Salvatore Di Giacomo

LEGA - Il piano
LEGA - Il piano

 

POESIE:

 

PIANEFFORTE ‘E NOTTE

MARZO

ERA DE MAGGIO

E 'TREZZE 'E CARULINA

PALOMMA 'E NOTTE 

 

 

IL MARE  NELLE CANZONI

 

PIANEFFORTE ‘E NOTTE

Nu pianefforte ‘e notte
Sona lontanamente
E ‘a musica se sente
Pe ll’aria suspirà.

E’ ll’una: dorme ‘o vico
Ncopp’a sta nonna nonna
‘e nu mutivo antico
‘e tanto tempo fa.

Dio, quanta stelle cielo!
Che luna! E c’aria doce!
Quanto na bella voce
Vurria sentì cantà!

Ma solitario e lento
More ‘o mutivo antico;
se fa cchiù cupo o vico
dint’a all’oscurità.

Ll’anema mia surtanto
rummane a sta funesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantannose, a penzà.

 

MARZO


Marzo: nu poco chiove
e n’ato ppoco stracqua
torna a chiovere, schiove,
ride ‘o sole cu ll’acqua.

Mo nu cielo celeste,
mo n’aria cupa e nera,
mo d’’o vierno ‘e tempesta,
mo n’aria ‘e Primmavera.

N’ auciello freddigliuso
aspetta ch’esce ‘o sole,
ncopp’’o tturreno nfuso
suspireno ‘e vviole.
 
Catarì!…Che vuo’ cchiù?
Ntiénneme, core mio!
Marzo, tu ‘o ssaie, si’ tu,
e st’ auciello songo io.

 

 

CAMILLE PISSARRO - Eragny
CAMILLE PISSARRO - Eragny
SALVATORE DI GIACOMO
 
*MARZO

Marzo: nu poco chiove
e n’ato ppoco stracqua
torna a chiovere, schiove,
ride ‘o sole cu ll’acqua.

Mo nu cielo celeste,
mo n’aria cupa e nera,
mo d’’o vierno ‘e tempesta,
mo n’aria ‘e Primmavera.

N’ auciello freddigliuso
aspetta ch’esce ‘o sole,
ncopp’’o tturreno nfuso
suspireno ‘e vviole.

Catarì!…Che vuo’ cchiù?
Ntiénneme, core mio!
Marzo, tu ‘o ssaie, si’ tu,
e st’ auciello songo io.

"Marzo: un po' piove / e dopo un po' cessa di piovere: / torna a piovere, spiove, / ride il sole con l'acqua. / Ora un cielo celeste, / ora un'aria cupa e nera: / ora le tempeste dell'inverno, / ora un'aria di primavera. / Un uccello freddoloso / attende che esca il sole: / sopra il terreno bagnato / sospirano le viole... / Caterina!...Che vuoi di più? / Cerca di capirmi, cuore mio! / Marzo, lo sai, sei tu, / e quest'uccello sono io". (Traduzione di P.P.Pasolini)

ERA DE MAGGIO

Era de maggio e te caréano 'nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse...
Fresca era ll'aria...e tutto lu ciardino
addurava de rose
a ciento passe...

Era de maggio, io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávamo a doje voce...
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n'allicordo,
fresca era ll'aria e la canzona doce...

E diceva: Core, core!
core mio, lun
tano vaje,
tu mme lasse, io conto ll'ore...
chisà quanno turnarraje!

Rispunnevo: Turnarraggio
quanno tornano li rrose...
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá.

Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá.

E só' turnato e mo, comm'a na vota,
cantammo 'nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s'avota,
ma 'ammore vero no, nun vota vico...

De te, bellezza mia, mme 'nnammuraje,
si t'allicuorde, 'nnanz'a la funtana:
Ll'acqua, llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d'ammore nun se sana...

Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioja mia,
'mmiez'a st'aria 'mbarzamata,
a guardarte io nun starría!

E te dico: Core, core!
core mio, turnato io só'...
Torna maggio e torna 'ammore:
fa' de me chello che vuó'!

Torna maggio e torna 'ammore:
fa' de me chello che vuó'!

 

'E ttrezze 'e Carulina

Versi di S. D. Giacomo  - Musica di Gambardella

I

Oi pètteno, che pièttene

'e ttrezze 'e Carulina,

dammenu sfizio, scippala, scipplala na matina.

