CANZONI DEL PASSATO 1

CAPINERA (1918)

 

La chiamavan Capinera

pei suoi ricci neri e belli,

stava sempre fra i monelli

per la strada tutto il dì.

 

Scalza e lacera una sera,

m'apprestavo a rincasar, 

col visino suo di cera 

me la vidi avvicinar: 

 

"Dammi un soldo, ho tanta fame"

"Hai la mamma?" - "Non ce l'ho".

"E il tuo babbo, la tua casa?"

E lei triste "Non lo so".

 

Provai una stretta al cuore

e quella sera 

la mia casetta accolse

Capinera. 

 

E lei cantava, cantava giuliva,

di trilli e gridi la casa m'empiva,

ed un bel sogno nel cuor carezzavo.

La contemplavo, forse l'amavo. 

 

Tredici anni lei compiva.

S'era fatta pensierosa. 

"Pensi forse a qualche cosa che ti manca?"

"Non lo so".

 

Primavera,

sole e fiori.

Capinera è sempre là. 

Sta affacciata e guarda fuori. 

 

"Cosa vuoi?" - "La libertà". 

"Non hai casa, non hai mamma, dove andrai?"

Rispose: "Andrò". 

Con la mano piccolina l'orizzonte m'insegnò. 

 

Provai una stretta al cuore

finchè una sera 

più non trovai a casa

Capinera.

 

Di trilli e gridi

la casa m'empiva.

La contemplavo,

forse l'amavo. 

 

Fu in un'alba di Gennaio, 

dopo l'orgia rincasavo, 

nevicava e m'affrettavo 

già ad aprire il mio porton.

 

Ma a distanza molto breve, 

vidi un certo non so che 

affiorare tra la neve. 

Dissi allor: "Vediam cos'è". 

 

Eran cenci. Io li rimossi.

Diedi un grido: "Due piedin".

Due piedini scalzi e rossi,

poi le mani, poi un visin. 

 

Un urlo mi sfuggì

vedendo ch'era, 

la mia piccina,

la mia Capinera. 

 

Forse pentita al suo nido tornava.

Forse quaggiù, che le aprissi invocava,

mentre la neve saliva, saliva,

e lei moriva.

 

E lei moriva!

LUCCIOLE VAGABONDE (1927)

 

Quando più fitta l'oscurità

scende sulla città,

lucciole ansiose di libertà

noi lasciamo i bassifondi.

 

Senza una meta c'incamminiam

e sotto ad un lampion,

quando la ronda non incontriam,

cantiamo la canzon:

 

Noi siam come le lucciole,

brilliamo nelle tenebre,

schiave d'un mondo brutal

noi siamo i fiori del mal.

 

Se il nostro cuor vuol piangere,

noi pur dobbiam sorridere

danzando sui marciapiè

finchè la luna c'è.

 

Pallida luna soltanto tu

la nostra gioventù

vedi ogni notte appassir di più

come un fiore senza sole.

 

Ma se il destino ci spezzerà

nel cuore la canzon,

solo il coraggio ci bacerà

all'ombra del bastion.

 

Noi siam come le lucciole,

brilliamo nelle tenebre,

schiave d'un mondo brutal

noi siamo i fiori del mal.

 

Se il nostro cuor vuol piangere

noi pur dobbiam sorridere

danzando sui marciapiè

finchè la luna c'è.

 

Se il nostro cuor vuol piangere

noi pur dobbiam sorridere

danzando sui marciapiè

finchè la luna c'è.

BAMBINA INNAMORATA (1936)

 

Bambina innamorata

stanotte t'ho sognata

sul cuore addormentata

e sorridevi tu.

 

Bambina innamorata

la bocca t'ho baciata,

quel bacio ti ha destata

non lo scordare più.

 

M'hai detto t'amo

voglio il tuo amor,

risposi t'amo

con tutto il cuor.

 

Bambina innamorata

stanotte t'ho sognata

sul cuore addormentata

e sorridevi tu.

 

Prima rosa

se tremante già ti parlo del mio amore

tu mi parli e mi sorridi maliziosa

ma forse ti batte il cuor.

