LA CANTATA DEI PASTORI (versione abbreviata e semplificata)

LA CANTATA DEI PASTORI

di Perrucci Andrea

ATTO PRIMO

 (CAMPAGNA CON MONTAGNE INNEVATE; A DESTRA UNA CAPANNA E  ,  SULLA PAGLIA ,  DORME BENINO )

SCENA 1 :  BENINO-ARMENZIO

AR  (provenendo dalla montagna e dopo aver detto una preghiera al centro della scena ) Ecco l’alba che spunta ,  ecco i primi raggi splendenti del sole..... (vede Benino e lo scuote ) E tu dormi ,  Benino ? .......

BEN  (svegliandosi ) Padre ,  ho ancora gli occhi oppressi dal sonno.....lasciatemi dormire..... (cerca di addormentarsi di nuovo )

AR  (scuotendolo con più insistenza ) Alzati ,  dormiglione !  Senti come gli uccellini colorati salutano con il canto il sole che nasce.....e tu dormi ancora ,  Benino ?   (scuotendolo con il bastone )......

BEN. Il canto degli uccelli mi invita ancora di più al riposo.......ma lasciatemi dormire.... (si rimette a dormire )

AR. Ora sì che mi arrabbio !  Tuo fratello è andato a caccia prima dell’alba; io sono in piedi da un pezzo; i pastori ,  i contadini ,  tutti sono in piedi ,  non è rimasto più nessuno in casa......e tu non ti svegli ?

BEN  (si alza stropicciandosi gli occhi ) Lasciate che mi svegli del tutto....Voi non sapete che belle cose ho visto dormendo. Oh Dio beato  (inginocchiandosi ) ,  nel sogno ero ricco e felice; ...  mi sembrava che si aprisse il cielo e che ,  da lassù ,  piovesse un misto di argento e d’oro. Vedevo la terra diventare oro ed i prati smeraldi; i fiori erano pietre preziose ,  le gocce di brina erano perle e le colline diamanti; ... .insomma ,  padre mio ,  il mondo era tutto un tesoro !  E mentre ,   estasiato , ammiravo tante ricchezze ,  volgendo lo sguardo ad est ,  verso la buia grotta di Betlemme ,  mi pareva che sorgesse di là una luce immensa ,  grande come cento soli !  E ,  mentre sorgeva quella luce ,  sento una voce.........”Vieni a me ,  figlio mio ,  chè io sono colui il quale ,  scendendo in terra ,  ricopre il cielo e la terra d’oro e di pietre preziose ! ” Così ,  abituandomi a quello splendore ,  in mezzo vi vedevo un bellissimo Bambino sul cui viso era raffigurato il Paradiso !  E ,  mentre mi beavo di tutte quelle meraviglie ,  voi ,  padre mio ,  mi avete interrotto il sonno ! .... (scoppia a piangere )

AR  (commosso ) Hai sognato tutto questo ?  Come si accorda con il mio il tuo sogno !  ...Verso l’alba mi addormento e mi pare di vedere quella grotta ,  da cui tu hai visto nascere la luce ,  assalita da draghi e serpenti ed uscire di là un Bambino che  (crescendo con la voce ) diventava un gigante e che metteva in fuga quei mostri; e ,  nello stesso tempo ,   n cielo e in terra rimbombava un’eco..........Gloria a Dio ,  pace agli uomini ,  guerra al demonio  (cade in ginocchio e bacia la terra; si alza dopo una pausa ). Su ,  figlio mio , ....Prega il Signore che i nostri sogni si possano avverare...... (Bacia Benino ,  poi va verso la montagna )

BEN  (assicurandosi che il padre si sia allontanato ,  andando verso la capanna ) Mi è rimasto così fisso nella mente un sogno così bello che vorrei sempre dormire e non svegliarmi mai.... (si prepara a dormire )

SCENA SECONDA  (RAZZULLO E DETTI )

RAZ. Uh ,  mamma mia ,  povero a mme !  Me so’ ‘mbrugliato ‘mmiezo a sti bosche ,  sti sepe scarrupate ,  nide d’urze e de lupe ,  ’mmieze a sti deserte chine ‘e ranavottele e lacerte........ (vede Benino ) Ah !  Meno male !  Veco là nu guaglione ca me putesse ‘ndirizza’ pe’ ghi’ a’ taverna pecchè sto murenno d”a famme......

BEN. Oh ,  meraviglia ! ... (dando un grido di spavento ) No ,  non ti avvicinare !... Ho paura che tu mi mangi

RAZ. E che songo ,  lupomannaro ? ... Ma tu guarda !  ’O nennillo ave paura d”o mammone......

BEN. Senti ,  ma che animale sei ?  Sei mostro ,  non è vero ?

RAZ. Tu qua’ mostro ?  .... Chisto certo me fa passa’ nu guaio.......

BEN. Di quale paese sei ?  Forse dell’Africa ?

RAZ. Qua’ Africa !  Staie ‘mbriaco ?  Io songo ‘e na città ca o’ munno nun ce sta cosa cchiù bella ! ... Io song”e Napule......’E songo scrivano.....

BEN. Scrivano ?  Ah ,  che brutto lavoro che fai !

RAZ. E pirciò l’aggio lassato.......

BEN. E allora vieni con me  (cerca quasi di trascinarlo )

RAZ. E addò me puorte ?

BEN. A guardare il gregge......nei tempi antichi ,  anche i re hanno guardato le greggi.

RAZ. L’avranno fatto ‘e rre , ’e reggine ,  ma io nun ce tengo stommaco......Tu ,  mo’ ,  me facisse nu favore ? ....Darme quacche cosa ca tengo famme e stongo scauzo.......

BEN. ....Se mio padre vuole, te lo darò.

RAZ. E ‘o cielo te guardarrà; me vuo’ di’ addò staie ‘e casa ?

BEN  (additando dove abita ) Vedi quella capanna ?

RAZ. Addò sta attaccato chillu ciuccio ?... M’e’ pigliato pe ciuccio ? .....No ,  ciuccio si ‘tu ! ........

BEN  ( c.s. ) Tu ! ......

RAZ. Tu ! ......Tu ! ......... 

SCENA TERZA  

(CIDONIO ,  RUSCELLIO ,  RAZZULLO )

CID  (di dentro ) Oh galantuomo !

RUS  (di dentro ) Oh amico !

RAZ  (impaurito ) Tie’ tie’ ,  ch’auta storia è chesta ? .....

CID  (fuori ) Forestiero  (dandogli una pesante manata sulla spalla )

RUS  (fuori ) Passeggero  (c.s. )

RAZ. M’hanno miso ‘mmiezo ,  sfurtunato a mme !

CID. Vuoi farmi un piacere ?...  io sono cacciatore

RUS. Vedi  (c.s. ); io pescatore

RAZ. Cu’ ssalute; me ne rallegro

CID. Ah se tu mi vedessi !

RUS. Ah se tu mi guardassi ! ...

