* * * * Apollinaire, Mallarmé e altri * * * *

GUSTAVE COURBET - Natura morta. Frutti (1871)
GUSTAVE COURBET - Natura morta. Frutti (1871)

GUILLAUME APOLLINAIRE - Costellazione d'Autunno

lo sono sotto il segno della Costellazione d'Autunno
E perciò amo i frutti e detesto i fiori
I baci che do li rimpiango uno per uno
Noce bacchiato che dice al vento i suoi dolori

Mio eterno Autunno mia stagione mentale
Mani d'antichi amanti costellano il tuo suolo
Una sposa mi segue è la mia ombra fatale
Le colombe stasera spiccano l'ultimo volo.

GUILLAUME APOLLINAIRE

 

A volte quasi provo le emozioni
dell'infanzia felice; ruscelli, alberi, fiori
mi ricordano i luoghi in cui vivevo
prima che ai libri offrissi in sacrificio
la mia giovane mente,
e come un tempo mi assalgono,
e il cuore si commuove a riconoscerli;
Potrei anche pensare a tratti di incontrare
Un essere da amare, vivo, ma nessuno come te. 

STEPHANE MALLARME'
STEPHAN MALLARME' - SUPPLICA FUTILE

Principessa! a invidiare d'un Ebe la ventura
Che ai labri e al vostro bacio spunta sulla tazzina,
Consumo gli occhi, ma la discreta figura
Mia d'abate neppure starebbe sul piattino.
Poi ch'io non sono il tuo cagnolino barbuto
Nè il dolce, nè il rossetto, nè giuochi birichini,
E su di me il tuo sguardo chiuso io so caduto,
Bionda, cui acconciarano orefici divini!
Sceglieteci...tu cui le risa di lampone
Si congiungono in gregge come agnelotte buone
Brucando in tutti i voti, belando paradisi;
Affinchè Amore alato d'un ventaglio sottile
Mi vi pinga col flauto mentre addormo l'ovile,
Principessa, sceglieteci pastor dei tuoi sorrisi.

GUILLAUME APOLLINAIRE - L'ADDIO

Ho colto d'erica un rametto
L'autunno è morto non scordarlo
Non ci vedremo mai più sulla terra
Odor del tempo brullo rametto
E tu ricorda che t'aspetto.

Stéphane Mallarmé - Tristezza d'estate


Il sole, o lottatrice sulla sabbia assopita,
Nell'oro dei capelli un bagno languoroso
Ti scalda e ardendo incenso sulla gota nemica
Mescola con i pianti un incanto amoroso.
Quest'immobile calma e la fiamma del cielo
T'ha rattristata, o baci miei timorosi, e dici:
"Noi non saremo mai un sarcofago solo
Sotto il deserto antico e le palme felici!"
Ma la tua chioma fulva è un tiepido ruscello
Dove affondare fermi l'anima che ci assilla
E trovare quel Nulla che tu saper non puoi.
Io gusterò il belletto pianto dagli occhi tuoi:
Forse al cuor che colpisti esso donar saprà
Dell'azzurro e dei sassi l'insensibilità.

 

Tristesse d'été
Le soleil, sur le sable, ô lutteuse endormie,
En l’or de tes cheveux chauffe un bain langoureux
Et, consumant l’encens sur ta joue ennemie,
Il mêle avec les pleurs un breuvage amoureux.
De ce blanc Flamboiement l’immuable accalmie
T’a fait dire, attristée, ô mes baisers peureux,
«Nous ne serons jamais une seule momie
Sous l’antique désert et les palmiers heureux! »
Mais ta chevelure est une rivière tiède,
Où noyer sans frissons l’âme qui nous obsède
Et trouver ce Néant que tu ne connais pas.
Je goûterai le fard pleuré par tes paupières,
Pour voir s’il sait donner au cœur que tu frappas
L’insensibilité de l’azur et des pierres.
John William Godward - In Realms of Fancy  1911
John William Godward - In Realms of Fancy 1911

GUILLAUME APOLLINAIRE - *1909

 

