ETIMOLOGIA DI FIORI E PIANTE N-Z

Foto di narcisi, oleandro, plumbago, strelitzia, tamerice, zinnia.

  ETIMOLOGIA DI FIORI E PIANTE N - Z

 

 

 

Narciso – Secondo alcuni etimologi deriva dal latino narcissus che, a sua volta, deriva dal greco narké = stupore, meraviglia per il profumo straordinario dei suoi piccoli fiori.

Secondo la mitologia il bellissimo Narciso si specchiò in uno stagno e si innamorò della sua immagine riflessa; cadde nell’acqua e affogò. Al suo posto, sulla sponda, nacque l’omonimo fiore.

 

Neoregelia – Il nome ricorda quello del botanico E. Albert von Regel vissuto nel XIX secolo.

 

Nephrolepsis – Il nome di questa felce deriva dal greco nephros, rene e lepis, scaglia, a causa della forma della membrana che serve da riparo alle spore.

 

Nerium (oleandro) – Il nome deriva dal greco neron, acqua, perché questa pianta cresce spontanea lungo il corso dei fiumi.

 

Nidularium – Il nome deriva dal latino nidus, nido, a causa della posizione semi-nascosta, in cui nascono i fiori, al centro della rosetta di foglie.

 

Ninfea - pianta acquatica con foglie rotonde galleggianti e fiori molto vistosi, deriva dal greco nymphàia, che vuol dire pianta delle ninfe.

 

Oleandro (Vedi Nerium)

 

Oncidium – Il nome di questa orchidea deriva dal greco onkos, punta, a causa dell’escrescenza che si trova sul labello.

 

Peonia - Etimologia: dal greco paionia (=pianta che risana), perché le radici della pianta hanno proprietà medicinali, ma anche dal medico Peone, che curò Plutone ferito da Ercole (Vedi Iliade, V libro).

 

Paphiopedilum - Il nome di questa orchidea deriva dal greco Paphie, uno degli attributi di Afrodite, e pedilon, sandalo, a causa della forma del labello.

 

Passiflora – Il nome significa fiore della passione. I primi colonizzatori spagnoli ravvisarono nel fiore gli elementi della passione di Cristo: nei filamenti a raggiera la corona di spine; nello stilo la colonna della flagellazione; negli stigmi i tre chiodi; nei tre stami la spugna imbevuta di fiele.

 

Pelargonium – Nome scientifico del geranio, deriva da greco pelargos, che vuol dire cicogna, per la rassomiglianza del seme che ricorda il becco dell'uccello.

 

Pervinca - Deriva dal latino vinca, da vincere (=avvincere, legare) per i suoi tralci serpeggianti.

 

Petunia – Il nome della pianta, proveniente dall’America meridionale, deriva dal portoghese petum, tabacco, per la somiglianza delle loro foglie.

 

Philodendron – Il nome di questa pianta da appartamento, che deriva dal greco philos, caro, diletto e dendron, albero, indica il portamento rampicante della maggior parte delle specie che, nei paesi di origine, crescono avvinghiati agli alberi.

 

Pilea – Il nome di questa pianta da appartamento deriva dal latino pileus, berretto in feltro che, a sua volta, deriva dal greco pilos, indicante un oggetto in feltro.

 

Pittosporo – Il nome di questa pianta deriva dal greco pitta, pece, resina e spora, seme, perché ha i semi ricoperti di resina.

 

Platycerium – Il nome di questa pianta da appartamento deriva dal greco platis, grande e keras, corno, per la forma delle fronde.

 

Plumbago – Chiamata anche Gelsomino azzurro, deriva il suo nome (pianta del piombo o piombaggine) dalla diffusa convinzione che esso curasse l’avvelenamento da piombo.

 

Primula – Ha questo nome perché è uno dei primi fiori a spuntare in primavera.

 

Ranuncolo = piccola rana, perché questo fiore predilige i luoghi paludosi e umidi.

 

Reseda - Dal latino sedare (=calmare) per le proprietà curative attribuite alla pianta.