 

CID. Dietro quel cespuglio  (lo tira verso la quinta )

RUS. Presso quella riva  (facendo lo stesso )

CID. C’è un cinghiale ucciso ( c.s. )

RUS. Uno storione che ho preso  (c.s. )

CID. Aiutami a portarlo

RUS. Dammi una mano a tirarlo

RAZ. M’avite pigliato pe ciuccio ? ...

CID. Seguimi

RUS. Vieni con me ...

RAZ. Chiano ca me squartate.....

 

CID. Non vuoi il cinghiale ?

RUS. Non desideri del pesce ?

 

RAZ. ...  ve faccio ‘o servizio a tutt’e dduie ...

 

CID. Hai perso l’occasione

RUS. Hai smarrito la fortuna ...

 

RAZ. Ah ,  ciorta maledetta !  Nun sapenno addò me spartere fra ‘a caccia e ‘a pesca ,  niente pozzo fa’ ,  niente me riesce.........

SCENA IV

(SARCHIAPONE E DETTI )

 

SAR  ...Nisciuno......manco n’anema scunzulata......sto cammenanno quase ‘a miezo biseculo senza pute’ ‘ncuntra’ nu crestiano .... , (vede la capanna ) Uh ,  na pagliarella ! ...Mo’ tuzzuleo  ...  (bussa alla capanna ma fugge spaventato udendo il latrare di un grosso mastino ) ... (parlando con il cane ) Statte zitto... chiammame ‘o padrone tuoio.... (bussa nuovamente e si sente il grido di un gallo ) .....Uè ,  nun ce sta nisciuno ? ..... (torna a bussare e si sente il raglio di un asino ) ... dint’a sta pagliara nc’adda sta’ l’arca ‘e Noè ! ......

RAZ   e SAR. (nel voltarsi entrambi contemporaneamente ,  s’incontrano e ,  dando un grido ,  fuggono spaventati ) Mamma mia ! ...

SAR. Dio mio !  E chi è st’aborto ‘e natura ?

RAZ  (dopo aver riso ) Ma tu si’ crestiano ?.......Tu si’ Sarchiapone ?

SAR. .....e tu ?  Aspe’.....mo’ ca te veco meglio....

RAZ. Va llà ,  nun me fa ridere !  Io so’ Razzullo......

SAR. Strazzullo ‘o scrivano ? ....Oh incontro sfrantummato ! ..... (risate ) Ccà , damme nu vaso....

RAZ .Cu tutt”o core !   (si baciano ,  quindi dice ) E mo ,  conteme quaccosa........comme staie e comme te truove ccà ?

SAR. ... io so’ prefessore ‘e giuoche ‘e pasticce...  tengo nu juoco di mia invenzione ca fa rimane’ a vocca aperta..........  al mio comando di “uno ,  due e tre” ,  succederà il portentoso passaggio......’ncasete bbuon”o cappiello ‘ncapo ,  comme m”o ‘ncaso pur’io  (eseguono ).... nun te movere si pure te siente quacche rummore ‘a dietro......dunque ,  uno..due...e tre !

RAZ. .... RAZ. E’ passato....è passato ! .....E’ passata l’aria d”a promamma d”a nonna ‘e zieta ! .....Chisto è ‘o juoco ?  Seh seh ,  e staie frisco si pienze ‘e magna’......

SAR. Ma pecchè ce sta pure quacche cosa ‘a dicere ?

RAZ. ..... (prende la valigia per colpirlo )

SAR. Va’ chiano ca chella s’arape e vanno ‘e denare ‘nterra......

RAZ. Dinto ce stanne ‘e denare ?  Sì ?  E allora mietteme ‘o ssale ‘ncopp”a coda...... (via fuggendo )

SAR. Uè ,  chillo se ne fuie ? .. (gridando ) Mariuo’  , mariuo’ ,  pos”a valiggia ! ....Guardia.....guardia ! ..... (entra nelle quinte )

SCENA V  

(GIUSEPPE-MARIA-BELFAGOR-GABRIELE )

GIU. Siamo molto stanchi ed affaticati e non possiamo continuare il nostro cammino; dunque ,  se ti fa piacere ,  riposiamoci un po’ su queste rocce

MAR. Volentieri ,  ma siamo sicuri ? .......

GIU. Dio ci custodirà ,  prendiamoci un breve ristoro......

MAR. Riposa ,  Giuseppe mio.....

GIU. Dormi ,  Maria  (entrambi siedono sulle rocce e si addormentano )

BEL  (dalle quinte ) Spalancatevi ,  abissi ,  ora che esce dal regno delle pene il più grande principe che abbia l’inferno ,  s’alzi il mare.....tremi il cielo......tema il mondo ! ....

GAB  (dalle quinte ) Apritevi ,  o cieli ,  ora che discende dall’alto il difensore del bene ! .........E mentre vengo a mettere in fuga i mostri ,  gridi il mare ,  goda il cielo ,  rida la terra !   (entrambi escono quasi contemporaneamente )

BEL. (vede i due che dormono ) Ah ,  ecco la coppia indegna che mi spaventa al solo guardarla !

GAB. Ecco la bella coppia da venerare al solo vederla !

BEL. Il mio re teme che da questa donna nasca chi vuole rovinarlo

GAB. Grazie a questa eroina eccelsa  , eletta da Dio , in tutto il mondo sarà distrutto il peccato originale ! .... Come sono felice di custodire chi custodisce Dio !

BEL. Voglio mandare nella mente dello sposo mille e mille dubbi ...  sfogherò la mia rabbia contro quel vecchio.... (si slancia su Giuseppe ) Muori.....muori ,  pazzo falegname...... ( cade di nuovo )

GAB. ...  vattene

BEL. Sparisco !... Sono confuso........ Me ne vado ma tornerò  (sprofonda )

GAB. Non resistono le ombre di fronte alla Luce !   (vola )

MAR  (svegliandosi ) Non andar via da me ,  visione beata !

 

GIU. Ora che siamo abbastanza riposati ,  riprendiamo il nostro cammino chè questa mi pare la strada di Betlemme

MAR. Farò quello che ti piace...ma cammino nel dubbio

GIU. Il cielo ci guiderà (si avviano )                                                                                                                                 

CAMBIO DI SCENA

 (bosco-a destra ,  un grande albero )

Scena VI

Armenzio ,  Cidonio e Benino

Ar. Ao’ ,  questo è troppo ,  Cidonio ,  e Benino non si può sopportare !  Mi lasciate solo a custodire gli animali e ,  non curandovi delle mie richieste ,  uno va a caccia e l’altro si mette a giocare !.....sono stato giovane come voi ,  ma non mi sono lasciato tanto trasportare...Cidonio ... Niente più caccia ! ........Benino........ Lascia il gioco !  E ognuno si dedichi a qualcosa di utile... Sono padre e voglio essere ubbidito !

Cid. Lasciate che vada a caccia solo per oggi.....

Ar. ......solo per oggi.......ti concedo di andare a caccia........

