CANZONI DEL PASSATO 3

ADDIO MIA BELLA ADDIO (1848)

 

Addio mia bella, addio,

l'armata se ne va

e se non partissi anch'io

sarebbe una viltà.

E se non partissi anch'io

sarebbe una viltà.

 

Non pianger, mio tesoro,

forse io ritornerò,

ma se in battaglia muoro

in ciel ti rivedrò.

Ma se in battaglia muoro

in ciel ti rivedrò.

 

La spada, le pistole,

lo schioppo l'ho con me, 

allo spuntar del sole

io partirò da te.

Allo spuntar del sole

io partirò da te.

 

Il sacco è preparato,

sull'omero mi sta,

sono uomo e son soldato,

viva la Libertà!

Sono uomo e son soldato,

viva la Libertà!

 

Io non ti lascio sola,

si, ti resta un figlio ancor,

nel figlio ti consola,

nel figlio dell'amor!

Nel figlio ti consola,

nel figlio dell'amor!

 

Suonò la tromba, addio,

l'armata se ne va.

Un bacio al figlio mio!

Viva la Libertà!

Un bacio al figlio mio!

Viva la Libertà!

MARECHIARE (1886)

 

Quanno spónta la luna a Marechiare

pure li pisce nce fanno a ll'ammore.

Se revòtano ll'onne de lu mare,

pe' la priézza cágnano culore. 

 

Quanno sponta la luna a Marechiare!

A Marechiare ce sta na fenesta, 

la passiona mia nce tuzzuléa. 

 

Nu garofano addora 'int 'a na testa, 

passa ll'acqua pe' sotto e murmuréa.

 

A Marechiare nce sta na fenesta!

Ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah

ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah

 

A Marechiare,

A Marechiare nce sta na fenesta!

 

Chi dice ca li stelle só lucente,

nun sape st'uocchie ca tu tiene 'nfronte! 

Sti ddoje stelle li ssaccio i' sulamente, 

dint' a lu core ne tengo li ppónte.

 

Chi dice ca li stelle só lucente!

Scétate, Carulí, ca ll'aria è doce.

Quanno maje tantu tiempo aggi' aspettato! 

 

P'accumpagná li suone cu la voce, 

stasera na chitarra aggi' purtato.

Scétate, Carulí, ca ll'aria è doce!

 

Ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah

ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah

Ascetate, ascetate, ca ll'aria è doce!

QUEL MAZZOLIN DI FIORI (1904)

 

Quel mazzolin di fiori,

che vien dalla montagna.

E bada ben che non si bagna

che lo voglio regalar,

e bada ben che non si bagna

che lo voglio regalar.

 

Lo voglio regalare,

perchè l'è un bel mazzetto.

Lo voglio dare al mio moretto

questa sera quando vien,

lo voglio dare al mio moretto

questa sera quando vien.

 

Stasera quando viene,

sarà una brutta sera.

E perchè lui sabato sera

lui non è vegnù da me,

e perchè lui sabato sera

lui non è vegnù da me.

 

Non l'è vegnù da me,

l'è andà dalla Rosina.

E perchè mi son poverina

mi fa pianger e sospirar,

e perchè mi son poverina

mi fa pianger e sospirar.

 

Fa pianger e sospirare,

sul letto dei lamenti.

E cosa mai diran le genti,

cosa mai diran di me?

e cosa mai diran le genti,

cosa mai diran di me?

 

Diran che son tradita

tradita nell'amore.

E sempre a me mi piange il core

e per sempre piangerà,

e sempre a me mi piange il core

e per sempre piangerà.

MAMMA MIA DAMMI CENTO LIRE (1908)

 

Mamma mia dammi 100 lire

che in America voglio andar!

Cento lire io te le do

ma in America no, no, no!

Cento lire io te le do

ma in America no, no, no!

 

I suoi fratelli alla finestra:

Mamma mia lassela andar!

Vai, vai pure o figlia ingrata

che qualcosa succederà!

Vai, vai pure o figlia ingrata

che qualcosa succederà!

 

Quando furono in mezzo al mare,

il bastimento si sprofondò!

Pescatore che peschi i pesci,

la mia figlia vai tu a pescar!

Pescatore che peschi i pesci,

la mia figlia vai tu a pescar!

 

Il mio sangue è rosso e fino,

i pesci del mare lo beveran!

La mia carne è bianca e pura,

la balena la mangerà!

La mia carne è bianca e pura,

la balena la mangerà!

 

Il consiglio della mia mamma

l'era tutta la verità,

mentre quello dei miei fratelli

resta quello che m'ha ingannà!

Mentre quello dei miei fratelli

resta quello che m'ha ingannà!

 

Il consiglio della mia mamma

l'era tutta la verità,

mentre quello dei miei fratelli

resta quello che m'ha ingannà!

Mentre quello dei miei fratelli

resta quello che m'ha ingannà!

 

Mentre quello dei miei fratelli

resta quello che m'ha ingannà!

Mentre quello dei miei fratelli

resta quello che m'ha ingannà

LA SOCIETÀ DE’ MAGNACCIONI (1908)

 

Fatece largo che passamo noi, 

sti giovenotti de 'sta Roma bella, 

semo regazzi fatti cor pennello 

e le regazze famo innammorà. 

 

E le regazze famo innammorà! 

 

Ma che ce frega, ma che ce 'mporta 

si l'oste ar vino cià messo l'acqua, 

e noi je dimo, e noi je famo: 

"Ciai messo l'acqua e nun te pagamo". 

 

Ma però noi semo quelli 

che j'arisponnemo 'n coro: 

"E' mejo er vino de li Castelli 

che de 'sta zozza società". 

 

E si pe' caso la sòcera mòre 

se famo du' spaghetti matriciani, 

se famo um par de litri velletrani, 

s'imbrïacamo e 'n ce penzamo più.

 

S'imbrïacamo e 'n ce penzamo più!

 

Ma che ce frega, ma che ce 'mporta 

se l'oste ar vino cià messo l'acqua,

e noi je dimo, e noi je famo: 

"Ciai messo l'acqua e nun te pagamo". 

 

Ma però noi semo quelli 

Che j'arisponnemo 'n coro: 

"E' mejo er vino de li Castelli 

che de 'sta zozza società". 

 

Ce piaceno li polli, 

l'abbacchio e le galline, 

perchè sò senza spine,

nun sò com'er baccalà. 

 

La società dei Magnaccioni, 

la società de la gioventù, 

a noi ce piace de magna e beve 

ma nun ce piace de lavorà. 

 

Pòrtece 'n'antro litro, 

che noi se lo bevemo, 

e poi j'arisponnemo: 

"Embè? Embè? Che c'è?" 

 

E quanno er vino ('mbè),

ciariva ar gozzo ('mbè),

ar gargarozzo ('mbè),

Ce fa 'n ficozzo ('mbè).

 

Pe' falla corta, pe' falla breve: 

"Mio caro oste pòrtece da beve".

Da beve! Da beve!

Olè!

O ANGIOLINA, BELA ANGIOLINA (1914)

 

O Angiolina, bela Angiolina,

o Angiolina, bela Angiolina,

innamorato io son di te,

innamorato dall'altra sera

quando venni a balar con te.

 

Innamorato io son di te,

innamorato dall'altra sera

quando venni a balar con te.

 

E la s'ha messo la veste rosa,

e la s'ha messo la veste rosa,

e le scarpette con le rose,

e le scarpette con le rosette,

fatte apposta per ben ballar. 