 

Rododendro - Nome attribuito da Linneo a questa pianta dai fiori simili alle rose. Deriva da rhodon (=rosa) e dendron (=albero).

 

Rosmarino – Plinio ne spiega il significato: Ros-Marinus significa Rugiada di mare.

 

Salice – Il nome deriva dal latino salicen, che proviene dal greco elike, riconducibile a saras = acqua, perché cresce lungo i fiumi e i corsi d’acqua.

 

Sedum - Il nome , definito da Linneo, potrebbe derivare dal verbo di radice latina sedeo = io mi siedo per il tipo di fusto prostrato  e per l'abitudine che avevano i Romani di mettere queste piante sui tetti, convinti che tenessero lontano i fulmini.

 

Senecio – Deriva dal latino senex, per la peluria bianca che formano i capolini una volta sfioriti. 

 

Solanum – Deriva dal latino solanem (= consolazione), che indica le proprietà sedative e medicamentose di alcune specie.

 

Spathiphyllum – Il nome deriva dalla particolare forma dell’infiorescenza a spadice avvolta da una spata.

 

Stephanotis – Questo splendido rampicante bianco, che proviene dal Madagascar, prende il suo nome dal greco stephanos, corona e otos, orecchio perché gli indigeni avevano l’usanza di farne corone.

 

Strelitzia – Questo bellissimo fiore, di origine tropicale, appena fu introdotto in Europa nel 1700, fu dedicato a Carlotta-Sofia di Meclemburg-Strelitz, vedova di re Giorgio III, da cui prese il nome.

 

Streptocarpus – Deriva il suo nome dal greco streptos, attorcigliato e karpos, frutto, a causa della forma a spirale delle capsule dei semi.

 

Streptosolen – Bel fiore giallo-aranciato, deriva dal greco streptos, attorcigliato e solen, tubo, a causa della forma della corolla. 

 

 

Tagete - Dal latino Tages o Tagus, divinità etrusca minore, figlio di un Genius Jovialis e nipote di Giove.

 

Tamerice – Il suo nome deriva dal greco tamarix = scopa, perché i suoi rami, legati, possono essere usati per ramazzare.

 

Tradescanzia o erba miseria – Il suo nome, dato da Linneo, ricorda i naturalisti inglesi Tradescant, John il vecchio e John il giovane.

 

Tulipano - Il tulipano è originario della Turchia. Il termine tulipano deriva dal greco turban (= turbante), per la sua forma che ricorda quella del turbante.

 

Verbena - Deriva dal latino e significa ramoscello sacro, perché veniva utilizzato in alcune cerimonie religiose.

 

Vriesea – Il nome di questa pianta da appartamento commemora W. H. de Vriese, botanico olandese del XIX secolo.

 

Vuylsstekeara – Il nome di questa orchidea deriva dal belga Charles Vuylsteker (1844 - 1927), proprietario di un grandissimo vivaio di orchidee in Belgio, che realizzò per primo l' incrocio da cui è nata questa specie.

 

Zantedeschia  - Vedi Calla.

 

Zebrina – Il nome di questa pianta da appartamento ricorda quello della zebra per le striature delle foglie. 

 

Zinnia - Questo bel fiore prende il nome dal botanico tedesco J.G.Zinn. 

PETALI PROFUMATI - I vostri haiku

 

Se siete iscritti a Facebook e volete cimentarvi con la scrittura degli haiku, oppure siete esperti e volete contribuire con i vostri componimenti, vi invito a iscrivervi al mio gruppo PETALI PROFUMATI - I nostri haiku.  Il link per gli iscritti a facebook è il seguente:

 https://www.facebook.com/groups/petaliprofumati/

 

Se chiedete l'iscrizione, daremo una veloce occhiata  al vostro diario di Facebook (per evitare di iscrivere buontemponi e perditempo). Sono graditi coloro che amano l'arte, la bellezza, la gioia e coloro che vogliono leggere o scrivere haiku. Il gruppo propone diverse attività: organizziamo giochi e gare di haiku (in premio diamo pergamene virtuali).