 

Prima rosa

più gentile e delicata d'un bel fiore

vorrei dirti ciò che il labbro mai non osa

io vivo per questo amor.

 

Bambina innamorata

stanotte t'ho sognata

sul cuore addormentata

e sorridevi tu.

CHITARRA ROMANA (1934)

 

Sotto un manto di stelle

Roma bella mi appare,

solitario il mio cuor disilluso d'amor.

vuol nell'ombra cantar

 

Una muta fontana

e un balcone lassù,

o chitarra romana

accompagnami tu.

 

Suona suona mia chitarra

lascia piangere il mio cuore,

senza casa e senza amore

mi rimani solo tu.

 

Se la voce è un po' velata

accompagnami in sordina,

la mia bella fornarina

al balcone non c'è più.

 

Lungotevere dorme

mentre il fiume cammina,

io lo seguo perché mi trascina con sé

e travolge il mio cuor.

 

Vedo un ombra lontana

e una stella lassù,

o chitarra romana

accompagnami tu.

 

Se la voce è un po' velata

accompagnami in sordina,

la mia bella fornarina

al balcone non c'è più.

 

O chitarra romana

accompagnami tu

 

TI VOGLIO TANTO BENE (1937)

 

Non una stella brilla in mezzo al cielo,

la stella mia sei tu sul mio cammino.

Tu m'accompagni e segui il mio destino,

tu sei la vita e la felicità.

 

Dimmi

che l'amor tuo non muore,

è come il sole doro

che non muore mai più.

 

Dimmi

che non sai ingannare il cuore,

che il sogno mio d'amore

per sempre sei tu.

 

Cara,

ti voglio tanto bene,

non ho nessuno al mondo

più cara di te.

T'amo,

il sogno mio d'amore,

la vita del mio cuore

sei solo tu.

 

Cara,

ti voglio tanto bene,

non ho nessuno al mondo

più cara di te.

 

T'amo,

il sogno mio d'amore,

la vita del mio cuore

sei solo tu

FIORIN FIORELLO (1938)

 

Oggi tutto il cielo è in festa, 

più ridente brilla il sole

e non so perché vedo intorno a me

tutte rose e viole.

 

Il mio cuore è innamorato,

non lo posso più frenare,

io non so cos'è,

c'è qualcosa in me che mi fa cantare:

 

Fiorin, Fiorello,

l'amore è bello vicino a te,

mi fa sognare, mi fa tremare,

chissà perché.

 

Fior di margherita,

cos'è mai la vita

se non c'è l'amore

che il nostro cuore fa palpitar.

 

Fior di verbena,

se qualche pena l'amor ci dà,

fa come il vento

che è in un momento, poi passa e va.

 

Ma quando tu sei con me,

io son felice perché

Fiorin, Fiorello,

l'amore è bello vicino a te. 

 

Cosa importa se in amore,

la canzone è sempre quella,

la cantò il papà, la cantò mammá

nell'età piu bella.

 

Oggi so che mi vuoi bene,

tu lo sai che t'amo tanto,

poi doman si sa tutto finirà

ma però ci canto:

 

Fiorin, Fiorello,

l'amore è bello vicino a te,

mi fa sognare, mi fa tremare,

chissà perché.

 

Fior di margherita,

cos'è mai la vita

se non c'è l'amore

che il nostro cuore fa palpitar.

 

Fior di verbena,

se qualche pena l'amor ci dà,

fa come il vento

che è in un momento, poi passa e va.

 

Ma quando tu sei con me,

io son felice perché

Fiorin, Fiorello,

l'amore è bello vicino a te. 

 

Fior di verbena,

se qualche pena l'amor ci dà,

fa come il vento

che è in un momento, poi passa e va.

 

Ma quando tu sei con me,

io son felice perché

Fiorin, Fiorello,

l'amore è bello vicino a te.

SE VUOI GODER LA VITA (1940)

 

Una casetta in campagna,

un orticello, una vigna.

Qui chi vi nasce vi regna

non cerca e non sogna la grande città.

Un dolce suon di zampogna

che tanto batte nel cuore.