 

E le scarpette con le rose,

e le scarpette con le rosette,

fatte apposta per ben ballar

 

LA PENNA NERA (1915)

Sul cappello,

sul cappello che noi portiamo

c'è una lunga,

c'è una lunga penna nera,

che a noi serve,

che a noi serve da bandiera

su pei monti,

su pei monti a guerreggiar.

Oilalà!

 

Su pei monti,

su pei monti che noi saremo,

coglieremo,

coglieremo stelle alpine,

per portarle,

per portarle alle bambine

farle pianger,

farle pianger e sospirar.

Oilalà!

 

Su pei monti,

su pei monti che noi andremo,

pianteremo,

pianteremo l'accampamento,

brinderemo,

brinderemo al reggimento,

viva il Corpo,

viva il Corpo degli Alpin!

Oilalà!

 

Evviva evviva

il Reggimento,

evviva evviva

il Corpo degli Alpin.

Evviva evviva

il Reggimento,

evviva evviva

il Corpo degli Alpin.

Oilalà!

MONTE GRAPPA (1918)

 

Monte Grappa tu sei la mia Patria, 

sovra a te il nostro sole risplende, 

a te mira chi spera ed attende 

i fratelli che a guardia vi stan. 

 

Contro a te già s’infranse il nemico 

che all’Italia tendeva lo sguardo,

non si passa un cotal baluardo 

affidato ad italici cuor. 

 

Monte Grappa tu sei la mia Patria, 

sei la stella che addita il cammino, 

sei la gloria, il volere, il destino

che all’Italia ci fa ritornar. 

 

Le tue cime fur sempre vietate 

per il piè dell’odiato straniero,

dei tuoi fianchi egli ignora il sentiero 

che pugnando più volte tentò. 

 

Qual la candida neve che al vento 

ti ricopre di splendido ammanto,

tu sei puro ed invitto con vanto 

che il nemico non lasci passar. 

 

Monte Grappa tu sei la mia Patria, 

sei la stella che addita il cammino, 

sei la gloria, il volere, il destino, 

che all’Italia ci fa ritornar.

 

O montagna, per noi tu sei sacra, 

giù di lì scenderanno le schiere 

che irrompenti a spiegate bandiere 

l’invasore dovranno scacciar. 

 

Ed i giorni del nostro servaggio,

che scontammo mordendo nel freno,

in un forte avvenire sereno 

al più presto vedremo mutar. 

 

Monte Grappa tu sei la mia Patria, 

sei la stella che addita il cammino, 

sei la gloria, il volere, il destino 

che all’Italia ci fa ritornar.

CAPINERA (1918)

 

La chiamavan Capinera

pei suoi ricci neri e belli,

stava sempre fra i monelli

per la strada tutto il dì.

 

Scalza e lacera una sera,

m'apprestavo a rincasar, 

col visino suo di cera 

me la vidi avvicinar: 

 

"Dammi un soldo, ho tanta fame"

"Hai la mamma?" - "Non ce l'ho".

"E il tuo babbo, la tua casa?"

E lei triste "Non lo so".

 

Provai una stretta al cuore

e quella sera 

la mia casetta accolse

Capinera. 

 

E lei cantava, cantava giuliva,

di trilli e gridi la casa m'empiva,

ed un bel sogno nel cuor carezzavo.

La contemplavo, forse l'amavo. 

 

Tredici anni lei compiva.

S'era fatta pensierosa. 

"Pensi forse a qualche cosa che ti manca?"

"Non lo so".

 

Primavera,

sole e fiori.

Capinera è sempre là. 

Sta affacciata e guarda fuori. 

 

"Cosa vuoi?" - "La libertà". 

"Non hai casa, non hai mamma, dove andrai?"

Rispose: "Andrò". 

Con la mano piccolina l'orizzonte m'insegnò. 

 

Provai una stretta al cuore

finchè una sera 

più non trovai a casa

Capinera.

 

Di trilli e gridi

la casa m'empiva.

La contemplavo,

forse l'amavo. 

 

Fu in un'alba di Gennaio, 

dopo l'orgia rincasavo, 

nevicava e m'affrettavo 

già ad aprire il mio porton.

 

Ma a distanza molto breve, 

vidi un certo non so che 

affiorare tra la neve. 

Dissi allor: "Vediam cos'è". 

 

Eran cenci. Io li rimossi.

Diedi un grido: "Due piedin".

Due piedini scalzi e rossi,

poi le mani, poi un visin. 

 

Un urlo mi sfuggì

vedendo ch'era, 

la mia piccina,

la mia Capinera. 

 

Forse pentita al suo nido tornava.

Forse quaggiù, che le aprissi invocava,

mentre la neve saliva, saliva,

e lei moriva.

 

E lei moriva!

LUCCIOLE VAGABONDE (1927)

 

Quando più fitta l'oscurità

scende sulla città,

lucciole ansiose di libertà

noi lasciamo i bassifondi.

 

Senza una meta c'incamminiam

e sotto ad un lampion,

quando la ronda non incontriam,

cantiamo la canzon:

 

Noi siam come le lucciole,

brilliamo nelle tenebre,

schiave d'un mondo brutal

noi siamo i fiori del mal.

 

Se il nostro cuor vuol piangere,

noi pur dobbiam sorridere

danzando sui marciapiè

finchè la luna c'è.

 

Pallida luna soltanto tu

la nostra gioventù

vedi ogni notte appassir di più

come un fiore senza sole.

 

Ma se il destino ci spezzerà

nel cuore la canzon,

solo il coraggio ci bacerà

all'ombra del bastion.

 

Noi siam come le lucciole,

brilliamo nelle tenebre,

schiave d'un mondo brutal

noi siamo i fiori del mal.

 

Se il nostro cuor vuol piangere

noi pur dobbiam sorridere

danzando sui marciapiè

finchè la luna c'è.

 

Se il nostro cuor vuol piangere

noi pur dobbiam sorridere

danzando sui marciapiè

finchè la luna c'è.

BAMBINA INNAMORATA (1936)

 

Bambina innamorata

stanotte t'ho sognata

sul cuore addormentata

e sorridevi tu.

 

Bambina innamorata

la bocca t'ho baciata,

quel bacio ti ha destata

non lo scordare più.

 

M'hai detto t'amo

voglio il tuo amor,

risposi t'amo

con tutto il cuor.

 

Bambina innamorata

stanotte t'ho sognata

sul cuore addormentata

e sorridevi tu.

 

Prima rosa

se tremante già ti parlo del mio amore

tu mi parli e mi sorridi maliziosa

ma forse ti batte il cuor.

 

Prima rosa

più gentile e delicata d'un bel fiore

vorrei dirti ciò che il labbro mai non osa

io vivo per questo amor.

 

Bambina innamorata

stanotte t'ho sognata

sul cuore addormentata

e sorridevi tu.

CHITARRA ROMANA (1934)

 

Sotto un manto di stelle

Roma bella mi appare,

solitario il mio cuor disilluso d'amor.

vuol nell'ombra cantar

 

Una muta fontana

e un balcone lassù,

o chitarra romana

accompagnami tu.

 

Suona suona mia chitarra

lascia piangere il mio cuore,

senza casa e senza amore

mi rimani solo tu.

 

Se la voce è un po' velata

accompagnami in sordina,

la mia bella fornarina

al balcone non c'è più.