Ben. E a me ?

Ar. A te concedo di giocare........ma se oserete contraddirmi.......

Ben. Sarò puntuale

Cid. Sarò presto a casa.  A caccia ,  Benino  (va via )

Ben .Cidonio ,  a giocare  (va via saltellando )

SCENA VII

Satana ,  Belfagor ed Uriel  (travestiti da briganti ) , poi Razzullo

Sat. Compagni ,  non ci basta uno spirito solo contro Dio...Il cielo manda tutte le sue forze sulla Terra per custodire la coppia  che è tanto odiosa a noi quanto gradita e diletta a Dio....

Bel. Ma ,  così trasformati ,  faremo in modo che quel vecchio cadente e quella donna ,  spaventati ed atterriti ,  in questi boschi siano inghiottiti dalle acque e divorati dalle belve....

Ur .Questo ci comanda Lucifero e questo dobbiamo fare....Su ,  fermiamo questo che viene !

Raz.   (inseguito dai cani ) Passa....passa llà ! 

I tre :  Fermo là ,  ladrone !   (lo circondano con le lance )

Raz. A me ladrone ?  Avite sbagliato ! .....

Tutti :  Spia !

Raz. Gnornò ,  v”o giuro :  so’ nu scrivano napulitano

 

Bel. ...Amici ,  legatelo a quella quercia !   (i diavoli eseguono )

Raz. Ma pecchè m’attaccate ?  Che male aggio fatto ?

Bel. ... Dimmi :  hai visto ,  nei dintorni ,  un vecchio e una donna ?

Raz. Gnornò ,  nun aggio visto a nisciuno

Sat.  Ah furfantaccio !  Stringete di più quel laccio !  Resti così legato  , andiamo chè se lo mangeranno i lupi e gli avvoltoi  (vanno via insieme )

Raz. .......Uh mamma mia !  Chille overamente se ne so’ ghiute....Ah Razzullo ,  povero e sfurtunato ,  certo ‘a quacche lucertola sarrai sbranato !   (piange comicamente )

SCENA VIII  

(GIUSEPPE ,  MARIA E DETTI )

Gius. Abbiamo smarrito la strada e non sappiamo dove andare  (nel voltarsi ,  vede Razzullo ) Oh ,  ma a quel tronco è legato un infelice !

Maria :  Aiutiamo il poveretto

Gius.  (a Razzullo ) Dimmi ,  chiunque tu sei... Chi ti ha legato a questo tronco ?

Raz. E vuie chi site ?

Maria :  Poveri viandanti smarriti in questo bosco

Raz .’O cielo ve manna ;sciuglite a stu povero nnucente...

Gius .Aspetta che ti tolgo la benda e ti sciolgo dalle funi  (esegue )

Raz.  M’addenocchio e ve ringrazio........... (si inginocchia strofinandosi gli occhi con le mani )

Gius. Ringrazia il Cielo che ci ha portati qui ... chi ti ha legato in questo modo ?

Raz. Cierti furbe.......... (vedendoli ) ....... Salvateve ampressa ,  puverielle;,  vanno cercanno a vvuie

Maria :  A noi ?  Certamente ti sbagli;  i malfattori non vogliono la povertà ,  cercano la ricchezza

Raz. Chille ‘e vuie m’hanno spiato .......nun teneno anema e core ,  chelli canaglie !

Gius. Poveri noi ,  che facciamo ?  Consigliami ,  Maria ,  chè io tremo e sono tutto gelato !

Raz. Facite na cosa......Iate pe chesta via ....povera guagliuncella ,  zi’ vicchiariello caro........che ghiate facenno pe’ sti campagne ?

Gius. Ci spinge la necessità... Accompagnaci !

Maria :  Soccorrici !  (si avviano )

Raz. E i’ vaco !

SCENA IX

 (RUSCELLIO E RAZZULLO )

Rus. Ah ,  che abbondanza di pesci !  Non ne ho mai presi tanti !  Le reti ,  la barca e le casse sono piene; ed ora che ho tanto pesce ,  non passa nessuno per aiutarmi. .....  Razzu’ ,  ....sei ancora qui intorno ?  E che vai facendo ?

Raz. Vaco a caccia ‘e guaie !   E’ ghiusto na semmana ca nun aggio magnato.....

Rus. Morire di fame ?  E perchè non cerchi di praticare qualche mestiere ?

Raz. ’O ffarria si truvasse addò se copia........

Rus. No ,  la gente semplice non ha questo mestiere ,  qui nessuno scrive

Raz. ’A zappa ,  fratu mio ,  me fa veni’ ‘e calle ‘e mmane..........e nun me piace ‘e fa ‘o pastore........

Rus. Vuoi diventare pescatore ? .... ti terrò come mio compagno ;t’insegnerò a pescare 

Raz. Si è chesto , .....si ce piglio gusto e se guadagna........ma po’ quanno se magna ?

Rus. Mangiare ?  Lo stesso pesce serve per nutrimento. Con quello che si vende ,  si comprano il pane ed il vino ,  poi il più bello ,  il più buono , subito arrostito sul fuoco ,  lo consacriamo come vittima al nostro appetito........

Raz. E ghiammo allora .... A fa’ ‘o piscatore

Rus. E poi sai vendere il pesce ? ....facciamo ,  per esempio ,  che questa sia la cesta........ (prende il suo cappello )..ci metterai dentro delle lucerne.......,  l’innaffierai di tanto in tanto ,  per mantenerle fresche ,  poi darai la voce ,  la gente ti ascolterà  , le comprerà e noi ,  con il guadagno  , mangeremo; ti va ?

Raz. Gnorsì ma ,  si aggio capito buono ,  chesta è ‘a cesta ,  ccà dinto nce mette ‘e lucerne ,  po’ l’aggia arracqua’,,,,Doppo ca l’aggio arracquato  , dongo ‘a voce.......siente ,  siente si vaco bbuono....... (imita la voce dei pescivendoli e vanno entrambi nelle quinte )

SCENA X

 (GIUSEPPE ,  MARIA E GABRIELE ,  POI VOCE ,  POI RAZZULLO E RUSCELLIO) RUSCELLIO)                           Gius. Questa strada finisce presso questo fiume ,  non ne vedo un’altra ed è pericoloso ripassare per la via già percorsa; che faremo, Maria ?

Maria :  Vedi se c’è un ponte che possa servire da passaggio

Gius. No ,  il fiume è troppo largo e le onde sono troppo rapide e profonde per poterle attraversare......

 

Gab.  (in veste di pellegrino ) :  Il cielo vi salvi  , devoti passeggeri !

Gius. Dio sia con voi; dite :  siamo sicuri ?

Gab. ....vi renderò il cammino sicurissimo chè il cielo ha a cuore la vostra salvezza...... (chiamando )Ehi pescatori ,  per cortesia.......

Raz. (di dentro ) :  Chi è là ?

Gab .Per carità ,  portate la barca a questa riva.....