 

Se vuoi goder la vita

vieni quaggiù in campagna,

è tutta un’altra cosa

vedi il mondo color di rosa,

quest’aria deliziosa

non è l’aria della città.

 

Svegliati con il gallo,

specchiati nel ruscello,

bacia la tua compagna

che t’accompagna col somarello.

Ogni figliolo è un fiore nato sulla colina,

baciane una dozzina. Oh! Che felicità.

 

Se vuoi goder la vita

torna al tuo paesello

ch’è assai più bello della città.

 

Fasci lucenti di grano

sembra ogni falce un baleno,

tutto un sapore nostrano,

profumo di fieno di grappoli e fior.

E la sorgente pian piano

mormora un canto d’amore.

 

Se vuoi goder la vita

vieni quaggiù in campagna,

è tutta un’altra cosa

vedi il mondo color di rosa,

quest’aria deliziosa

non è l’aria della città.

 

Svegliati con il gallo,

specchiati nel ruscello,

bacia la tua compagna

che t’accompagna col somarello,

ogni figliolo è un fiore, nato sulla colina,

baciane una dozzina. Oh! Che felicità.

 

Se vuoi goder la vita

torna al tuo paesello

ch'è assai più bello della città.

 

FIORELLIN DEL PRATO (1940)

 

Fiorellin del prato,

messagger d'amore,

bacia la bocca che

non ha mai baciato,

fiorellin del prato

non mi dir di no.

 

Ogni serenata

dice con languore:

Bella tra le più belle

è la bocca amata,

ma di sete muore

chi non può baciare.

 

Oh! Oh! Mi farai contento.

Oh! Oh! Se la baci tu.

 

Fiorellin del prato,

messagger d'amore,

bacia la bocca che

non ha mai baciato,

fiorellin del prato

non mi dir di no.

 

Fiorellin del prato,

messagger d'amore,

bacia la bocca che

non ha mai baciato,

fiorellin del prato

non mi dir di no.

 

Fiorellin del prato

non mi dir di no. 

 

Fiorellin del prato

non mi dir di no. 

 

E' PRIMAVERA (MATTINATA FIORENTINA) (1941)

 

È primavera

svegliatevi bambine,

alle cascine messere Aprile fa il rubacuor.

 

E a tarda sera,

madonne fiorentine,

quante forcine si troveranno sui prati in fior.

 

Fiorin di noce,

c'è poca luce ma tanta pace,

fiorin di noce, c'è poca luce.

 

Fiorin di brace,

Madonna Bice non nega baci,

baciar le piace, che male c'è?

 

È primavera

svegliatevi bambine

alle cascine, messere Aprile fa il rubacuor.

 

Fiorin dipinto,

s'amava tanto nel quattrocento,

fiorin dipinto, s'amava tanto.

 

Fiorin d'argento,

Madonna Amante le labbra tinte

persin dal vento si fa baciar!

 

È primavera

che festa di colori!

Madonne e fiori trionfo eterno di gioventù.

D'amor

AMADO MIO (1946)

 

Amado mio,

godiam quest'ora

che ci innamora

ma svanirà.

 

La notte splende

di mille luci

e ai nostri baci

sorriderà.

 

Prima che l'aurora

risorga ancora

non lasciar sfuggir

questa notte blu

che non tornerà più.

 

D'un azzurro velo

s'ammanta il cielo,

canta l' usignol

e ci inebria il cuor

del profumo dei fior.

 

Amado mio,

stanotte o mai

mi bacerai,

ti bacerò.

 

Amado mio,

in questo incanto

parliam soltanto

del nostro amor.

 

Prima che l'aurora

risorga ancora

non lasciar sfuggir

questa notte blu

che non tornerà più.

 

Amado mio, 

in questo incanto

parliam soltanto

del nostro amor.

NON DIMENTICAR LE MIE PAROLE (1937)

 

Non dimenticar le mie parole,

bimba tu non sai cos'è l'amor,

è una cosa bella come il sole,

più del sole dà calor.

 

Scende lentamente nelle vene

e pian piano giunge fino al cuor,

nascono così le prime pene

con i primi sogni d'or.