 

Lungotevere dorme

mentre il fiume cammina,

io lo seguo perché mi trascina con sé

e travolge il mio cuor.

 

Vedo un ombra lontana

e una stella lassù,

o chitarra romana

accompagnami tu.

 

Se la voce è un po' velata

accompagnami in sordina,

la mia bella fornarina

al balcone non c'è più.

 

O chitarra romana

accompagnami tu

 

TI VOGLIO TANTO BENE (1937)

 

Non una stella brilla in mezzo al cielo,

la stella mia sei tu sul mio cammino.

Tu m'accompagni e segui il mio destino,

tu sei la vita e la felicità.

 

Dimmi

che l'amor tuo non muore,

è come il sole doro

che non muore mai più.

 

Dimmi

che non sai ingannare il cuore,

che il sogno mio d'amore

per sempre sei tu.

 

Cara,

ti voglio tanto bene,

non ho nessuno al mondo

più cara di te.

T'amo,

il sogno mio d'amore,

la vita del mio cuore

sei solo tu.

 

Cara,

ti voglio tanto bene,

non ho nessuno al mondo

più cara di te.

 

T'amo,

il sogno mio d'amore,

la vita del mio cuore

sei solo tu

FIORIN FIORELLO (1938)

 

Oggi tutto il cielo è in festa, 

più ridente brilla il sole

e non so perché vedo intorno a me

tutte rose e viole.

 

Il mio cuore è innamorato,

non lo posso più frenare,

io non so cos'è,

c'è qualcosa in me che mi fa cantare:

 

Fiorin, Fiorello,

l'amore è bello vicino a te,

mi fa sognare, mi fa tremare,

chissà perché.

 

Fior di margherita,

cos'è mai la vita

se non c'è l'amore

che il nostro cuore fa palpitar.

 

Fior di verbena,

se qualche pena l'amor ci dà,

fa come il vento

che è in un momento, poi passa e va.

 

Ma quando tu sei con me,

io son felice perché

Fiorin, Fiorello,

l'amore è bello vicino a te. 

 

Cosa importa se in amore,

la canzone è sempre quella,

la cantò il papà, la cantò mammá

nell'età piu bella.

 

Oggi so che mi vuoi bene,

tu lo sai che t'amo tanto,

poi doman si sa tutto finirà

ma però ci canto:

 

Fiorin, Fiorello,

l'amore è bello vicino a te,

mi fa sognare, mi fa tremare,

chissà perché.

 

Fior di margherita,

cos'è mai la vita

se non c'è l'amore

che il nostro cuore fa palpitar.

 

Fior di verbena,

se qualche pena l'amor ci dà,

fa come il vento

che è in un momento, poi passa e va.

 

Ma quando tu sei con me,

io son felice perché

Fiorin, Fiorello,

l'amore è bello vicino a te. 

 

Fior di verbena,

se qualche pena l'amor ci dà,

fa come il vento

che è in un momento, poi passa e va.

 

Ma quando tu sei con me,

io son felice perché

Fiorin, Fiorello,

l'amore è bello vicino a te.

LA MONTANARA (1927)

 

Là su per le montagne,

fra boschi e valli d'or,

tra l'aspre rupi echeggia

un cantico d'amor.

Là su per le montagne,

fra boschi e valli d'or,

tra l'aspre rupi echeggia

un cantico d'amor.

 

La montanara o-he

si sente cantare,

cantiam la montanara

e chi non la sa?

La montanara o-he

si sente cantare,

cantiam la montanara

e chi non la sa?

 

La montanara o-he

si sente cantare,

cantiam la montanara

e chi non la sa?

La montanara o-he

si sente cantare,

cantiam la montanara

e chi non la sa?

 

Là su sui monti

dai rivi d'argento,

una capanna cosparsa di fiori.

Era la piccola

dolce dimora

di Soreghina 

la figlia del sol.

La figlia del sol.

 

SE VUOI GODER LA VITA (1940)

 

Una casetta in campagna,

un orticello, una vigna.

Qui chi vi nasce vi regna

non cerca e non sogna la grande città.

Un dolce suon di zampogna

che tanto batte nel cuore.

 

Se vuoi goder la vita

vieni quaggiù in campagna,

è tutta un’altra cosa

vedi il mondo color di rosa,

quest’aria deliziosa

non è l’aria della città.

 

Svegliati con il gallo,

specchiati nel ruscello,

bacia la tua compagna

che t’accompagna col somarello.

Ogni figliolo è un fiore nato sulla colina,

baciane una dozzina. Oh! Che felicità.

 

Se vuoi goder la vita

torna al tuo paesello

ch’è assai più bello della città.

 

Fasci lucenti di grano

sembra ogni falce un baleno,

tutto un sapore nostrano,

profumo di fieno di grappoli e fior.

E la sorgente pian piano

mormora un canto d’amore.

 

Se vuoi goder la vita

vieni quaggiù in campagna,

è tutta un’altra cosa

vedi il mondo color di rosa,

quest’aria deliziosa

non è l’aria della città.

 

Svegliati con il gallo,

specchiati nel ruscello,

bacia la tua compagna

che t’accompagna col somarello,

ogni figliolo è un fiore, nato sulla colina,

baciane una dozzina. Oh! Che felicità.

 

Se vuoi goder la vita

torna al tuo paesello

ch'è assai più bello della città.

 

FIORELLIN DEL PRATO (1940)

 

Fiorellin del prato,

messagger d'amore,

bacia la bocca che

non ha mai baciato,

fiorellin del prato

non mi dir di no.

 

Ogni serenata

dice con languore:

Bella tra le più belle

è la bocca amata,

ma di sete muore

chi non può baciare.

 

Oh! Oh! Mi farai contento.

Oh! Oh! Se la baci tu.

 

Fiorellin del prato,

messagger d'amore,

bacia la bocca che

non ha mai baciato,

fiorellin del prato

non mi dir di no.

 

Fiorellin del prato,

messagger d'amore,

bacia la bocca che

non ha mai baciato,

fiorellin del prato

non mi dir di no.

 

Fiorellin del prato

non mi dir di no. 

 

Fiorellin del prato

non mi dir di no. 

 

COM'E' BELLO FA' L'AMORE QUANNO E' SERA (1939)

 

Chi pe' fa' l'amore vo' er salotto o er separè,

chi se sceje l'ombra profumata di un caffè,

mentre, c'ho da ditte, a me me piace amoreggià

pe' le strade in libbertà.

 

Quanno poi tramonta er sole

so' più dorci le parole a tu per tu.

Com'è bello fa' l'amore quanno è sera,

core a core co' 'na pupa ch'è sincera.

 

Quelle stelle che ce guardeno lassù

nun so' belle come l'occhi che ciai tu.

Luce bianca, dormiveja d'un lampione,

che t'insegna dove tu te poi bacià,

speciarmente tra le rose a primavera,

com'è bello fa' l'amore quanno è sera.

 

Sperza ne l'erbetta fra le rose e le panzè

io ciò 'na casetta che me fabbrico da me.

Cià pe' tetto er cielo, cià la luna p'abbagiù,

ner tramonto e' tutta blu.

 

Nun ce pago mai piggione

e ce porto 'gni maschietta che me va.

 

E se 'n viggile me chiede: "Lei che fa?"

J'arisponno: "È casa mia, che nun lo sa?"