Raz. (c.s. ) : Mo’ ce ne venimmo; cumpa’ ,  voca......

Rus. Voca chè voco anch’io; il cuore mi dice che vado a salvare qualche infelice.... (uscendo con la barca ) Eccoci ,  passeggeri ,  di che avete bisogno ?

Gab. La strada che porta a Betlemme è infestata dai briganti; vi supplichiamo di portarci di là chè il cielo pietoso vi ricompenserà per questa buona azione...........

Raz. Cu sti dduie me sento obbligato :  dint”o bosco me dettero ‘a vita ,  me sciugliettero..........L’avimm’a ‘mbarca’

Rus. Venite ,  il cielo ci aiuterà........Suvvia ,   all’imbarco !

Gius.Ah ,  navigante misericordioso !   (si accingono ad imbarcarsi )

Gab .Oggi la bontà divina cammina sulle acque !...Andiamo nel nome di Dio !

Tutti :  Che ci conceda un buon viaggio !   (vanno via con la barca , poi ritornano Ruscellio e Razzullo )

SCENA XI

 (URIEL ,  POI RUSCELLIO E RAZZULLO ,  POI BELFAGOR E SATANA,  INFINE GABRIELE )

Ur.  (correndo agitato verso la riva ) :  No  ,  non arriverete all’altra sponda ,  lo giuro !  I vostri sforzi saranno inutili........a nulla vi servirà la protezione del vostro Dio ; annegherete in queste acque che io renderò terribili e minacciose;  a me ,  venti di tempesta ,  sollevate le onde ,  travolgete....distruggete !   (le onde si infuriano  ,  in cielo lampi e tuoni ) E voi ,  fulmini ,  colpite  ,  incenerite,  siate gli strumenti della mia vendetta !   (in un momento ritorna il sereno e si sente una dolce musica ) Che ?  un’aria dolce li guida e li conduce sicuri alla meta... (con rabbia ) E chi osa sottrarli alla mia rabbia ?   (guardando con ansia l’opposta riva ) Ah ,  arrivano......toccano la sponda........sono a terra....salvi...salvi !  ... Ah vili naviganti ,  che insperata salvezza avete offerto al mio nemico e avete osato sfidare il terrore ,  l’ira e l’odio  dell’inferno !  Un orrido flagello si scateni sulla Terra e distrugga il genere umano schiavo di Dio e muoia l’odiata coppia nemica dell’inferno !   (il fiume si agita )

Raz. (di dentro ) : A h mannaggia ,  e che burrasca !  Accorto ,  cumpa’ !

Rus. (di dentro ) :  Siamo in grande pericolo ,  amico fa’ attenzione.....

Ur. Che la barca affondi !  E l’acqua sarà la loro tomba !

Rus. e Raz.  (fuori ,  lottando con le onde ) :  Aiuto !

Ur. Io vi offro ,  come vittime ,  al re dell’inferno !   (capovolge la barca e i due spariscono fra le onde ) Presto cadrete nell’oscurità del mio orribile regno ,  anime dannate !

Gab.  (di dentro ) :  No ,  essi vivranno felici; guardate !   (si vedranno Ruscellio e Razzullo salvi ,  Gabriele in trionfo ,  i diavoli che cadono atterriti; poi ,  cala il sipario )

SECONDO ATTO

 (bosco ,  a destra l’ingresso di una grotta-

scena I-Razzullo e Ruscellio , poi Cidonio )

.....

Rus. Stelle ,  vi ringrazio di avermi salvato dal pericolo; sono a terra  , eppure non ci credo; è un fatto stupendo  , grazie al Cielo ..... (vede Razzullo ) Ahimè ,  e chi è questo ?  Forse anche lui si è salvato ?   (accostandosi ) Napoletano ?

Raz.  (fuggendo impaurito ) :  Luntano ‘a me ,  ombra ‘e l’inferno !  ...

Rus. Ma tu sei vivo ?

Raz. Gnornò ,  so’ muorto !...

Rus. Ma io sono vivo ,  puoi toccarmi..... Ma come ti sei salvato ?

Raz. E tu comme si’ scampato ? .... Comm’asciste ‘a chella sventura ?.......

 

Rus. Sia lodato il cielo per lo scampato pericolo....Andiamo adesso a recuperare gli attrezzi

Raz. Chi ?  Addò ?  Nun voglio cchiù vedè chillu sciummo maledetto....

Rus. Allora addio  (va via )

Raz. Va’ va’ ca nun me cuoglie e nun me ‘nganne cchiù....Neh ,  invece ‘e pisca’ pisce ,  jammo ‘ncuorpo ‘e pisce !

Cid.  ...ritorno ai piaceri della caccia... (si accorge di Razzullo ) Ma chi è costui ?  Forse qualcuno dei briganti.....Fermo là ,  traditore !   (sta per lanciare una freccia ) .... Ah , s e non sbaglio tu sei quel Napoletano ?

Raz. Gnorsì ,  so’  proprio io chillu pover’ommo che sto passanno nu cuofene ‘e guaie; me facette piscatore pe magna’ e ,  quaraquacchiete ,  iette int”o sciummo e ,  pecchè d”o pericolo song’asciuto ,  ’e nun fa’ chell’arte aggio fatto vuto.......

Cid. E come farai per vivere ? ...Vuoi darti alla caccia ?  è una grande arte.....E’ il mestiere più bello e più nobile di tutti !

...inseguire con i cani le lepri  , i cervi ,  i daini ,  i camosci è uno spasso da signori...... La nostra gloria è appunto trionfare nei boschi contro le belve più agguerrite !....Appena abbiamo ucciso il cinghiale ,  si divide in parti uguali fra i compagni ,  il fegato ,  la testa ,  la pelle.....

Raz. E allora jammo ca me site padrone !

Cid. E vieni dunque chè ti darò le armi !   (vanno via )

SCENA II  (SATANA ,  POI GABRIELE )

Sat. No ,  no ,  non rinuncerò alla mia impresa !   (vede la grotta e retrocede ) ...Esca dall’Inferno il drago più feroce ed orribile !   (il drago esce e va nella grotta ) Ecco  , così nessuno potrà entrarci !  Inoltre ,  farò in modo che nessun albergo dia ospitalità all’odiata coppia ,  coprirò il mondo di ghiaccio e quei due moriranno...... (fa per andar via )

Gab. Ti esalti troppo ,  superbo !

Sat.  (retrocede atterrito ) :  Tu !  Il mio acerrimo nemico !  E che vuoi ?

Gab .Non lo sai ?  Distruggere le tue insidie !   (lo affronta mostrandogli uno scudo su cui c’è la parola”Dio” ) :  Affronta la luce del mio scudo ,  altrimenti vattene !

Sat. No ,  fermati  , quella luce mi acceca !  Me ne andrò ma ti combatterò sempre  , lo giuro !   (va via inseguito da Gabriele )

SCENA III

 (RUSCELLIO ,  POI RAZZULLO ,  POI BENINO , QUINDI CIDONIO E SARCHIAPONE )

Raz.  (di dentro ) :  Uè uè ,  ca passa ‘o cacciatore !   ...