 

Ogni cuore innamorato

si tormenta sempre più,

tu che ancor non hai amato

forse non mi sai capire, tu.

 

Non dimenticar le mie parole,

bimba t'amo tanto, da morir,

tu per me sei forse più del sole,

non mi fare mai soffrir.

 

Ma io t'ho sempre amata

come amar non so di più,

tu però sei tanto ingrata

forse non mi sai capir tu.

 

Non dimenticar le mie parole,

bimba tu non sai cos'è l'amor,

è una cosa bella come il sole,

più del sole dà calor.

 

Scende lentamente nelle vene

e pian piano giunge fino al cuor,

nascono così le prime pene

con i primi sogni d'or.

 

Ogni cuore innamorato

si tormenta sempre più,

tu che ancor non hai amato

forse non mi sai capire tu.

 

Non dimenticar le mie parole,

bimba t'amo tanto da morir,

tu per me sei forse più del sole,

non mi fare mai soffrir.

 

TORNA PICCINA (1937)

 

Nella mia vita triste e senza amore 

tutto svanisce e nulla mi sorride più. 

Ho una speranza ancora in fondo al cuore, 

questa speranza mia sei solo tu.

 

Torna piccina mia, 

torna dal tuo papà,

egli t'aspetta sempre con ansietà. 

 

Fra le sue braccia, amore,

egli ti stringerà,

la ninna nanna ancora ti canterà.

 

Sei tutta la mia vita, 

tutto tu sei per me, 

certo sarà finita 

se resto senza te, mio bene.

 

Torna piccina mia, 

torna che il tuo papà,

la ninna nanna ancora ti canterà.

 

Quando fa notte e brillano le stelle, 

penso a chi sogna un mondo di felicità,

ma la mia bella stella fra le belle 

chi sa se un giorno ancora brillerà.

 

Torna piccina mia, 

torna dal tuo papà,

egli t'aspetta sempre con ansietà.

 

Fra le sue braccia, amore,

egli ti stringerà,

la ninna nanna ancora ti canterà.

 

Sei tutta la mia vita, 

tutto tu sei per me, 

certo sarà finita 

se resto senza te, se resto senza te.

 

Torna piccina mia, 

torna che il tuo papà,

la ninna nanna ancora ti canterà.

 

FILI D'ORO (1912)

 

Quando Rosa torna dal villaggio

sola sola e mesta in volto,

io la seguo, ma non ho coraggio

di pregarla a darmi ascolto.

 

Dolce è la sera

e lunga è la via,

a farla insieme

men lunga saria.

 

Son fili d’oro i suoi capelli biondi

e la boccuccia odora,

gli occhi suoi belli sono neri e fondi

e non mi guarda ancora.

 

Ho parlato al nostro buon curato

che m'ha detto: "Figliol mio,

se l’amore in te non è peccato

sarà pago il tuo desio".

 

Arde il mio core

ma pura è la fiamma,

amo lei sola,

la casa e la mamma.

 

Son fili d’oro i suoi capelli biondi

e la boccuccia odora,

gli occhi suoi belli sono neri e fondi

e non mi guarda ancora.

 

E l'ho vista uscir dalla chiesetta

con un aria di mistero,

io le ho porto l’acqua benedetta,

m'ha sorriso e non par vero.

 

"Che buon curato"

m'ha detto passando,

ed io le ho chiesto:

"Ma quando, ma quando?"

 

Son fili d’oro i suoi capelli biondi

e la boccuccia odora,

gli occhi suoi belli sono pìù profondi

or che mi guarda ancora.

 

Mentre la stringo

lei sussurra:"T'amo",

ed io rispondo:

"Io moro".

 

CARA PICCINA (1917)

 

Son trenta giorni che vi voglio bene,

son trenta notti che non dormo più.

Non ve ne addolorate, ma conviene

che non mi abitui ancora a darvi il "Tu".

 

No, cara piccina no,

così non va.

Diamo un addio all'amore

se nell'amore è l'infelicità.

 

Negli occhi avete la malinconia,

nel core avete la felicità.

Ogni lacrima vostra è una bugia

che ha tutta l'aria della verità.

 

No, cara piccina no,

così non va.