 

L'ho innarzata co' li sogni 'sta casetta

e se qui la pupa mia me vie' a trovà,

speciarmente tra le rose a primavera

com'è bello fa' l'amore quanno è sera.

 

A primavera!

 

AMADO MIO (1946)

 

Amado mio,

godiam quest'ora

che ci innamora

ma svanirà.

 

La notte splende

di mille luci

e ai nostri baci

sorriderà.

 

Prima che l'aurora

risorga ancora

non lasciar sfuggir

questa notte blu

che non tornerà più.

 

D'un azzurro velo

s'ammanta il cielo,

canta l' usignol

e ci inebria il cuor

del profumo dei fior.

 

Amado mio,

stanotte o mai

mi bacerai,

ti bacerò.

 

Amado mio,

in questo incanto

parliam soltanto

del nostro amor.

 

Prima che l'aurora

risorga ancora

non lasciar sfuggir

questa notte blu

che non tornerà più.

 

Amado mio, 

in questo incanto

parliam soltanto

del nostro amor.

LA MARIANNA LA VA IN CAMPAGNA(1931)

 

Oh Dio del ciel

che fai fiorir le rose,

manda un marito

a tutte queste tose.

 

La Marianna la va in campagna 

quando il sole tramonterà,

tramonterà, tramonterà,

chissà quando, chissà quando ritornerà.

 

Si, bella è la rosa,

ma ancor di più è la viola,

la mia mogliettina

sarà una campagnola.

 

La Marianna la va in campagna 

quando il sole tramonterà,

tramonterà, tramonterà,

chissà quando, chissà quando ritornerà.

 

O bei giovanotti,

se fate all’amore,

lasciate le bionde

e pigliate quelle more.

 

La Marianna la va in campagna 

quando il sole tramonterà,

tramonterà, tramonterà,

chissà quando, chissà quando ritornerà.

 

Ma brune o bionde,

facendo all’amore,

le ragazzine

ti ruberanno il cuore.

 

La Marianna la va in campagna 

quando il sole tramonterà,

tramonterà, tramonterà,

chissà quando, chissà quando ritornerà.

 

L’amore si fa

con tutte le ragazze,

ma state attenti

a quelle un poco pazze.

 

La Marianna la va in campagna 

quando il sole tramonterà,

tramonterà, tramonterà,

chissà quando, chissà quando ritornerà

 

NON DIMENTICAR LE MIE PAROLE (1937)

 

Non dimenticar le mie parole,

bimba tu non sai cos'è l'amor,

è una cosa bella come il sole,

più del sole dà calor.

 

Scende lentamente nelle vene

e pian piano giunge fino al cuor,

nascono così le prime pene

con i primi sogni d'or.

 

Ogni cuore innamorato

si tormenta sempre più,

tu che ancor non hai amato

forse non mi sai capire, tu.

 

Non dimenticar le mie parole,

bimba t'amo tanto, da morir,

tu per me sei forse più del sole,

non mi fare mai soffrir.

 

Ma io t'ho sempre amata

come amar non so di più,

tu però sei tanto ingrata

forse non mi sai capir tu.

 

Non dimenticar le mie parole,

bimba tu non sai cos'è l'amor,

è una cosa bella come il sole,

più del sole dà calor.

 

Scende lentamente nelle vene

e pian piano giunge fino al cuor,

nascono così le prime pene

con i primi sogni d'or.

 

Ogni cuore innamorato

si tormenta sempre più,

tu che ancor non hai amato

forse non mi sai capire tu.

 

Non dimenticar le mie parole,

bimba t'amo tanto da morir,

tu per me sei forse più del sole,

non mi fare mai soffrir.

 

BESAME MUCHO (1941)

 

Besame,

besame mucho.

In questo bacio

la vita ti voglio donar.

 

Besame mucho,

in questa ebbrezza

di tutto

mi voglio scordar. 

 

Pensa che un giorno lontano,

un dolce ricordo solo resterà.

E le parole "Io t’amo"

il labbro tremante mai più ti dirà. 

 

Besame,

besame mucho,

come se fosse

il tuo ultimo bacio per me.

 

Besame mucho,

fa ch’io diventi

una piccola parte di te. 

Besame! Besame

 E' PRIMAVERA (MATTINATA FIORENTINA) (1941)

 

È primavera

svegliatevi bambine,

alle cascine messere Aprile fa il rubacuor.

 

E a tarda sera,

madonne fiorentine,

quante forcine si troveranno sui prati in fior.

 

Fiorin di noce,

c'è poca luce ma tanta pace,

fiorin di noce, c'è poca luce.

 

Fiorin di brace,

Madonna Bice non nega baci,

baciar le piace, che male c'è?

 

È primavera

svegliatevi bambine

alle cascine, messere Aprile fa il rubacuor.

 

Fiorin dipinto,

s'amava tanto nel quattrocento,

fiorin dipinto, s'amava tanto.

 

Fiorin d'argento,

Madonna Amante le labbra tinte

persin dal vento si fa baciar!

 

È primavera

che festa di colori!

Madonne e fiori trionfo eterno di gioventù.

D'amor

I POMPIERI DI VIGGIU' (1948)

 

Per volere del Visconte

su parere del Barone, 

han formato la sezione

dei Pompieri di Viggiù. 

 

Pompa qua, pompa là,

pompa su e pompa giù.

 

Ed a spese del Marchese

han comprato le divise 

con feluche a larghe tese

e pennacchi rossi e blu.

 

Pompa qua, pompa là,

pompa su e pompa giù.

 

Indi, a scopo addestrativo,

il paese hanno incendiato 

e il reparto s'è schierato

e ha gridato "Ip Ip Hurrà".

 

Viva quà, Viva là,

viva su, evviva giù.

 

Viva i Pompieri di Viggiù 

che quando passano

i cuori infiammano.

Viva i pennacchi rossi e blu.

 

Viva le pompe

dei Pompieri di Viggiù.

Affrontarono l'incendio

con le pompe verso sera,

però l'acqua, ahimè, non c'era

per potere funzionar.

 

Pompa qua, pompa là,

pompa su e pompa giù.

 

Però, il Capo ebbe un'idea

veramente peregrina,

caricò con la benzina

tutti quanti gli estintor.

 

Pompa qua, pompa là,

pompa su e pompa giù.

Ed in meno d'un secondo

nel villaggio già bruciato 

tutto in fumo se n'è andato

il plotone dei Pompier.

Viva quà, Viva là,

viva su, evviva giù.

Viva i Pompieri di Viggiù 

che quando passano

i cuori infiammano.

Viva i pennacchi rossi e blu. 

Viva le pompe

dei pompieri di Viggiù.

Viva i pennacchi rossi e blu. 

Viva le pompe

dei pompieri di Viggiù

 

TORNA PICCINA (1937)

 

Nella mia vita triste e senza amore 

tutto svanisce e nulla mi sorride più. 

Ho una speranza ancora in fondo al cuore, 

questa speranza mia sei solo tu.

 

Torna piccina mia, 

torna dal tuo papà,

egli t'aspetta sempre con ansietà. 

 

Fra le sue braccia, amore,

egli ti stringerà,

la ninna nanna ancora ti canterà.

 

Sei tutta la mia vita, 

tutto tu sei per me, 

certo sarà finita 

se resto senza te, mio bene.

 

Torna piccina mia, 

torna che il tuo papà,

la ninna nanna ancora ti canterà.

