bei baffoni, che bei baffoni.

Oh Caterina, il capobanda è il tuo Luigi.

Oh Caterina, il capobanda è il tuo Luigi.

 

Guardate ragazze che bei giovani,

ma guardate ragazze che begli strumenti,

e col tamburo sulle spalle,

guardate il Luigi se sembra un gallo!

 

E’ lui, è lui, sì, sì, è proprio lui!

E’ il tamburo principale della Banda d’Affori

che comanda cinquecento e cinquanta pifferi.

Oh ragazze ma battete le mani che il tamburo è qui.

Che scompiglio!

Ci sono anche le oche che gli fan "qua qua".

 

Nel vederlo le ragazze diventan timide,

lui confonde il Rigoletto con la Semiramide:

"Bella figlia dell'amor,

schiavo son, schiavo son dei vezzi tuoi".

Passa la banda, passa la banda,

passa la banda che va a Cantù,

che va a Cantù, che va a Cantù.

 

Oh Caterina il tuo Luigi non va avanti più.

Oh Caterina il tuo Luigi non va avanti più.

Forza Luigi, forza Luigi,

forza Luigi che arriva il tramvai,

che arriva il tramvai, che arriva il tramvai.

Oh Caterina lui ha un piede nelle rotaie!

Oh Caterina lui ha un piede nelle rotaie!

 

Fermate il tram, spostate il tram!

Scendono tutti. Oh che confusione!

E lui è là come un signore,

che gli dà dentro al suo tamburo.

 

E’ lui, è lui, sì, sì, è proprio lui!

E’ il tamburo principale della Banda d’Affori,

che comanda cinquecento e cinquanta pifferi.

Oh ragazze ma battete le mani che il tamburo è qui.

Che scompiglio!

 

Ci sono anche le oche che gli fan "qua qua".

Nel vederlo le ragazze diventan timide,

lui confonde il Rigoletto con la Semiramide:

"Bella figlia dell'amor,

schiavo son, schiavo son dei vezzi tuoi".

........................

"Bella figlia dell'amor,

schiavo son, schiavo son dei vezzi tuoi".

I POMPIERI DI VIGGIU' (1948)

 

Per volere del Visconte

su parere del Barone, 

han formato la sezione

dei Pompieri di Viggiù. 

 

Pompa qua, pompa là,

pompa su e pompa giù.

 

Ed a spese del Marchese

han comprato le divise 

con feluche a larghe tese

e pennacchi rossi e blu.

 

Pompa qua, pompa là,

pompa su e pompa giù.

 

Indi, a scopo addestrativo,

il paese hanno incendiato 

e il reparto s'è schierato

e ha gridato "Ip Ip Hurrà".

 

Viva quà, Viva là,

viva su, evviva giù.

 

Viva i Pompieri di Viggiù 

che quando passano

i cuori infiammano.

Viva i pennacchi rossi e blu.

 

Viva le pompe

dei Pompieri di Viggiù.

Affrontarono l'incendio

con le pompe verso sera,

però l'acqua, ahimè, non c'era

per potere funzionar.

 

Pompa qua, pompa là,

pompa su e pompa giù.

 

Però, il Capo ebbe un'idea

veramente peregrina,

caricò con la benzina

tutti quanti gli estintor.

 

Pompa qua, pompa là,

pompa su e pompa giù.

Ed in meno d'un secondo

nel villaggio già bruciato 

tutto in fumo se n'è andato

il plotone dei Pompier.

Viva quà, Viva là,

viva su, evviva giù.

Viva i Pompieri di Viggiù 

che quando passano

i cuori infiammano.

Viva i pennacchi rossi e blu. 

Viva le pompe

dei pompieri di Viggiù.

Viva i pennacchi rossi e blu. 

Viva le pompe

dei pompieri di Viggiù

 


PETALI PROFUMATI - I vostri haiku

Se siete iscritti a Facebook e volete cimentarvi con la scrittura degli haiku, oppure siete esperti e volete contribuire con i vostri componimenti, vi invito a iscrivervi al mio gruppo PETALI PROFUMATI - I nostri haiku.  Il link per gli iscritti a facebook è il seguente:

 https://www.facebook.com/groups/petaliprofumati/

 

Se chiedete l'iscrizione, daremo una veloce occhiata  al vostro diario di Facebook (per evitare di iscrivere buontemponi e perditempo). Sono graditi coloro che amano l'arte, la bellezza, la gioia e coloro che vogliono leggere o scrivere haiku. Il gruppo propone diverse attività: organizziamo giochi e gare di haiku (in premio diamo pergamene virtuali).