La signora aveva un vestito

In ottomano viola scarlatto

E la sua tunica ricamata d'oro

Era composta di due pannelli

Che s'attaccavano sulle spalle

Gli occhi danzanti come angeli

Rideva rideva

Aveva un viso dai colori di Francia

Gli occhi blu i denti bianchi e le labbra molto rosse

Aveva un viso dai colori di Francia

Era scollata in rotondo

E pettinata alla Recamier

Con belle braccia nude

Non si sentirà mai suonare la mezzanotte

La signora nel vestito di ottomano viola scarlatto

E in tunica ricamata d'oro

Scollata in rotondo

Portava a passeggio i suoi riccioli

La sua fascia d'oro

E trascinava le scarpette con le fibbie

Era così bella

Che non avresti osato amarla

Amavo le donne atroci nei quartieri enormi

Dove nasceva ogni giorno qualche essere nuovo

Il ferro era il loro sangue la fiamma il cervello

Amavo amavo il popolo abile delle macchine

Il lusso e la bellezza sono solamente la sua schiuma

Quella donna era così bella

Che mi faceva paura.

Stéphane Mallarmé - Brezza marina

 

Ahimè! La carne è triste, - e ho letto tutti i libri.
Laggiù, laggiù, fuggire! Io sento uccelli, ebri
d' esser tra spume ignote e inesplorai cieli.
Nulla! Nè i parchi antichi, riflessi dagli aneli
occhi, potran tenere questo mio cuore, infuso
nel vasto mare, o Notti; nè il chiaror fioco, effuso
dalla deserta lampada sulla pagina vuota,
protetta dal candore; nè, sul piccino immota,
quella giovane donna, reclina ad allattare.
Io, - partirò. Partire! O nave d' alto mare,
rioscillante ai venti la grande alberatura,
salpa a remote plaghe di esotica natura!
Un Tedio, desolato da speranze crudeli,
crede al supremo addio di sventolati veli.
Gli alberi - forse - eretti a sfidar le bufere,
son di quelli che un turbine rovescia sulle nere
carcasse dei naufraghi, perdute nelle fonde
voragini squallenti, senz' isole feconde,
senz' àdito di scampo, - disalberate, ormai...

Ma tu, mio cuore, il canto odi dei marinai!

GUILLAUME APOLLINAIRE - Amica mia

 

Amica mia penso a te

Al tuo color di sole alla tua grazia

 

La casa è vuota da quando il mio raggio di sole

È andato a tuffarsi in mare

 

Se vedi i sommergibili

Di’ loro che t’amo

 

Se le nubi s’addensano

Di’ loro che t’adoro

 

Se la mareggiata infuria sugli scogli della riva

Di’ agli scogli che sei la mia pietra preziosa

 

Se qualche granello di sabbia brilla tra i mille granelli

di sabbia della spiaggia

Digli che sei la sola gemma che amo

 

Quando vedrai il postino

Digli con quanta impazienza aspetto le tue lettere

 

Ti mando mille baci mille carezze

Che ti raggiungeranno come le parole raggiungono

l’antenna del telegrafo senza fili

 

Se vedi dei feriti

Digli che la mia sola ferita è quella che hai inferto

al mio cuore

 

Se a volte pensi pensa che il mio pensiero è sempre

con te

E che t’adoro.

 

(da Poèmes retrouvés)

 

Mon amie je pense à toi

Mon amie je pense à toi,
A ta couleur de soleil à ta grace.

La maison est vide depuis que mon rayon de soleil
Est allé se plonger dans la mer.

Si tu vois les sous-marins
Dis-leur que je t'aime.

Si les nauges s'accumulent
Dis-leur que je t'adore.

Si la tempete fait rage contre les rocs du rivage
Dis-leur que tu es ma pierre précieuse.

Si quelque grain de sable brille entre les mille grains
de sable de la plage
Dis-lui que tu es la seule gemme que j'aime.

Quand tu verras le facteur
Dis-lui avec quelle impatience j'attends tes lettres.

Je t'envoie mille baisers mille caresses
Qui te rejoindront comme les mots rejoignent
l'antenne de la télégraphie sans fil.

Si tu vois des blessés
Dis-leur que ma seule blessure est celle que tu as faite
à mon coeur.

Si tu penses parfois songe que ma pensée est toujours
avec toi.

Et que je t'adore.

GUILLAUME APOLLINAIRE

La tromba suona e risuona
Suona, si spengono i fuochi.
Il mio povero cuore ti dono
Per uno sguardo dei tuoi begli occhi
Un solo moto della tua persona.