 

Quando fa notte e brillano le stelle, 

penso a chi sogna un mondo di felicità,

ma la mia bella stella fra le belle 

chi sa se un giorno ancora brillerà.

 

Torna piccina mia, 

torna dal tuo papà,

egli t'aspetta sempre con ansietà.

 

Fra le sue braccia, amore,

egli ti stringerà,

la ninna nanna ancora ti canterà.

 

Sei tutta la mia vita, 

tutto tu sei per me, 

certo sarà finita 

se resto senza te, se resto senza te.

 

Torna piccina mia, 

torna che il tuo papà,

la ninna nanna ancora ti canterà.

 

TORNA A SURRIENTO (1902)

 

Vide 'o mare quant'è bello,

spira tanto sentimento,

comme tu, a chi tiene mente,

ca scetato 'o faje sunná.

 

Guarda quá' chisti ciardine,

siente sié' sti sciure 'arancio,

nu prufumo accussí fino

dint''o core se ne va.

 

E tu dici: "Parto, addio!"

T'alluntane da stu core.

Da la terra de ll'ammore,

tiene 'o core 'e nun turná?

 

Ma nun mme lassá,

nun darme stu turmiento.

Torna a Surriento!

Famme campá!

 

Vire 'o mare de Surriento

che tesoro tene 'nfunno.

Chi ha girato tutt''o munno,

nun ll'ha visto comm'a ccá!

 

Guarda attuorno a sti Ssirene,

ca te guardano 'ncantate

e te vònno tantu bene.

Te vulessero vasá.

 

E tu dici: "Parto, addio!"

T'alluntane da stu core.

Da la terra de ll'ammore,

tiene 'o core 'e nun turná?

 

Ma nun mme lassá,

nun darme stu turmiento.

Torna a Surriento!

Famme campá!

VOCE 'E NOTTE (1904)

 

Voce 'e notte te sceta 'int'a nuttata,

sta voce è a mia, sta voce è a mia.

Si 'sta voce te scéta 'int''a nuttata, 

mentre t'astrigne 'o sposo tujo vicino,

statte scetata, si vuó' stá scetata, 

ma fa' vedé ca duorme a suonno chino.

 

Nun ghí vicino ê llastre pe' fá 'a spia, 

pecché nun puo' sbagliá, 'sta voce e' 'a mia,

e' 'a stessa voce 'e quanno tutt'e duje, 

scurnuse, nce parlávamo cu 'o "vvuje". 

 

Si 'sta voce te canta dint''o core 

chello ch'i' nun te cerco e nun te dico,

tutt''o turmiento 'e nu luntano ammore, 

tutto ll'ammore 'e nu turmiento antico.

 

Si te vène na smania 'e vulé bene,

na smania 'e vase córrere p''e vvéne, 

nu fuoco ca te brucia comm'a che,

vásate a chillo. Che te 'mporta 'e me!

 

Si 'sta voce che chiagne 'int''a nuttata

te sceta 'o sposo, nun avé paura,

vide ch'è senza nomme 'a serenata,

dille ca dorme e ca se rassicura.

 

Dille accussí: "Chi canta 'int'a 'sta via 

o sarrá pazzo o more 'e gelusia! 

Starrá chiagnenno qualche 'nfamitá.

Canta isso, sulo. Ma che canta a fá?!" 

 

Voce 'e notte te sceta 'int'a nuttata,

oh, ohè, oh ohèee!

VOLA VOLA VOLA VOLA (1908)

 

Vulesse fa' 'rvenì pe' n'ora sola

lu tiempe belle de la cuntentezze,

quande pazzijavame a "vola vola"

e te cuprè de vasce e de carezze.

 

E vola vola vola vola

e vola lu pavone.

Si tiè lu core bbone

mo fammece arpruvà.

 

E vola vola vola vola

e vola lu pavone.

Si tiè lu core bbone

mo fammece arpruvà.

 

'Na vote pe' spegna' lu fazzulette,

so' state cundannate de vasciarte.

Tu te scì fatte rosce e me scì dette

di 'nginucchiarme prima d'abbracciarte.

 

E vola vola vola vola

e vola lu gallinacce.

Mo si me guarde 'n facce

mi pare di sugna'.

 

E vola vola vola vola

e vola lu gallinacce.

Mo si me guarde 'n facce

mi pare di sugna'.

 

Come li fiure nasce a primavere,

l'amore nasce da la citilanze.

Marì, si mi vuò bbene accome jere,

nè mi luvà stu sogne e sta speranze.

 

E vola vola vola vola

e vola lu cardille.

Nu vasce a pizzichille

non mi le può negà.

 

E vola vola vola vola

e vola lu cardille.

Nu vasce a pizzichille

non mi le può negà.

 

Pure se po' veni' pe' n'ora sola!

L'UCCELLINO DELLA COMARE (1908)

 

Si posò sulla sua testa,

l'uccellino è tutto in festa.

Era lì che voleva volare

l'uccellino della comare.

 

Si posò sulle sue spalle,

l'uccellino si gratta...le ali.

Era lì che voleva volare

l'uccellino della comare.

 

Si posò sopra il suo petto,

l'uccellino si lecca il becco.

Era lì che voleva volare

l'uccellino della comare.

 

Si posò sulla sua pancia,

l'uccellino vuol fare la danza.

Era lì che voleva volare

l'uccellino della comare.

 

Si posò sopra il suo piede,

l'uccellino ora si siede.

Era lì che voleva volare

l'uccellino della comare.

 

Si posò sopra il ginocchio,

l'uccellino le strizza l'occhio.

Era lì che voleva volare

l'uccellino della comare.

 

Si posò sopra la gamba,

l'uccellino ballava la samba.

Era lì che voleva volare

l'uccellino della comare.

 

A questo punto

che cosa avreste fatto voi

nei panni della comare?

 

La comare, una donna astuta,

se lo prese con le sue dita

e lo mise nella gabbiola.

L'uccellino or si consola

 

FILI D'ORO (1912)

 

Quando Rosa torna dal villaggio

sola sola e mesta in volto,

io la seguo, ma non ho coraggio

di pregarla a darmi ascolto.

 

Dolce è la sera

e lunga è la via,

a farla insieme

men lunga saria.

 

Son fili d’oro i suoi capelli biondi

e la boccuccia odora,

gli occhi suoi belli sono neri e fondi

e non mi guarda ancora.

 

Ho parlato al nostro buon curato

che m'ha detto: "Figliol mio,

se l’amore in te non è peccato

sarà pago il tuo desio".

 

Arde il mio core

ma pura è la fiamma,

amo lei sola,

la casa e la mamma.

 

Son fili d’oro i suoi capelli biondi

e la boccuccia odora,

gli occhi suoi belli sono neri e fondi

e non mi guarda ancora.

 

E l'ho vista uscir dalla chiesetta

con un aria di mistero,

io le ho porto l’acqua benedetta,

m'ha sorriso e non par vero.

 

"Che buon curato"

m'ha detto passando,

ed io le ho chiesto:

"Ma quando, ma quando?"

 

Son fili d’oro i suoi capelli biondi

e la boccuccia odora,

gli occhi suoi belli sono pìù profondi

or che mi guarda ancora.

 

Mentre la stringo

lei sussurra:"T'amo",

ed io rispondo:

"Io moro".

MANDOLINATA A NAPOLI (1913)

 

Sera d'está! Pusilleco lucente

canta canzone e addora d'erba 'e mare.