Diamo un addio all'amore

se nell'amore è l'infelicità.

 

Forse è l'addio se non verrò stasera,

piccina mia non aspettarmi più.

Addio mio sogno, addio mia primavera,

nel dirti addio ti voglio dare il "Tu".

 

No, cara piccina no,

così non va.

Diamo un addio all'amore

se nell'amore è l'infelicità.

 

Diamo un addio all'amore

se nell'amore è l'infelicità.

LE ROSE ROSSE (1919)

 

Tutte le rose di tutti i roseti

vorrebbe il cuore soltanto per sé.

Tutte le rose dei giorni più lieti

or che ogni cuore più triste non è.

E si fan tenere, le bocche baciano,

baciano e fremono tra i prati in fior.

 

Cuore, so che vuoi goder,

so che vuoi per te

rose d’ogni color.

Ma, le rose rosse, no!

Non le voglio veder.

Non le voglio veder.

 

So d’un giardino che fu devastato

poiché la guerra feroce vi entrò.

Tutto il terreno di sangue arrossato,

sangue che tutte le rose macchiò.

E rosseggiarono corolle e petali

in fronte al tepido bacio del sol.

 

Cuore, so che vuoi goder,

so che vuoi per te

rose d’ogni color.

Ma, le rose rosse, no!

Non le voglio veder.

Non le voglio veder.

 

Torni il bel maggio e il ricordo cancelli

d’un tempo tristo che alfine passò.

Tutti i colori più vaghi e più belli

vegga fiorir chi sofferse d’amor.

Ma non ritornino le rosse immagini

che ci ricordano tanti dolor.

 

Cuore, so che vuoi goder,

so che vuoi per te

rose d’ogni color.

Ma, le rose rosse, no!

Non le voglio veder.

Non le voglio veder

GELOSIA (1926)

 

Guardami,

che m'ami ripetimi,

nel cuore sento

come un presentimento.

 

Credimi,

ti prego perdonami,

questo tormento

dice tutto il mio amor.

 

Io ti darò tutto ciò che vuoi da me,

ma devi dirmi che ami solo me.

Non mi lascerai, non farlo mai,

io soffro e sai perchè.

 

Amore vuol dir gelosia

per chi s'innamora di te,

tu forse non pensi che fai di me,

che fai del mio cuor, della vita mia.

 

Se amore vuol dir gelosia,

chi mai t'amerà più di me,

io tremo al pensiero che un dì

un amor t'insegnò ad amare così.

 

Se amore vuol dir gelosia,

chi mai t'amerà più di me,

io tremo al pensiero che un dì

un amor t'insegnò ad amare così.

LA PICCININA (1939)

 

Col visino mezzo incipriato,

il più bel sorriso spensierato,

giri per il Corso più affollato

col tuo scatolone di novità.

 

Oh, bella Piccinina,

che passi ogni mattina

sgambettando lieta tra la gente,

canticchiando sempre allegramente.

 

Oh, bella Piccinina,

sei tanto birichina

che diventi rossa rossa

se qualcuno, là per là,

dolce una frase ti bisbiglia,

ti fa l'occhiolin di triglia,

ti saluta e se ne va.

 

Quando tu sei sola al magazzino

e allo specchio provi un cappellino,

pensi sempre a quel giovanottino

che ogni sera fuori t'aspetterà.

 

Oh, bella Piccinina,

che passi ogni mattina

sgambettando lieta tra la gente,

canticchiando sempre allegramente.

 

Oh, bella Piccinina,

sei tanto birichina

che diventi rossa rossa

se qualcuno, là per là,

dolce una frase ti bisbiglia,

ti fa l'occhiolin di triglia,

ti saluta e se ne va.

 

Semplice così, sei come un fiore,

non conosci i palpiti del cuore,

ma se un dì saprai cos'è l'amore

tu rimpiangerai questa bella età.

 

Oh, bella Piccinina,

che passi ogni mattina

sgambettando lieta tra la gente,

canticchiando sempre allegramente.

 

Oh, bella Piccinina,

sei tanto birichina

che diventi rossa rossa

se qualcuno, là per là,

dolce una frase ti bisbiglia,

ti fa l'occhiolin di triglia,

ti saluta e se ne va.