Rus. Ti sei dato alla caccia ?

Raz. Gnorsì , embè ?

Ben.  (richiamando i cani ) :  Licisca !   Melampo ! Falcone !  Fracasso !  Senti come abbaiano questi cani verso quella grotta :  certo dentro c’è qualche belva; ma dov’è Cidonio ?   (vede i due ) Che vedo ?  Buongiorno ,  forestiero

Raz. ... Schiavo tuio  , guaglio’

Ben. Ciao ,  Ruscellio

Rus. Ciao  , caro Benino  (si stringono la mano )

Ben. ( a Razzullo ) : Ma cos’è ?  Sei armato ?  Ti sei dato alla caccia ?... è un esercizio lodevole... Ma io voglio vederti all’opera !  Sappi che i miei cani hanno abbaiato intorno a quella grotta e io credo che vi si nasconda qualche belva.......

Raz. E allora tu va’ llà ,  vide si è grossa e po’ dimmello ,   , e vide che maciello ca faccio..........

Ben .No ,  andiamo insieme

Raz. Nun me voglio ‘mpignà   primm”e sape’ ‘e ch’ animale se tratta.......

Rus.Eh via ,   (prende il bastone di Benino ) andiamo ,  chè voglio avventurarmi armato solo di questo bastone

Raz.E ghiammo ,  nun faccio cchiù resistenza ,  pure si resto acciso....... (fa per andare )

Cid. Dove si va ?

Sar.  (armato e vestito da cacciatore ) :  Belli guagliù ,  addò jammo ?

Ben. Oh fratello mio ,  sei arrivato proprio in tempo.....Io penso che in quella caverna ci sia una grossa bestia perchè i cani del nostro gregge ,  appena entrati sono fuggiti spaventati

Cid. Certamente non è un lupo ma un animale molto grande !... è il momento di mostrare il nostro valore.......e tu ,  Benino ,  va’ ,  salvati

Ben. Io salvarmi ?  Voglio combattere anch’io ,  ora che c’è bisogno

Cid. E tu ,  Ruscellio  , che pensi ?

Rus. Voglio condividere il pericolo e l’onore

Raz.  (Mannaggia quanno me so’ fatto cacciatore !  )

Rus. Coraggio , su

Ben. Forza !

Cid. Io vado con gioia !   (entra nella grotta )

Sar. Addò è gghiuto Cidonio ?

Rus. E’ andato a lottare con le belve feroci

Sar. Uh ,  e io me metto appaura !

Raz .I’ sto tremmanno ‘a na semmana.....

Rus. Via  , su ,  non temete ,  Cidonio è bravo....nella caccia  , nel lancio del disco ,  nella lotta.......

 

Cid.  (di dentro ) :  Aiuto  , amici ,  aiuto !

 

Rus  (esce  , dopo che è accorso nella grotta ) :  Ah , poveri noi  ! L’animale è un drago !   (torna dentro )

(Cidonio , Ruscellio e Benino , alla vista del drago ,  fuggono spaventati )...Raz., e Sarchiapo’ , spaventati , fuggono insieme )

SCENA IV

 (MARIA E GIUSEPPE , QUINDI ARMENZIO , POI BENINO )

Gius. Maria , vorrei andare un po’ in giro per trovare alloggio (Vede Armenzo) ... Moglie mia , questo vecchio l’ha mandato il Cielo, lo pregherò di restare a farti compagnia mentre io trovo alloggio...

Maria :  Fa’ pure come ti pare , io voglio quello che vuoi tu...

Gius . (avvicinandosi ad Armenzio ) :  Buon vecchio , Dio sia con te !

Arm.E con te. E dove vai con questa donna con un tempo così brutto ?

Gius. Per ubbidire agli ordini di Cesare , da Nazareth vado a Betlemme, con mia moglie che aspetta un bambino...ti prego di aver cura della mia sposa finchè io trovi un albergo nei dintorni , ritornerò fra poco

Arm. Va’ pure e lascia che tua moglie si riposi; io la custodirò più dei miei occhi , più della mia vita !

 

Arm. Siediti , graziosa fanciulla , e perdona la mia curiosità :  come ti chiami ?

Maria  (siede su di una pietra ) : Mi chiamo Maria

Arm.Porta il nome del mare ed è un mare di virtù

Rus. (ansante ) :  Oh Armenzio !  Amico...oh Dio !

Arm. Ruscellio , che hai ?

Rus.Tuo figlio......Cidonio.... Ha combattuto.....Con un dragone..... So che è fuggito....

Arm. Che sollievo !

Rus. E Benino...... E’ scappato con noi.....ma bisogna salvarsi !

Arm. E perchè ?

Rus.Ho paura che il drago venga da questa parte , ho ancora nelle orecchie il suo orrendo sibilo

Arm.E dove saranno i miei figli ?

Rus.Io credo alla capanna

Arm.Andiamo anche noi a salvarci là........vieni anche tu , signora

Maria :  E mio marito Giuseppe ?

Arm. Manderò i miei figli a ritrovarlo , intanto mettiamoci in salvo  (Maria va via con Armenzio )

Rus.  (camminando ) :  Questa è la donna che ho salvato con la barca e , per quel poco che ho parlato con lei , sono rimasto ammirato per le sue virtù ! ... (va via )

CAMBIO DI SCENA (CAMPAGNA CON OSTERIA A DESTRA )

SCENA V (RAZZULLO , POI SARCHIAPONE , POI SATANA ) 

Raz.  (esce fuggendo ) :  Mamma mia !  Ancora fuie !  Ah , che serpe arraggiato !  ...(getta le armi , si scontra con Sarchiapone , entrambi cadono )

Sar.Uh , anema d”o nonno mio , e comm’era brutto...

Raz. ...Aggio jettato tutte ll’arme pecchè ‘o cacciatore nun è arte pe mme , nuie jammo truvanno...

Sar.’E magna’ senza fa’ niente.. (risate ) Arme , fuite , nun ve voglio cchiù vede’ ... (getta le armi )

Raz. Che bella cosa , libbere comm’a dduie aucielle !.....Ma comme mangiammo nun ‘o saccio...Stammo accussì disperate...Si putesseme fa’ nu ‘mbruoglie...Statte , Sarchiapo’ , l’aggio penzate...mo’ jammo cercanno ‘a carità...Nisciune ce cunosce e putimmo facilmente dicere ca simmo dduie mercante cadute in bassa furtuna... vedimmo ‘e abbusca’ quacche cosa pe pute’ ienchere sti ddoie panze !   (Sarchiapone dà la voce dei mendicanti , poi Razzullo dice )...chi ce sente ?  Sta campagna è tanta sulitaria...Passasse almeno quaccuno !