Voglio 'e pparole cchiù d'ammore ardente,

voglio 'e pparole cchiù gentile e care

pe' dí "Te voglio bene" a chi mme sente.

 

Ma d''e pparole cchiù carnale e doce,

ne sceglio sulo tre: "Te voglio bene".

Bella, 'int''o core tujo sacc'io chi tiene,

chi sta int''o core mio saje pure tu.

 

P''o mare 'e Napule quant'armunia!

Saglie 'ncielo e 'ncielo sentono,

tutt''e stelle, 'a voce mia.

Voce, ca tènnera,

st'ammore fa.

 

Notte d'está! Se só' addurmute 'e ccase

e 'o cielo, a mare nu scenario ha stiso.

Staje 'mbracci'a me, 'nnucente só' sti vase.

Bella, stanotte, te só' frato e sposo.

Stanotte, Ammore e Dio sóngo una cosa.

 

Canta, e da 'o suonno Napule se sceta,

ridono 'e vvocche ca se só' vasate.

Tutt''e suspire 'e tutt''e 'nnammurate

suspirano, stanotte, attuorno a te.

 

P''o mare 'e Napule quant'armunia.

Saglie 'ncielo e, 'ncielo, sentono,

tutt''e stelle, 'a voce mia.

Voce, ca tènnera,

st'ammore fa.

SUL PONTE DI BASSANO (1913)

 

Sul ponte di Bassano

noi ci darem la mano,

noi ci darem la mano,

ed un bacin d'amor,

ed un bacin d'amor,

ed un bacin d'amor!

 

Per un bacin d'amore

successer tanti guai,

non lo credevo mai,

doverti abbandonar,

doverti abbandonar,

doverti abbandonar!

 

Doverti abbandonare,

volerti tanto bene!

E' un giro di catene,

che m'incatena il cuor,

che m'incatena il cuor,

che m'incatena il cuor!

 

Che m'incatena il cuore,

che m'incatena i fianchi!

In mona tutti quanti

quelli che mi vol mal,

quelli che mi vol mal,

quelli che mi vol mal!

TU CA NUN CHIAGNE (1915)

 

Comm'è bella 'a muntagna stanotte,

bella accussí, nun ll'aggio vista maje!

N'ánema pare, rassignata e stanca,

sott''a cuperta 'e chesta luna janca.

Tu ca nun chiagne e chiágnere mme faje,

tu, stanotte, addó' staje?

Voglio a te!

Voglio a te!

Chist'uocchie te vonno,

n'ata vota, vedé!

Comm'è calma 'a muntagna stanotte,

cchiù calma 'e mo, nun ll'aggio vista maje!

E tutto dorme, tutto dorme o more,

e i' sulo veglio, pecché veglia Ammore.

Tu ca nun chiagne e chiágnere mme faje,

tu, stanotte, addó' staje?

Voglio a te!

Voglio a te!

Chist'uocchie te vonno,

n'ata vota, vedé!

 

CARA PICCINA (1917)

 

Son trenta giorni che vi voglio bene,

son trenta notti che non dormo più.

Non ve ne addolorate, ma conviene

che non mi abitui ancora a darvi il "Tu".

 

No, cara piccina no,

così non va.

Diamo un addio all'amore

se nell'amore è l'infelicità.

 

Negli occhi avete la malinconia,

nel core avete la felicità.

Ogni lacrima vostra è una bugia

che ha tutta l'aria della verità.

 

No, cara piccina no,

così non va.

Diamo un addio all'amore

se nell'amore è l'infelicità.

 

Forse è l'addio se non verrò stasera,

piccina mia non aspettarmi più.

Addio mio sogno, addio mia primavera,

nel dirti addio ti voglio dare il "Tu".

 

No, cara piccina no,

così non va.

Diamo un addio all'amore

se nell'amore è l'infelicità.

 

Diamo un addio all'amore

se nell'amore è l'infelicità.

SANTA LUCIA LUNTANA (1919)

 

Partono 'e bastimente

pe' terre assaje luntane...

cántano a buordo:

só' Napulitane!

 

Cantano pe' tramente

'o golfo giá scumpare,

e 'a luna, 'a miez'ô mare,

nu poco 'e Napule

lle fa vedé...

 

Santa Lucia!

Luntano 'a te,

quanta malincunia!

 

Se gira 'o munno sano,

se va a cercá furtuna...

ma, quanno sponta 'a luna,

luntano 'a Napule

nun se pò stá!

 

Santa Lucia, tu tiene

sulo nu poco 'e mare...

ma, cchiù luntana staje,

cchiù bella pare...

 

E' 'o canto d''e Ssirene

ca tesse ancora 'e rrezze!

Core nun vò' ricchezze:

si è nato a Napule,

ce vuò' murí!

 

Santa Lucia!

Luntano 'a te,

quanta malincunia!

LE ROSE ROSSE (1919)

 

Tutte le rose di tutti i roseti

vorrebbe il cuore soltanto per sé.

Tutte le rose dei giorni più lieti

or che ogni cuore più triste non è.

E si fan tenere, le bocche baciano,

baciano e fremono tra i prati in fior.

 

Cuore, so che vuoi goder,

so che vuoi per te

rose d’ogni color.

Ma, le rose rosse, no!

Non le voglio veder.

Non le voglio veder.

 

So d’un giardino che fu devastato

poiché la guerra feroce vi entrò.

Tutto il terreno di sangue arrossato,

sangue che tutte le rose macchiò.

E rosseggiarono corolle e petali

in fronte al tepido bacio del sol.

 

Cuore, so che vuoi goder,

so che vuoi per te

rose d’ogni color.

Ma, le rose rosse, no!

Non le voglio veder.

Non le voglio veder.

 

Torni il bel maggio e il ricordo cancelli

d’un tempo tristo che alfine passò.

Tutti i colori più vaghi e più belli

vegga fiorir chi sofferse d’amor.

Ma non ritornino le rosse immagini

che ci ricordano tanti dolor.

 

Cuore, so che vuoi goder,

so che vuoi per te

rose d’ogni color.

Ma, le rose rosse, no!

Non le voglio veder.

Non le voglio veder

GELOSIA (1926)

 

Guardami,

che m'ami ripetimi,

nel cuore sento

come un presentimento.

 

Credimi,

ti prego perdonami,

questo tormento

dice tutto il mio amor.

 

Io ti darò tutto ciò che vuoi da me,

ma devi dirmi che ami solo me.

Non mi lascerai, non farlo mai,

io soffro e sai perchè.

 

Amore vuol dir gelosia

per chi s'innamora di te,

tu forse non pensi che fai di me,

che fai del mio cuor, della vita mia.

 

Se amore vuol dir gelosia,

chi mai t'amerà più di me,

io tremo al pensiero che un dì

un amor t'insegnò ad amare così.

 

Se amore vuol dir gelosia,

chi mai t'amerà più di me,

io tremo al pensiero che un dì

un amor t'insegnò ad amare così.

MILLE LIRE AL MESE (1939)

 

Che disperazione,

che delusione

dover campar

sempre in disdetta,

sempre in bolletta.

 

Ma se un posticino

domani cara

io troverò,

di gemme d'oro

ti coprirò.

 

Se potessi avere

mille lire al mese,

senza esagerare, 

sarei certo di trovare

tutta la felicità.

 

Un modesto impiego,

io non ho pretese,

voglio lavorare

per potere alfin trovare

tutta la tranquillità.