 

GRANADA (1932)

 

Granada,

città del sole e dei fior,

il mio canto è l'ultimo addio 

d'un nostalgico cuor.

Canterò la mia canzon gitana,

canterò, e con le lacrime 

la terra ancor bacerò.

 

Addio Granada,

paese di mille toreri.

Un lampo di spada 

t'illumina al suon dei boleri.

Addio mantiglie, 

sorrisi di bocche vermiglie.

 

Addio chitarre sognanti,

sospiri d'amanti,

corride e canzon di passion.

Addio Granada, 

addio città dei gitani.

Dovunque io vada 

per sempre nel cuor mi rimani.

 

Madonna morena lenisci la pena

di questo mio cuore zingaro.

Addio Granada romantica

paese di luce,

di sangue e d'amor.

 

Madonna morena lenisci la pena

di questo mio cuore zingaro.

Addio, Granada romantica

paese di luce,

di sangue e d'amor

 

SIGNORINELLA (1931)

 

Signorinella pallida

dolce dirimpettaia del quinto piano,

non v'è una notte ch'io non sogni Napoli

e son vent'anni che ne sto lontano.

 

Al mio paese nevica,

il campanile della chiesa è bianco,

tutta la legna è diventata cenere,

io ho sempre freddo e sono triste e stanco.

 

Amore mio, non ti ricordi

che nel dirmi addio

mi mettesti all'occhiello una pansè

poi mi dicesti con la voce tremula:

Non ti scordar di me.

 

Bei tempi di baldoria,

dolce felicità fatta di niente.

Brindisi coi bicchieri colmi d'acqua

al nostro amore povero e innocente.

 

Negli occhi tuoi passavano

una speranza, un sogno e una carezza,

avevi un nome che non si dimentica,

un nome lungo e breve: Giovinezza.

 

Il mio piccino,

in un mio vecchio libro di latino,

ha trovato - indovina - una pansè.

Perchè negli occhi mi tremò una lacrima?

Chissà, chissà perchè!

 

E gli anni e i giorni passano

eguali e grigi con monotonia,

le nostre foglie più non rinverdiscono,

signorinella, che malinconia!

 

Tu innamorata e pallida

più non ricami innanzi al tuo telaio,

io qui son diventato il buon Don Cesare,

porto il mantello a ruota e fo il notaio.

 

Lenta e lontana,

mentre ti penso suona la campana

della piccola chiesa del Gesu, 

e nevica, vedessi come nevica: 

 

 

Ma tu, dove sei tu.

FIRENZE SOGNA (1939)

 

Firenze stanotte sei bella

in un manto di stelle

che in cielo risplendono

tremule come fiammelle.

 

Nell'ombra nascondi gli amanti,

le bocche tremanti si parlan d'amor.

Intorno c'è tanta poesia

per te vita mia sospira il mio cuor.

 

Sull'Arno d'argento

si specchia il firmamento

mentre un sospiro e un canto

si perde lontan.

 

Dorme Firenze

sotto il raggio della luna,

ma dietro ad un balcone

veglia una madonna bruna.

 

Sopra i Lungarni

senti un'armonia d'amore,

sospirano gli amanti

 

stretti stretti cuore a cuore.

SCRIVIMI (1936) 

Quando tu sei partita

mi hai donato una rosa

oggi è triste e sfiorita

come questo mio cuor. 

L'ho bagnata di pianto

per ridarle la vita

ma il tuo amore soltanto

la può far rifiorir. 

Scrivimi,

non tenermi più in pena.

Una frase, un rigo appena

calmeranno il mio dolor. 

Sarà forse l'addio

che puoi dare al cuore mio.

Scrivimi,

non lasciarmi così.  

 

Tu non scrivi e non torni,

ti sei fatta di gelo,

così passano i giorni

senza amore per me.

 

Mentre folle ti chiamo

forse un altro ti bacia,

ed io solo, che t'amo,

devo pianger per te.

 

Scrivimi,

non tenermi più in pena.

Una frase, un rigo appena

calmeranno il mio dolor.

