Lirica provenzale e medioevale - Cecco Angiolieri

POESIA MEDIOEVALE

 

 

POETI PROVENZALI

 

BERNARD DE VENTADORN

 

Quando l'erba tenera appare

Ben vorrei trovarla sola

 

RAIMBAUD DE VAQUERAS

Kalenda Maya

 

FOLQUET DE MARSELHA

Mai vorrei che qualcuno udisse

 

JAUFRE' RUDEL 

Se il rivolo della fontana 

 

CECCO ANGIOLIERI

 S'io fosse fuoco

La mia malinconia

 

 *********************

 

POETI PROVENZALI

(CON TRADUZIONE)

 

 

 

BERNARD DE VENTADORN

 

QUANDO L'ERBA TENERA APPARE

 

Qan l'erba fresch' e·lh folha par
e la flors boton' el verjan,
e·l rossinhols autet e clar
leva sa votz e mou so chan,
joi a de lui, e joi ai de la flor
e joi de me e de midons major;
daus totas partz sui de joi claus e sens,
mas sel es jois que totz autres jois vens.

 

Quando l'erba tenera appare e la foglia,

il fiore sboccia sul ramo,

e l'usignolo alta e chiara

leva la sua voce e intona il suo canto,

gioia ho di lui e gioia ho del fiore,

gioia ho di me e più grande di Madonna,

da ogni parte sono dalla gioia chiuso e cinto,

ma questa è gioia che tutte le altre vince.

 

FOLQUET DE MARSELHA

 

Mai vorrei che qualcuno udisse

 

Ja non volgra q'hom auzis

los dousz chan(s) de(l)s aucellos

mas cill qi son amoros,

qe res tan no m'esbaudis

co.ill aucellet per la plaigna

e.ill bella cui soi aclis:

cella.m plasz mais qe chancos,

volta ne lais de Bretaigna.

 

Be m'agrada e m'abellis,

mais no soi aventuros,

q'ades es hom cobeitos

de cho q'es plus grieu conqis;

donch qe.m val ni qe.m gazaigna

s'ieu l'am e ill no.m grazis!

Amarai donch en-perdos?

oc ieu, qnceis qe remaigna.

 

 

Mai vorrei che qualcuno udisse

il dolce canto degi uccellini

tranne quelli che sono innamorati,

perchè niente mi rinfranca

com gli uccellini nella piana

 e la bella cui sono sottomesso:

lei mi piace più che canzone,

volta o lai di Bretagna.

 

Ben m'aggrada e assai mi piace,

ma non sono fortunato,

perché  si è sempre bramosi

di ciò che a stento si procura,

dunque che mi vale e che guadagno

se io l'amo e lei non mi gradisce!

Amerò dunque senza premio?

Io sì, piuttosto che lasciare.

 

 

DANTE GABRIEL ROSSETTI - Lady Lilith
DANTE GABRIEL ROSSETTI - Lady Lilith

BERNARD DE VENTADORN

BEN VORREI TROVARLA SOLA

 

Be la volgra sola trobar,
que dormis, o·n fezes semblan,
per qu'e·lh embles un doutz baizar,
pus no valh tan qu'eu lo·lh deman.
Per Deu, domna, pauc esplecham d'amor!
Vai s'en lo tems, e perdem lo melhor!
Parlar degram ab cubertz entresens,
e, pus no·ns val arditz, valgues nos gens!

 

Ben vorrei trovarla sola,

che dormisse o facesse finta di dormire,

per rubarle un dolce bacio,

non avendo l'animo di richiederglielo.

Per Dio, signora, quanto poco godiamo dell'amore!

Vassene il tempo e noi perdiamo il meglio.

Dovremmo corrispondere con segni d'intesa,

e poiché non ci vale l'ardire, ci valga almeno l'astuzia!

RAIMBAUD DE VAQUERAS

 

KALENDA MAYA

 

Kalenda maya, ni fuelhs de faya
ni chanz d'auzelh, ni flors de glaya
non es quem playa pros domna guaya,
tro qu'un ysnelh messatger aya
del vostre belh cors, quem retraya
plazer novelh qu'Amors m'atraya
e iaya em traya vas vos, domna veraya
e chaya de playa l gelos
ans quem n'estraya.

 

Calendimaggio, non c'è foglia di faggio
né canto di uccello, né fiore di giglio
che mi piaccia, o donna prode e gaia,
fino a quando io non abbia un messaggero veloce
del vostro bel viso che mi porti
un nuovo piacere, fino a quando Amore mi attragga
e mi conduca a voi, o donna sincera
e muoia di rabbia l'invidioso
prima che io mi allontani da voi.
 

WATERHOUSE - Lady of shalott
WATERHOUSE - Lady of shalott

JAUFRE' RUDEL - Se il rivolo della fontana (con testo originale)

 

Se il rivolo della fontana

 

Se il rivolo della fontana

si schiara siccome far suole

e rosa nel bosco é regina

e già l'usignolo sul ramo

canzon variata fa e piana

e leviga il canto e l'affina

è giusto se il mio l'accompagna.