Sat. (di dentro ) : Uno !   (i due fuggono spaventati )

Raz.Uno ?  Chi ha ditto”uno” ?  .... Uh mamma mia !  E chi è stato ?  ...’a voce è venuta ‘a chella parte (vede l’osteria ed esclama con gioia ) Che ?  Che veco ?  Sarchiapo’ , zompe , ride , abballe...  Nuie mo’ magnammo ...a crepapanza...Liegge llà !.....  (legge ”osteria”, quindi dice ) E ancora nun faie capriole ?  ”Osteria” , in lengua toscana , significa taverna !

Sar. Overo dice ?  Nun te si’ sbagliato ?  E ghiamm’a mangia’...

Raz.....va’ e dimande si tene pane...T’arraccumanno :  fa’ ‘a mmasciata bbona.

Sar.A me dice chesto ?  A Napule me chiammavano l’ambasciatore  (va a domandare e sbaglia , per cui va a domandare Razzullo )

Raz. N’avisse ‘ngarrata una !   (vedendo uscire Satana ) Statte , Sarchiapo’, ’o vi’ lloco , st’ascenno ‘o padrone...

Sat. (da oste ) :  Diavoli dell’inferno !  Voglio combattere con il Cielo; vedremo chi la vince !

Raz.  (in disparte a Sarchiapone ) :  Chisto va facenno ‘e cunte sulo sulo e sta pensanno comme adda ‘mpapucchia’ ‘e passeggere...

Sar. A nuie però nun ce ‘mpapocchia...

Sat. Ho preso un’altra forma e ne prenderò anche delle altre finchè raggiungerò il mio scopo...

Raz. Oh bene mio !  C’addore ‘e zuffritto , me sent”e muri’...Si aspettasse nu figlio , avesse figliato già...

Sat  (vedendo i due ) :  Ehi , che andate facendo ?

Raz. Vulammo attuorno a chillu fuculare comm’a ddoie farfalle annammurate...

Sat. Che ?  Vorreste mangiare ?... E avete come pagare ?

Raz .Gnornò...

Sat :  E che volete che vi faccia ? .... Senza soldi non si entra da quella porta...

Raz. E tu dance a magna’ pe l’anema toia...

Sat. L’anima non ce l’ho..... Volete servirmi ?....Sat. Come camerieri...Avrete cura dei letti , porterete da mangiare; farete i conti con i passeggeri...Vi farò fare solo questo...  Volete fare questo mestiere ?  Prendete le chiavi e siate miei camerieri...

Raz. Sarchiapo’ , che dice ?

Sar. Ammuccammece , e chello ca vene , vene...

Sat.Prendete le chiavi !....  Si mangia quello che avanza ai passeggeri

Raz. Seh !  E quann”o capisceno sti ddoie panze ?

Sat. Andiamo nel bosco a raccogliere la legna per il camino. ....Bisogna fare tutto se si vuole vivere. ... Dopo, , faremo la provvista di carne.... Quattro giorni fa , i lupi hanno ucciso una giumenta di un pastore , noi la faremo passare per vitella.... quando poi sarà tempo , mangerete. (va via , poi ritorna )

....Sar ...Arapimmo ‘a dispenza, tene ... Nu gallenare chine ‘e cappune ..., quatto quatto me n’arrobbe ddoie , ’e spennammo , po’ l’arrustimmo e c”e magnammo.

Raz. E bravo Sarchiapone !  I’ vaco dinto...sciglie ‘e duie cchiù gruosse e ‘o mio nun ‘o spenna’...

Sar.E pecchè ?

Raz.Pecchè m”o magno cu tutt”e penne  (entra )

Sar. I’ dico ca tengo famme , ma chillo ‘a tene cchiù ‘e me...E mo’ dammece da fa’.... (mentre va , incontra Satana ed entrano insieme )

SCENA VI

 (Giuseppe , poi Gabriele , poi Benino )

Gius.Ho cercato in molti alberghi ma è tutto pieno; o forse perchè mi credevano povero , mi hanno negato ospitalità .... (nel voltarsi e non vedendo Maria , esclama ) Ma dov’è Maria ?  L’ho lasciata in compagnia del vecchio , e ora dov’è andata ?  Luce dell’anima mia , chi ti ha rapito ?  Ah , voglio piangere tanto che il pianto mi distrugga le pupille... (chiamando ) Maria ?

Gab. (da pellegrino ) :  Buon vecchio , perchè ti affliggi ?

Gius. Ho smarrito il mio tesoro e , se non lo trovo , ne muoio !

Gab. E così presto ti perdi d’animo ?  Non è lontano il tesoro che hai perduto !....quel gentile pastore , a cui l’hai lasciata in custodia , l’ha portata con sè per sottrarla ad un pericolo , ed ecco appunto il figlio.

Ben. ....  (si avvicina a Giuseppe e domanda ) Siete voi lo sposo di quella santa donna che avete affidata a mio padre ?

Gius. Sì , figlio mio , sono io

Ben. Venite con me chè egli l’ha portata nella capanna

Gius.Sia benedetto , e sii benedetto tu , figlio mio , che mi hai portato questa notizia e mi hai consolato. (poi a Gabriele ) Ed anche voi ringrazio con animo grato e umile , passeggero gentile; ma fatemi capire :  come mai sapevate tutto ?  Vi prego , spiegatemi !

Gab. Oh Giuseppe...Giuseppe !  Come mi dimentichi presto !  Io sono quello che non ti abbandona mai; non addolorarti più :  non puoi essere in pericolo se Dio ti assiste !   (sparisce )

Gius. Ora sì capisco , caro , e si schiarisce il mio pensiero confuso :  ora che sei sparito , ti riconosco !

Ben (meravigliato ) :  Quel giovane è sparito non so come !

Gius. Figliolo , guidami dov’è tuo padre

Ben. Vi guiderò per la strada più breve , più sicura e fidata  (vanno ).

SCENA VII

 (Razzullo , poi Maria e Giuseppe , poi Sarchiapone , poi Satana )

 

Gius.Oste cortese...Il cielo vi ripaghi...

Raz.’O cielo v’aiute , site ‘e benvenute

Gius. Il tuo cuore è pietoso , lo so , perchè , per ben due volte , sei stato caritatevole...Ora ti preghiamo di darci una stanza , un angolo , per ripararci dal freddo della notte.... Non daremo fastidio

Raz. Nun se tratta p”o fastidio , ma pe chillu puorcospine ch’è tanto antipatico...

Gius. Se conoscessi almeno una stamberga...un tugurio...un antro...anche una grotta...

Raz .Na grotta ?  Gnorsì !  Ccà vicino ce ne sta una  ...però , ce se vedono ascì draghe e serpiente...

Gius. Dio , che tutto può , ci renderà sicuri. Andiamo , Maria , che , in nome del Signore , ho il coraggio di calpestare draghi e serpenti !   (si avviano )

 

Sat.  (picchiando Raz. con un bastone mentre Sar. fugge ) :  Traditore nemico !  Ti prendo per servirmi e mi tradisci; è questa la ricompensa per averti trattato come un compagno ?