 

Sarà forse l'addio

che puoi dare al cuore mio.

Scrivimi,

non lasciarmi così.

 

È tua madre che mi scrive

che tu sposi un gran signor.

Questo gelido addio

è un insulto all'amor mio.

 

Scrivimi,  

che felice sei tu

IL PRIMO AMORE (1937)

 

Il primo amore non si scorda mai,

un antico stornello me l'ha detto.

Se tu dimenticare mai potrai

la prima volta ch'io ti strinsi al petto.

 

Torna al tuo primo amore, torna a cantare

quella canzone da te preferita.

Dammi i tuoi baci, io ti darò la vita.

Cantiamo assieme:

II primo amore non si scorda mai!

 

Per te, che ti amo tanto e te sospiro,

il canto della notte è una passione.

La luna splende e un venticello spira

e porta questo canto al tuo verone.

 

Torna al tuo primo amore, a ricantare

quella canzone da te preferita.

Dammi i tuoi baci, io ti darò la vita.

Cantiamo assieme:

Il primo amore non si scorda mai! 

 

 

Torna a me

BESAME MUCHO (1941)

 

Besame,

besame mucho.

In questo bacio

la vita ti voglio donar.

 

Besame mucho,

in questa ebbrezza

di tutto

mi voglio scordar. 

 

Pensa che un giorno lontano,

un dolce ricordo solo resterà.

E le parole "Io t’amo"

il labbro tremante mai più ti dirà. 

 

Besame,

besame mucho,

come se fosse

il tuo ultimo bacio per me.

 

Besame mucho,

fa ch’io diventi

una piccola parte di te. 

Besame! Besame

 

LA STRADA NEL BOSCO (1943)

 

Vieni, c'è una strada nel bosco,

il suo nome conosco,

vuoi conoscerlo tu?

 

Vieni, è la strada del cuore,

dove nasce l'amore

che non muore mai più.

 

Laggiu tra gli alberi,

intrecciato coi rami in fior,

c'è un nido semplice

come sogna il tuo cuor.

 

Vieni, c'è una strada nel bosco,

il suo nome conosco,

vuoi conoscerlo tu?

 

Laggiù tra gli alberi,

intrecciato coi rami in fior,

c'è un nido semplice

come sogna il tuo cuor.

 

Vieni, c'è una strada nel bosco,

il suo nome conosco,  

vuoi conoscerlo tu?

E' PRIMAVERA (MATTINATA FIORENTINA) (1941)

 

È primavera

svegliatevi bambine,

alle cascine messere Aprile fa il rubacuor.

 

E a tarda sera,

madonne fiorentine,

quante forcine si troveranno sui prati in fior.

 

Fiorin di noce,

c'è poca luce ma tanta pace,

fiorin di noce, c'è poca luce.

 

Fiorin di brace,

Madonna Bice non nega baci,

baciar le piace, che male c'è?

 

È primavera

svegliatevi bambine

alle cascine, messere Aprile fa il rubacuor.

 

Fiorin dipinto,

s'amava tanto nel quattrocento,

fiorin dipinto, s'amava tanto.

 

Fiorin d'argento,

Madonna Amante le labbra tinte

persin dal vento si fa baciar!

 

È primavera

che festa di colori!

Madonne e fiori trionfo eterno di gioventù.

D'amor


PETALI PROFUMATI - I vostri haiku

 

Se siete iscritti a Facebook e volete cimentarvi con la scrittura degli haiku, oppure siete esperti e volete contribuire con i vostri componimenti, vi invito a iscrivervi al mio gruppo PETALI PROFUMATI - I nostri haiku.  Il link per gli iscritti a facebook è il seguente:

 https://www.facebook.com/groups/petaliprofumati/

 

Se chiedete l'iscrizione, daremo una veloce occhiata  al vostro diario di Facebook (per evitare di iscrivere buontemponi e perditempo). Sono graditi coloro che amano l'arte, la bellezza, la gioia e coloro che vogliono leggere o scrivere haiku. Il gruppo propone diverse attività: organizziamo giochi e gare di haiku (in premio diamo pergamene virtuali).