 

Amore di terra lontana

per voi tutto il cuore mi duole,

nè posso trovar medicina

se non vado al suo richiamo:

amor calda e soffice lana,

tra i fiori oppur sotto cortina

insieme all'ambita compagna.

 

Non posso mai averla vicina

per questo nel fuoco son gramo;

gentile al par d'essa cristiana

mai visse, perchè Dio non vuole,

nè visse giudea o saracina;

si nutre di manna sovrana

chi un po' del suo amore guadagna.

 

Anelo di sera e mattina

a quella che amore più chiamo;

la voglia la mente fa insana,

la brama mi ruba quel sole,

più acuta puntura che spina

è il duolo che gioia risana:

nè lacrima voglio compagna.

 

Non carta ricerco anche fina,

quel vers lo avrà che cantiamo

in lingua sincera romana

Ser Ugo, cantando parole

Fillol: e canzon pittavina

sarà, e di Berri e di Guiana,

e gioia poi porti in Bretagna.

 

Quan lo rius de la fontana

 

1.      Quan lo rius de la fontana 

        s'esclarzis, si cum far sol, 

        e par la flor aiglentina,

        e.l rossinholetz el ram 

        volf e refranh et aplana 

        son doutz chantar et afina, 

        dreitz es qu'ieu lo mieu refranha

 

 

2.      "Amors de terra lonhdana,

        per vos totz lo cors mi dol!"  

        E no.n puesc trobar meizina  

        si non vau al sieu reclam 

        ab atraich d'amor doussana 

        dinz vergier o sotz cortina  

        ab desiderada companha. 

 

 

3.      Pus totz jorns m'en falh aizina,

        no.m meravilh s'ieu n'aflam,

        quar anc genser cristiana

        non fo, ni Dieu non la vol 

        juzeva ni sarrazina: 

        ben es selh pagutz de mana 

        qui ren de s'amor gazanha! 

 

 

4.      De dezir mos cors non fina 

        vas celha ren qu'ieu plus am;

        e cre que volers m'engana 

        si cobezeza la.m tol; 

        que plus es ponhens qu'espina

        la dolors que ab joi sana!

        Don ja non vuelh qu'om m'en planha.

 

 

5.      Senes breu de pargamina  

        tramet lo vers, que chantam

        en plana lengua romana,

        a.n Hugo Bru par Filhol;

        bo.m sap quar gens Peitavina 

        de Berri e de Guiana

        s'esgau per lui e Bretanha 

CECCO ANGIOLIERI

 

S'io fosse foco

 

S'i fosse foco, arderei 'l mondo;

s'i fosse vento, lo tempesterei;
s'i fosse acqua, i' l'annegherei;
s'i fosse Dio, mandereil' en profondo;
s'i fosse papa, allor sarei giocondo,
ché tutti cristiani imbrigarei;
s'i fosse 'mperator, ben lo farei;
a tutti tagliarei lo capo a tondo.
S'i fosse morte, andarei a mi' padre;
s'i fosse vita, non starei con lui;
similemente faria da mi' madre.
Si fosse Cecco, com'i' sono e fui,
torrei le donne giovani e leggiadre:
e vecchie e laide lasserei altrui.

 

 La mia malinconia

 

La mia malinconia è tanta e tale,
ch'i' non discredo che, s'egli 'l sapesse
un che mi fosse nemico mortale,
che di me di pietade non piangesse.
Quella, per cu' m'avven, poco ne cale;
che mi potrebbe, sed ella volesse,
guarir 'n un punto di tutto 'l mie male,
sed ella pur: - I' t'odio - mi dicesse.
Ma quest'è la risposta c'ho da lei:
ched ella non mi vol né mal né bene,
e ched i' vad'a far li fatti mei;
ch'ella non cura s'i' ho gioi' o pene,
men ch'una paglia che le va tra' piei:
mal grado n'abbi Amor, ch'a le' mi diène. 
  

PETALI PROFUMATI - I vostri haiku

 

Se siete iscritti a Facebook e volete cimentarvi con la scrittura degli haiku, oppure siete esperti e volete contribuire con i vostri componimenti, vi invito a iscrivervi al mio gruppo PETALI PROFUMATI - I nostri haiku.  Il link per gli iscritti a facebook è il seguente:

 https://www.facebook.com/groups/petaliprofumati/

 

Se chiedete l'iscrizione, daremo una veloce occhiata  al vostro diario di Facebook (per evitare di iscrivere buontemponi e perditempo). Sono graditi coloro che amano l'arte, la bellezza, la gioia e coloro che vogliono leggere o scrivere haiku. Il gruppo propone diverse attività: organizziamo giochi e gare di haiku (in premio diamo pergamene virtuali).