Raz.Mannaggia , ma che t’aggio fatto ?...

 

Sat. Hai mandato in quella grotta quella coppia di birbanti ! ... Quel posto si potrebbe affittare perchè è la stalla dei giumenti

Raz. E chi ce vo’ sta’ ?  Ce steveno n’asino e nu voie .....

Sat. Vuoi contraddirmi ancora ?  Vattene da casa mia....

Raz. ....Famme mangia’ primme...

Sat. Non dò da mangiare ad un mio nemico

chisto è l’ultemo juorno d”a vita soia... (tirando fuori un lungo coltello ); si nun me dà a magna’ , chisto c”o schiaffo tutto ‘ncuorpo.

Raz. .... Principa’ , sapite , i’ v”o ddico c”o buono...Nun me vuo’ da’ a mangia’ ?  No ?  E pigliate chesto !   (fa per colpirlo ma Satana , con una bastonata sulla mano , gli fa cadere il coltello )

(Satana ..... lo bastona; poi escono )

CAMBIO DI SCENA (GROTTA )

SCENA VIII (GIUSEPPE E MARIA , POI URIEL , POI GABRIELE )

Gius. Questa è la grotta; andiamo , Maria , nel nome di Dio !

Uriel  (da dentro ) :  L’odiata coppia alla fine è caduta nei lacci infernali...Schiere del demonio , gioite , ora che il nostro ardente desiderio trionfa , e seguitemi !

Maria :  Sposo , non senti ?  Queste strane voci mi fanno tremare :  che dobbiamo fare ?

Gius. Non temere , Maria , Dio ci salverà dagli inganni e dalla malvagità !   (Maria entra )

Uriel  (da fuori ) :  Vecchio , fermati !

Gius. Perchè ?  Che desideri ?

Ur. Far arrivare le vostre grida di dolore fino alle nuvole !  Tutta la mia collera , in questo istante , piomberà su di voi tremenda !

Gab. La tua è un nulla in confronto a quella che Dio ti scaglierà sulla testa !  La virtù , da te sempre combattuta , sarà incoronata di splendore. Guarda !

 (Appare Maria incoronata in mezzo agli angeli; e , mentre l’orchestra suona un inno e i diavoli cadono atterriti , cala il sipario. )

ATTO TERZO (BOSCO )

SCENA 1 : RAZZULLO-BENINO-ARMENZIO E SARCHIAPONE

BEN. (battendo sulle spalle a razzullo) ) Ue’ , simpaticone !

RAZ.Si nun ciunche sti mane , me metto a chiagnere !

BEN.Ma che t’affligge ?

RAZ.Che m’affligge ? ’A famme

BEN....Se tu mi guardi le pecore , vado a vedere se mio padre ti vuole ospitare

RAZ. Si faie chesto , si’ troppo bbello; pe’ magna’ , facesse tutte cose

 

......BEN. Ecco mio padre....Devo domandargli se ti riceve

ARM.  (fuori , seguito da Sarchiapone ) Ma dove sta Benino ?  Quel ragazzo mi sparisce sempre !

BEN. (si inginocchia insieme con Razzullo ) Papà .....Questo qui che vedi.....tiene intenzione........di custodire le pecore vostre

ARM. Alzati , alzati. ....Ti metterò a guardia degli agnelli; ma mi raccomando , mi devi essere fedele !

RAZ. Nun ve preoccupate :  ’e mmane ‘e tengo pulite; figurateve :  aggio fatto ‘o scrivano

ARM. Vedi , il nostro mestiere..... è facile a farsi :  la mattina si porta il gregge in pianura perchè deve pascolare , poi si porta a bere, la sera si riporta nell’ovile e la notte bisogna stare svegli perchè i lupi potrebbero mangiare qualche agnello

RAZ. ...scusate , ’o zi’ , l’ora d’ ‘o mangia’ quanno vene ?

ARM. Ah !  Questo non manca mai. Nella dispensa c’è pane e vino , si fanno le ricotte , i caciocavalli... Il cibo non manca mai a chi lavora

ARM. ..... Benino , domanda allo straniero il suo nome

RAZ.Me chiammo Razzullo

ARM. ....Dunque , Razzullo , Sarchiapone è il mio servo , gli dirò di darti 50 agnelli e una pelliccia

SAR. Adda piglia’ servizio ?

ARM. Subito. Intanto io mi ritiro in casa. Vieni , Benino , andiamo

SAR. ... Aggio fatto cu ‘e mmane meie duie strumente napulitane , ce ‘mparammo a suna’ e , cantanno ‘na canzuncella nosta , iammo attuorno pe sti campagne e , quanno avimmo fatto ‘na bella summetella , ce ne iammo; comme te pare ?

RAZ.’A penzata nun c’è male. Ma ‘e strumente ?

SAR.’E tengo arreto a ‘sta sepe; mo’ ‘e ppiglio e facimmo nu cuncierto

RAZ.Seh , seh !  Ma fa’ ampresso ca ‘o padrone ce aspetta

SAR. Nu minuto e torno  (entra e ritorna subito )

RAZ.Si s’avvera ‘sta penzata , cu Napule voglio murì abbracciato

SAR.  (con due strumenti napoletani ) Io sto ccà

RAZ.E bravo Sarchiapone !

SAR. Ce vulimmo accurdà ?

RAZ.E quanno ?   (suonano e cantano una canzone popolare )

SCENA II

 (Razzullo , poi Sarchiapone , poi Benino )

Raz. (esce da dentro cantando , vestito da pastore e con un grosso paniere con della roba da mangiare ) Che furtuna c’aggio avuto !  Ccà addereto , dint’a nu purtuso , nu panaro steva annascuso  (lo pone a terra e , nell’aprirlo , dirà ) E’ chino ‘e pane , ’e vino......

Sar. (nell’uscire e vedendo il paniere , dirà tra sè ) Seh !  Mo’ te cumbino io ‘o servizio..... (entra e canta una canzone )

Raz.Iusto mo’ aveva veni’ st’animale !   (cerca di nascondere il paniere mentre esce Sarchiapone )

Sar.Uè , oh !  Iammo , viene cu mmico a cuntà meglio ‘e pucurelle ca ce ne manca una

Raz. (fingendosi commosso ) ’O saccio , Sarchiapone mio , ’o saccio !  Ce manca Margarita !  Margarì (urla dando l’intonazione della canzone )

Sar.’E perzo a Sarchiapone

Raz.Margarì......

Sar.Tu c’haie colpa tu. Mangiammo tutt’e duie e nun ne parlammo cchiù  (prende il paniere )

Raz.Che faie ?  Chisto è ‘o cadavere d’ ‘a pucurella morta....