E tu, specchio, addò luceno

chill'uocchie,addò, cantanna,

ride e se mmira - appànnete

quanto sesta ammiranno!

Lenzole, addò se stènneno

'e ccarne soie gentile,

sfucàteve, pugnitel,

tutto stu mese "Abbrile"!

 

E vuie, teste d'anepeta,

d'aruta e di resedà,

seccate ncopp'mall'asteco

faciteve truvà...

 

II

Mo 'o petteno, che pettena

'e trezze 'e Carulina,

è sempre 'o stesspo petteno

è tartaruga fina;

 

'0 specchio è de Venezia

e non ha fatto mossa;

'e llenzulelle smoveno

n'addre 'e spicaddossa...

 

E manco nun me sentonno 

ll'aruta e 'a resedaà:

cchiù ampresso, 'ncoppa ll'asteco,

Abbrile 'e ffa schiuppa!...

 

E sti scungiure - è inutile -

nnì a pommo cchiù arriva:

cchiù nfama e cchiuùsempatica

cchiù bella assaie se fa!

Palomma 'e notte

(Di Giacomo - Buongiorno)

 

I

Tiene mente 'sta palomma

comme gira comm'a vota,

comme torna n'ata vota

'sta ceroggena a tentà!

Palummè, chisto è nu lume

nun è rosa o giersumino...

e tu a fforza ccà vvicino

te vuò mettere a vulà!

 

Ritornello:

Vattenne ' a lloco!

Vattenne, pazzarella!

Va', palummella - e torna,

e torna a st'aria

accussì fresca e bella!...

O bbì ca 'i pure

mm'abbaglio chianu chiano,

e cca mm'abbruscio 'a mano

pe' te ne vulè caccia?...

 

 II

Carulì, pe' nu capriccio,

tu vuò fa' scuntento a n'ato,

e po' quanno l'he lassato

tu addu n'ato vuò vulà.

Troppe core stai strignenno

cu' sti mmne piccerelle;

ma fernisce ca sti scelle

pure tu te può abbruscià!

 

Ritornello

 

III

Torna, va' palomma 'e notte

dint'a ll'ombra addò sì' nata,

torna a st'aria 'mbarzamata

ca te sape cunzulà.

Dint'o scuro, e pe 'mme sulo,

'sta cannela arde e se struie ...

ma c'ardesse a tutt'e duie

nun 'o ppozzo suppurtà!

 

Farfalla notturna

 

  

Guarda questa farfalla notturna

come gira e come vola

come torna un'altra volta

a circuire questa candela

Farfallina, questo è un lume

non è una rosa o un gelsomino

e tu per forza qua vicino

ti vuoi mettere a volare!

 

Vai via di qui,

Vattene pazzarella

vai, farfallina e torna torna

all'aria così fresca e bella

Lo vedi che pure io

mi abbaglio piano piano

e poi mi brucio la mano

per tentare di scacciarti.

 

Carolina, per un capriccio

tu vuoi rendere scontento un altro

e poi quando l'hai lasciato

tu da un altro vuoi volare

Troppi cuori stai stringendo

con le tue piccole mani,

ma va a finire che queste ali

pure tu puoi bruciare.

 

Ritornello

 

Torna, vai, farfalla notturna

nel buio in cui sei nata

torna all'aria odorosa di balsami

che ti sa riconsolare

Dentro al buio, per me solo

questa candela arde e si strugge

ma che bruci tutti e due

non lo posso sopportare! 

  

Ritornello

 

 

 

PETALI PROFUMATI - I vostri haiku

 

Se siete iscritti a Facebook e volete cimentarvi con la scrittura degli haiku, oppure siete esperti e volete contribuire con i vostri componimenti, vi invito a iscrivervi al mio gruppo PETALI PROFUMATI - I nostri haiku.  Il link per gli iscritti a facebook è il seguente:

 https://www.facebook.com/groups/petaliprofumati/

 

Se chiedete l'iscrizione, daremo una veloce occhiata  al vostro diario di Facebook (per evitare di iscrivere buontemponi e perditempo). Sono graditi coloro che amano l'arte, la bellezza, la gioia e coloro che vogliono leggere o scrivere haiku. Il gruppo propone diverse attività: organizziamo giochi e gare di haiku (in premio diamo pergamene virtuali).