 

Una casettina

in periferia,

una mogliettina

giovane e carina,

tale e quale come te.

 

Se potessi avere

mille lire al mese,

farei tante spese,

comprerei fra tante cose

le più belle che vuoi tu.

 

Ho sognato ancora,

stanotte amore,

l'eredità

d'un zio lontano,

americano.

 

Ma se questo sogno

non si avverasse,

come farò.

Il ritornello

ricanterò.

 

Se potessi avere

mille lire al mese,

senza esagerare,

sarei certo di trovare

tutta la felicità.

 

Un modesto impiego,

io non ho pretese,

voglio lavorare

per potere alfin trovare

tutta la tranquillità.

 

Una casettina

in periferia,

una mogliettina

giovane e carina,

tale e quale come te.

 

Se potessi avere

mille lire al mese,

farei tante spese,

comprerei fra tante cose

le più belle che vuoi tu.

 

Una casettina

in periferia,

una mogliettina

giovane e carina,

tale e quale come te.

 

Se potessi avere

mille lire al mese,

farei tante spese,

comprerei fra tante cose

le più belle che vuoi tu.

 

Ah, se potessi avere

mille lire al mese!

LA PICCININA (1939)

 

Col visino mezzo incipriato,

il più bel sorriso spensierato,

giri per il Corso più affollato

col tuo scatolone di novità.

 

Oh, bella Piccinina,

che passi ogni mattina

sgambettando lieta tra la gente,

canticchiando sempre allegramente.

 

Oh, bella Piccinina,

sei tanto birichina

che diventi rossa rossa

se qualcuno, là per là,

dolce una frase ti bisbiglia,

ti fa l'occhiolin di triglia,

ti saluta e se ne va.

 

Quando tu sei sola al magazzino

e allo specchio provi un cappellino,

pensi sempre a quel giovanottino

che ogni sera fuori t'aspetterà.

 

Oh, bella Piccinina,

che passi ogni mattina

sgambettando lieta tra la gente,

canticchiando sempre allegramente.

 

Oh, bella Piccinina,

sei tanto birichina

che diventi rossa rossa

se qualcuno, là per là,

dolce una frase ti bisbiglia,

ti fa l'occhiolin di triglia,

ti saluta e se ne va.

 

Semplice così, sei come un fiore,

non conosci i palpiti del cuore,

ma se un dì saprai cos'è l'amore

tu rimpiangerai questa bella età.

 

Oh, bella Piccinina,

che passi ogni mattina

sgambettando lieta tra la gente,

canticchiando sempre allegramente.

 

Oh, bella Piccinina,

sei tanto birichina

che diventi rossa rossa

se qualcuno, là per là,

dolce una frase ti bisbiglia,

ti fa l'occhiolin di triglia,

ti saluta e se ne va.

 

IL TAMBURO DELLA BANDA D’AFFORI (1939)

 

Arriva la banda, arriva la banda,

arriva la banda del nostro paese,

del nostro paese, del nostro paese.

Oh Caterina vai a metterti il vestito da sposa.

Oh Caterina vai a metterti il vestito da sposa.

 

C'è il capobanda, c'è il capobanda,

c'è il capobanda, que ha i baffoni,

che bei baffoni, che bei baffoni.

Oh Caterina, il capobanda è il tuo Luigi.

Oh Caterina, il capobanda è il tuo Luigi.

 

Guardate ragazze che bei giovani,

ma guardate ragazze che begli strumenti,

e col tamburo sulle spalle,

guardate il Luigi se sembra un gallo!

 

E’ lui, è lui, sì, sì, è proprio lui!

E’ il tamburo principale della Banda d’Affori

che comanda cinquecento e cinquanta pifferi.

Oh ragazze ma battete le mani che il tamburo è qui.

Che scompiglio!

Ci sono anche le oche che gli fan "qua qua".

 

Nel vederlo le ragazze diventan timide,

lui confonde il Rigoletto con la Semiramide:

"Bella figlia dell'amor,

schiavo son, schiavo son dei vezzi tuoi".

Passa la banda, passa la banda,

passa la banda che va a Cantù,

che va a Cantù, che va a Cantù.

 

Oh Caterina il tuo Luigi non va avanti più.

Oh Caterina il tuo Luigi non va avanti più.

Forza Luigi, forza Luigi,

forza Luigi che arriva il tramvai,

che arriva il tramvai, che arriva il tramvai.

Oh Caterina lui ha un piede nelle rotaie!

Oh Caterina lui ha un piede nelle rotaie!

 

Fermate il tram, spostate il tram!

Scendono tutti. Oh che confusione!

E lui è là come un signore,

che gli dà dentro al suo tamburo.

 

E’ lui, è lui, sì, sì, è proprio lui!

E’ il tamburo principale della Banda d’Affori,

che comanda cinquecento e cinquanta pifferi.

Oh ragazze ma battete le mani che il tamburo è qui.

Che scompiglio!

 

Ci sono anche le oche che gli fan "qua qua".

Nel vederlo le ragazze diventan timide,

lui confonde il Rigoletto con la Semiramide:

"Bella figlia dell'amor,

schiavo son, schiavo son dei vezzi tuoi".

........................

"Bella figlia dell'amor,

schiavo son, schiavo son dei vezzi tuoi".

GRANADA (1932)

 

Granada,

città del sole e dei fior,

il mio canto è l'ultimo addio 

d'un nostalgico cuor.

Canterò la mia canzon gitana,

canterò, e con le lacrime 

la terra ancor bacerò.

 

Addio Granada,

paese di mille toreri.

Un lampo di spada 

t'illumina al suon dei boleri.

Addio mantiglie, 

sorrisi di bocche vermiglie.

 

Addio chitarre sognanti,

sospiri d'amanti,

corride e canzon di passion.

Addio Granada, 

addio città dei gitani.

Dovunque io vada 

per sempre nel cuor mi rimani.

 

Madonna morena lenisci la pena

di questo mio cuore zingaro.

Addio Granada romantica

paese di luce,

di sangue e d'amor.

 

Madonna morena lenisci la pena

di questo mio cuore zingaro.

Addio, Granada romantica

paese di luce,

di sangue e d'amor

 

SIGNORINELLA (1931)

 

Signorinella pallida

dolce dirimpettaia del quinto piano,

non v'è una notte ch'io non sogni Napoli

e son vent'anni che ne sto lontano.

 

Al mio paese nevica,

il campanile della chiesa è bianco,

tutta la legna è diventata cenere,

io ho sempre freddo e sono triste e stanco.

 

Amore mio, non ti ricordi

che nel dirmi addio

mi mettesti all'occhiello una pansè

poi mi dicesti con la voce tremula:

Non ti scordar di me.

 

Bei tempi di baldoria,

dolce felicità fatta di niente.

Brindisi coi bicchieri colmi d'acqua

al nostro amore povero e innocente.

 

Negli occhi tuoi passavano

una speranza, un sogno e una carezza,

avevi un nome che non si dimentica,

un nome lungo e breve: Giovinezza.

 

Il mio piccino,

in un mio vecchio libro di latino,

ha trovato - indovina - una pansè.

Perchè negli occhi mi tremò una lacrima?

Chissà, chissà perchè!

 

E gli anni e i giorni passano

eguali e grigi con monotonia,

le nostre foglie più non rinverdiscono,

signorinella, che malinconia!

 

Tu innamorata e pallida

più non ricami innanzi al tuo telaio,

io qui son diventato il buon Don Cesare,

porto il mantello a ruota e fo il notaio.