Sar. Sce’ , aggio pazziato  (mentre siedono per mangiare , esce Benino , fa un segno di minaccia , entra , poi ritorna )

Raz.  (mostrando a Sarchiapone un piatto di maccheroni ) Cumpagno’ , guarde ccà , chiste so’ maccarune

Sar. E jammo jà ca me ne voglio vedè bbene  (mangiano e bevono )

Ben.  (di dentro ) .... Mio padre mi manda da te........

Raz.Uh !  E pe’ fa’ che ?

Ben.Ora te lo dico :  sai quei briganti che stanno in questi boschi ?

Raz.Chi ?  Chilli curnute ?  Purtroppo l’aggio cunusciute

Ben.Bene;questi hanno minacciato mio padre e l’hanno costretto a dargli da mangiare per cui lui , costretto , ha messo , in un paniere , pane , vino e maccheroni

Raz.C’ha miso pure nu poco ‘e furmaggio ?

Ben.No , il veleno

Raz. Uh , mamma mia bella ! Sarchiapò !

Sar. (credendosi avvelenato , si contorce comicamente ) Strazzù !

Raz.Na sola vota avimmo mangiate......

Sar.E murimmo avvelenate

Raz.Ah !  Ciorta ‘ngrata !...

Sar..... Strazzù , ce vedimmo ‘nParaviso

Raz. Accussì sperammo !   (si sdraiano a terra credendosi veramente avvelenati )

SCENA TERZA

 (Armenzio , Razzullo , Sarchiapone , poi Benino )

Arm.Così presto lo straniero ha dimenticato le regole ed ha abbandonato il gregge

Raz.Ah ! Ah ! Ah !

Sar.Oh ! Oh ! Oh !

Arm. (vedendo i due ) Che vedo ?  Sono stesi a terra

Sar. Cercammo ‘e furmiche cà ‘nterra

Arm. (accostandosi a Razzullo ) Uè , Razzullo !

Raz.Nun cunosco cchiù a nisciuno : so’ muorto !

Arm.Sei morto e parli con me ?

Raz.Forze so’ muorto chiacchiarone ..., so’avvelenato

Arm.Dai serpenti ?

Raz.’A chello magnà avvelenato ca tenive annascuso

Arm.Ah ! Allora tu mi hai rubato gli avanzi che erano nel paniere !

Sar. Signorsì , isso s’è arrubbato ‘e velanze d’ ‘o panettiere

Arm.E chi ti ha fatto credere questo ?

Raz.Figlieto..... 

Arm. Sciocco ! Benino ha scherzato ed ha voluto metterti paura...

Ben.Padre , manca un agnello

Arm.E chi li custodiva ?

Ben.Lo straniero

Arm. (a Razzullo ) Vieni qui incapace e spiegami come si è perduto l’agnello

Raz. Comme s’è perduto ? Pecchè s’è perduto ? Quanno s’è perduto ? ’O sape Sarchiapone

Sar .... Se l’hanno arrubbato..... 

Arm. Ah , disgraziati ! Mi prendete in giro ! Benissimo , proverete il peso del mio bastone (fa per bastonarli )

SCENA IV

(RUSCELLIO , CIDONIO , ARMENZIO , BENINO , RAZZULLO , SARCHIAPONE

Rus. (trattenendo Armenzio ) Armenzio , trattieni la rabbia

Cid.Trattienila , padre

Ben.Lasciateli ammazzare

Rus.Ma perchè ?

Cid.Per quale ragione ?

Arm.Mi hanno fatto rubare un agnello... 

Rus.Solo per questa volta vi prego di perdonarli

Raz.Nun ‘o facimmo cchiù

Sar.Maie cchiù , maie cchiù , maie cchiù

Arm.E va bene ! Ma come faremo ? I lupi , incoraggiati dalla preda , torneranno per fare maggior danno !

Rus.Si farà attenzione....

Arm.E allora ,  per rimanere svegli , Benino , prendi la bottiglia e fa’ passare il vino

Cid.Razzullo , fa’ sedere il babbo

Raz.Subbito.Sarchiapo’ , damme ‘na mano (fanno sedere Armenzio , poi siedono tutti )

SCENA IV

(BELFEGOR , detti , poi GABRIELLO )

Bel.Ho visto in cielo una grande luce , un gran segno.E poichè temo che questi possano ammirare i nuovi prodigi , io li farò addormentare con l’oppio

Ben. (con la bottiglia ) Padre , eccovi il vino

Bel.Ed eccovi il mio oppio

Arm.Alla salute

Tutti : Alla vostra

Arm.E adesso deve bere.........

 Cid.Brindisi (beve )

Raz.Lecce , Foggia , si cambiaaaaa !

Cid. (porgendo la bottiglia a Ruscellio )Ruscellio , prendi

Rus.Grazie. (beve e porge la bottiglia a Benino )Vuoi bere , Benino ?

Ben.E come no ? Sarchiapone , salute a te (beve ).....

 Sar.Tu e pateto.Strazzù , io bevo

Raz.T’arraccumanno , nun vevere tanto......Uè , oh ! Aggio vevere pure io !

Sar.Tiè tiè......vìvete tutte cose (gli porge la bottiglia ).....

Raz.A saluta mia !  (beve )  ....

Ben.Non posso più stare sveglio....

Sar. Uh ! pur’a mme me sta venenno nu sunnariello doce doce. E ch’aggia fa’ ? Mo’ m’ addormo nu pucurillo e nun me ne ‘mporta d’ ‘e pucurelle (s’addormenta )

Bel. Hanno chiuso gli occhi. Che vedo ? Si spalanca il Cielo e , mentre l’aria risplende , discende una schiera di guerrieri alati. Ah ! Meno male che questi li ho fatti addormentare , così non vedono queste meraviglie !

Gab. No , il Cielo li sveglierà. Fuggi , mostro infernale; fuggi , serpente; sprofonda sotto terra !

Bel. Anche nel profondo delle tenebre , sarò nemico della luce !

Gab. E voi , pastori ,  svegliatevi dal sonno in cui vi immerse il demonio. Svegliatevi ! Alzatevi ! La Terra è rinnovata. Gioite , uomini ! Ecco : spuntano i fiori , splendono le stelle. Ascoltate come il mondo fa eco al suono argentino delle voci del Cielo !  (i pastori si svegliano insieme )....Non è tempo di dormire ora che spunta l’alba celeste. Vi annunzio il bene. Svegliatevi , svegliatevi , pastori !  (tutti si inginocchiano insieme )... Andate ... a Betlemme; là vedrete , in braccio ad una Donna che ha il viso bello come l’aurora , avvolto nelle fasce , un Sole bambino; Questi dà pace al mondo , vi libera dai peccati , apre il Paradiso. E’ nascosto sotto un aspetto mortale il Figlio di Dio.  In segno di gioia , gli angeli cantano e io mi svelo a voi (va via volando )

Arm. Figli , amici , avete sentito , andiamo ad inchinarci al Salvatore del mondo !

Cid. Sì , andiamo cantando inni. (tutti vanno verso la grotta cantando”Adeste fideles " e si inginocchiano davanti al presepe )