Sono le dieci, tutto è spento,
Ascolto russare la caserma,
Viene dal Nord il vento,
La luna mi fa da lanterna
Grida un cane alla morte il suo lamento.

La notte si consuma lenta lenta,
Rintoccano le ore lentamente
Tu che fai o mia bella indolente
Mentre vegliando il tuo amante
Ti sospira lontana e si tormenta?

E io cerco nel cielo stellato
Dove sono le stelle gemelle -
Mio destino che al tuo è legato
Ma dove sono le nostre stelle?
O cielo, campo di grano incantato!

La notte si consuma dolcemente
Sereno alfine m'addormento.
I tuoi occhi che vegliano il tuo amante
Non sono forse, mia bella indocile,
Le nostre stelle del firmamento?

GUILLAUME APOLLINAIRE - Fotografia

 

M'attira il tuo sorriso come

Potrebbe attirarmi un fiore.

 

Fotografia tu sei il fungo bruno

Della foresta

La sua bellezza

I bianchi sono

Un chiaro di luna

In un pacifico giardino

Pieno d'acque vive e d'indiavolati giardinieri.

 

Fotografia sei il profumo dell'ardore

La sua bellezza

E ci sono in te

Fotografia

I toni illanguiditi

Vi si sente

Una melopea.

 

Fotografia tu sei l'ombra

Del sole

Tutta la sua bellezza.

GUILLAUME APOLLINAIRE

Se due cuori si sono intensamente amati
Resiste il loro amore al di là della morte.
Cogliamoli i ricordi che abbiamo seminati
La lontananza è nulla quando l'amore è forte

GUILLAUME APOLLINAIRE

Di te, da tanto tempo, io non ho più notizie.
Ma che dolci ricordi son quelli in cui ti vedo,
o mio lontano amore, o mia divina Lou,
accetta che il devoto la tua bellezza adori!

E' proprio questo d'oggi il giorno d'ispezione,
poco dopo, mia Lou, ce ne saremo andati.
E' questione di giorni. Non ti vedrò mai più,
non torneranno più quei bei giorni passati...

Come posso saperlo se tu mi ami ancora?
Le tronbe della sera gemono lentamente.
Davanti alla tua foto, o cara Lou, t'adoro
e tu sembri sorridere al tuo lontano amante.

Non so nulla di te! Se sei morta o sei viva.
Cosa sei diventata? E sono ancora vere
le promesse d'amore che hai fatto al cannoniere?
Come vorrei morire su quell'ignota riva!

Come vorrei morire nel fulgore d'oriente,
quando a Costantinopoli entrerò da crociato.
Il tuo ritratto in mano morire sorridendo
davanti al dolce mare verde azzurro smaltato!...

O Lou, mia immensa pena, Lou mio cuore spezzato,
come il suono di un corno la tua voce risuona,
io rivedo lontano, stupefatto e lontano,
quel tuo tenero sguardo col quale m'hai stregato

GUILLAUME APOLLINAIRE

Io penso a te, mia Lou, mentre sono di guardia
Vedo lassù il tuo sguardo negli occhi delle stelle
E nel cielo è il tuo corpo, consolante illusione
Nata dal desiderio che attizzano le raffiche
Attorno a me soldato perso nei suoi pensieri.

Amore tu non sai che cosa sia l'assenza
E forse non puoi credere che sembra di morire.
Ogni ora all'infinito cresce la sofferenza.
Quando il giorno finisce si comincia a soffrire
E quando torna notte la pena ricomincia.

Amore, io spero ormai soltanto nei ricordi
Nelo loro specchio tornano giovinezza e bellezza.
Invecchierai amore, invecchierai un giorno.
E' lontano il ricordo come un corno da caccia.
O lenta, lenta notte, o mio fucile peso.

GUILLAUME APOLLINAIRE - Ricognizione

 

Al limite dell'orizzonte impallidisce

Una sola crepuscolare betulla

Dove fugge la misura angolare

Dal cuore all'anima alla ragione.

L'azzurro galoppo dei ricordi lontani

Traversa i lillà degli occhi

E i cannoni dell'indolenza

I miei sogni sparano verso I cieli

GUILLAUME APOLLINAIRE

Fra le tue braccia l'amore è morto
Non ti dimenticare del suo incontro
Tu lo ritroverai anche se è morto
Egli ritorna per venirti incontro.