 

Lenta e lontana,

mentre ti penso suona la campana

della piccola chiesa del Gesu, 

e nevica, vedessi come nevica: 

 

 

Ma tu, dove sei tu.

DOVE STA ZAZÀ (1946)

 

Era la festa di San Gennaro,

quanta folla per la via,

con Zazá, compagna mia,

me ne andai a passeggiá.

 

C'era la banda di Pignataro

che suonava il "Parsifallo",

il maestro, sul piedistallo

ci faceva deliziá.

 

Nel momento culminante

del finale travolgente,

'mmiez'a tutta chella gente,

se fumarono a Zazá!

 

Dove sta Zazá?

Uh, Madonna mia.

Come fa Zazá,

senza Isaia.

 

Pare, pare, Zazá,

che t'ho perduta, ahimé!

Chi ha truvato a Zazá

ca mm' 'a purtasse a me.

 

Jámmola a truvá,

sù, facciamo presto.

Jámmola a truvá

con la banda in testa.

 

Uh, Zazá!

Uh, Zazá!

Uh, Zazá!

tuttuquante aîmm' 'a strillá:

Zazá, Zazá,

Isaia sta ccá!

Isaia sta ccá!

Isaia sta ccá! Zazá!

 

Zazá, Zazá

za-za-za-za

comm'aggi 'a fá pe' te truvá?

I', senza te, nun pozzo stá.

Zazá, Zazá,

za-za

za-za.

Za-za-ra-ra-ta-ra-ra.

 

Era la festa di San Gennaro,

ll'anno appresso cante e suone,

bancarelle e prucessione,

chi se pò dimenticá.

 

C'era la banda di Pignataro,

centinaia di bancarelle

di torrone e di nocelle

che facevano 'ncantá.

 

Come allora quel viavai,

ritornò per quella via.

Ritornò pure Isaia,

sempre in cerca di Zazá.

 

Dove sta Zazá?

Uh! Madonna mia.

Come fa Zazá,

senza Isaia.

 

Pare, pare, Zazá

che t'ho perduta, ahimé!

Chi ha truvato a Zazá,

ca mm' 'a purtasse a me.

 

Se non troverò,

lei ch'è tanto bella,

mm'accontenterò

'e trová 'a sorella.

 

T'amerò,

t'amerò, t'amerò,

pure a lei glielo dirò

che t'amerò.

 

T'amerò, Zazá!

T'amerò, Zazá!

T'amerò, Zazá!

Zazá!

 

Zazá, Zazá,

za-za-za-za

che t'amerò ll'aggi' 'a cuntá.

Con tua sorella aggi' 'a sfugá.

Zazá, Zazá,

za-za

za-za...

Za-za-ra-ra-ta-ra-ra.

FIRENZE SOGNA (1939)

 

Firenze stanotte sei bella

in un manto di stelle

che in cielo risplendono

tremule come fiammelle.

 

Nell'ombra nascondi gli amanti,

le bocche tremanti si parlan d'amor.

Intorno c'è tanta poesia

per te vita mia sospira il mio cuor.

 

Sull'Arno d'argento

si specchia il firmamento

mentre un sospiro e un canto

si perde lontan.

 

Dorme Firenze

sotto il raggio della luna,

ma dietro ad un balcone

veglia una madonna bruna.

 

Sopra i Lungarni

senti un'armonia d'amore,

sospirano gli amanti

 

stretti stretti cuore a cuore.

SCRIVIMI (1936) 

Quando tu sei partita

mi hai donato una rosa

oggi è triste e sfiorita

come questo mio cuor. 

L'ho bagnata di pianto

per ridarle la vita

ma il tuo amore soltanto

la può far rifiorir. 

Scrivimi,

non tenermi più in pena.

Una frase, un rigo appena

calmeranno il mio dolor. 

Sarà forse l'addio

che puoi dare al cuore mio.

Scrivimi,

non lasciarmi così.  

 

Tu non scrivi e non torni,

ti sei fatta di gelo,

così passano i giorni

senza amore per me.

 

Mentre folle ti chiamo

forse un altro ti bacia,

ed io solo, che t'amo,

devo pianger per te.

 

Scrivimi,

non tenermi più in pena.

Una frase, un rigo appena

calmeranno il mio dolor.

 

Sarà forse l'addio

che puoi dare al cuore mio.

Scrivimi,

non lasciarmi così.

 

È tua madre che mi scrive

che tu sposi un gran signor.

Questo gelido addio

è un insulto all'amor mio.

 

Scrivimi,  

che felice sei tu

IL PRIMO AMORE (1937)

 

Il primo amore non si scorda mai,

un antico stornello me l'ha detto.

Se tu dimenticare mai potrai

la prima volta ch'io ti strinsi al petto.

 

Torna al tuo primo amore, torna a cantare

quella canzone da te preferita.

Dammi i tuoi baci, io ti darò la vita.

Cantiamo assieme:

II primo amore non si scorda mai!

 

Per te, che ti amo tanto e te sospiro,

il canto della notte è una passione.

La luna splende e un venticello spira

e porta questo canto al tuo verone.

 

Torna al tuo primo amore, a ricantare

quella canzone da te preferita.

Dammi i tuoi baci, io ti darò la vita.

Cantiamo assieme:

Il primo amore non si scorda mai! 

 

 

Torna a me

BESAME MUCHO (1941)

 

Besame,

besame mucho.

In questo bacio

la vita ti voglio donar.

 

Besame mucho,

in questa ebbrezza

di tutto

mi voglio scordar. 

 

Pensa che un giorno lontano,

un dolce ricordo solo resterà.

E le parole "Io t’amo"

il labbro tremante mai più ti dirà. 

 

Besame,

besame mucho,

come se fosse

il tuo ultimo bacio per me.

 

Besame mucho,

fa ch’io diventi

una piccola parte di te. 

Besame! Besame

 

LA STRADA NEL BOSCO (1943)

 

Vieni, c'è una strada nel bosco,

il suo nome conosco,

vuoi conoscerlo tu?

 

Vieni, è la strada del cuore,

dove nasce l'amore

che non muore mai più.

 

Laggiu tra gli alberi,

intrecciato coi rami in fior,

c'è un nido semplice

come sogna il tuo cuor.

 

Vieni, c'è una strada nel bosco,

il suo nome conosco,

vuoi conoscerlo tu?

 

Laggiù tra gli alberi,

intrecciato coi rami in fior,

c'è un nido semplice

come sogna il tuo cuor.

 

Vieni, c'è una strada nel bosco,

il suo nome conosco,  

vuoi conoscerlo tu?


PETALI PROFUMATI - I vostri haiku

Se siete iscritti a Facebook e volete cimentarvi con la scrittura degli haiku, oppure siete esperti e volete contribuire con i vostri componimenti, vi invito a iscrivervi al mio gruppo PETALI PROFUMATI - I nostri haiku.  Il link per gli iscritti a facebook è il seguente:

 https://www.facebook.com/groups/petaliprofumati/

 

Se chiedete l'iscrizione, daremo una veloce occhiata  al vostro diario di Facebook (per evitare di iscrivere buontemponi e perditempo). Sono graditi coloro che amano l'arte, la bellezza, la gioia e coloro che vogliono leggere o scrivere haiku. Il gruppo propone diverse attività: organizziamo giochi e gare di haiku (in premio diamo pergamene virtuali).