Un'altra primavera è già passata
Io mi ricordo come è stata tenera,
O mia stagione, addio, sei tramontata,
Tu non ritornerai mai così tenera.

GUILLAUME APOLLINAIRE

 

Dei tuoi occhi


Dei tuoi occhi nel lago profondo
Il mio povero cuore s'annega,
E lo sciolgono
In quell'acqua d'amore e di follia
Il tuo ricordo e la malinconia.

GUILLAUME APOLLINAIRE - Il canto d'amore

 

Ecco di che cosa è fatto il canto sinfonico dell’amore

C’è il canto dell’amore di un tempo

Il rumore dei baci sperduti degli amanti illustri

I gridi d’amore delle mortali violate dagli dèi

Le virilità degli eroi favolosi erette come pezzi contraerei

L’urlo prezioso di Giasone

Il canto mortale del cigno

E l’inno vittorioso che i primi raggi del sole hanno fatto

cantare a Memnone l’immobile

C’è il grido delle Sabine al momento del ratto

Ci sono anche i gridi d’amore dei felini nelle giungle

Il rumore sordo delle linfe montanti nelle piante tropicali

Il tuono delle artiglierie che compiono il terribile amore dei popoli

Le onde del mare dove nasce la vita e la bellezza

C’è là il canto di tutto l’amore del mondo.

GUILLAUME APOLLINAIRE - Gli amici alla fine l'han confessato mi disprezzano

Gli amici alla fine l'han confessato mi disprezzano
A grandi sorsate trangugiavo le stelle
Mentre dormivo un angelo ha portato lo sterminio
Tra agnelli e pastori nei malinconici ovili
Falsi centurioni andavano via con l'aceto
E i mendicanti ballavano flagellati dal ricino
Stelle del risveglio non ne conosco neanche una
I becchi del gas vomitavano le loro fiamme al chiar di luna
Becchini suonavano a morto con i boccali della birra
A lume di candela confusamente s adagiavano
Colli di camicia su un mare di gonne impolverate
Puerpere mascherate festeggiavano la loro purificazione

La città quella notte sembrava un arcipelago
Donne andavano in cerca d'amore e di dulìa
E buio buio fiume io non dimentico
Nelle ombre che passavano non c'era mai bellezza.

STEPHANE MALLARME' - SOSPIRO (Soupir)

 

La mia anima sale, o placida sorella,
Al cielo errante della tua angelica pupilla
E alla tua fronte, dove, giuncato di rossore,
Sogna un autunno, come nell'antico pallore
D'un parco un getto d'acqua sospira su all'Azzurro!
- Verso il tenero Azzurro d'Ottobre mite e puro
Che guarda in grandi vasche la sua malinconia
E lascia, su acque morte, dove, fulva agonia
Le foglie errano al vento tracciando un freddo viaggio,
Il sole trascinarsi giallo col lungo raggio.

 

Mon âme vers ton front où rêve, ô calme soeur,
Un automne jonché de taches de rousseur,
Et vers le ciel errant de ton oeil angélique
Monte, comme dans un jardin mélancolique,
Fidèle, un blanc jet d'eau soupire vers l'Azur!
- Vers l'Azur attendri d'Octobre pâle et pur
Qui mire aux grands bassins sa langueur infinie
Et laisse, sur l'eau morte où la fauve agonie
Des feuilles erre au vent et creuse un froid sillon,
Se traîner le soleil jaune d'un long rayon.

PETALI PROFUMATI - I vostri haiku

 

Se siete iscritti a Facebook e volete cimentarvi con la scrittura degli haiku, oppure siete esperti e volete contribuire con i vostri componimenti, vi invito a iscrivervi al mio gruppo PETALI PROFUMATI - I nostri haiku.  Il link per gli iscritti a facebook è il seguente:

 https://www.facebook.com/groups/petaliprofumati/

 

Se chiedete l'iscrizione, daremo una veloce occhiata  al vostro diario di Facebook (per evitare di iscrivere buontemponi e perditempo). Sono graditi coloro che amano l'arte, la bellezza, la gioia e coloro che vogliono leggere o scrivere haiku. Il gruppo propone diverse attività: organizziamo giochi e gare di haiku (in premio diamo pergamene virtuali).