VOCABOLI DELLA MITOLOGIA GRECA E ROMANA

Bocklin - I Campi Elisi
Bocklin - I Campi Elisi

Amadriadi: ninfe degli alberi.

Caos: originario stato di disordine della materia del periodo antecedente alla formazione del mondo.

Ciclopi: esseri mostruosi caratterizzati dal avere un occhio solo in mezzo alla fronte

Cielo: Urano, figlio di Gea (terra, Gaia per i romani)

Crono: Saturno per i latini, prese il posto del padre Urano al governo del mondo, però poi il titolo verrà rubato dal figlio Zeus

Danaidi: erano le cinquanta figlie del re Danao. Esse sposarono i cinquanta nipoti di Argo. per le loro nozze Danao organizzò una grande festa, poi consegnò a ogni figlia una spada per uccidere il proprio marito. Tutte obbedirono, tranne Ipermestra, che risparmiò il marito Linceo. Successivamente sposarono altri giiovani, con i quali fondarono la stirpe dei Danai. Furono uccise, insieme al loro padre, da Linceo, il quale vendicò i suoi fratelli. Agli Inferi ircevettero un castigo, consistente nel cercare di riempire eternamente un vaso bucato.

Driadi:

Elicona: monte della Beozia, sede di Apollo e delle Muse.

Eros: amore, forza creatrice e unificante

Erebo: nome delle tenebre, figlio del Caos e fratello della Notte

Etere: cielo superiore

Fato: Era la parola degli dei, la volontà divina, il destino irrevocabile

Furie: Sono le divinità sotterranee che personificavano la maledizione e la vendetta punitiva, nate dal sangue di Urano quando fu mutilato dal figlio di Crono. Erano tre: Aletto, Tisifone e Megera ed erano implacabili; non davano tregua al colpevole di delitti di sangue fino a quando non si fosse purificato.

Lari: divinità romane, incaricate di vegliare sui crocicchi e sui recinti domestici.

Menadi: Baccanti divine, al seguito di Dioniso.

Moire: tre sorelle, personificazioni del destino di ciascuno, dette anche Parche.

  • Cloto filava lo stame della vita
  • Lachesi distribuiva a ciascuno ciò che gli toccava in sorte
  • Atropo tagliava lo stame, cioè metteva fine alla vita.

Muse: figlie di mnemosine e di Zeus, sono nove sorelle, figlie di nove notti d'amore; proteggono tutte le arti e le forme di pensiero.

  • Calliope era la musa della poesia epica;
  • Clio della storia;
  • Polimnia presiedeva alla pantomima;
  • Euterpe alla musica e al flauto;
  • Tersicore la danza;
  • Erato la poesia amorosa;
  • Melpomene proteggeva la tragedia;
  • Talia era la musa della commedia;
  • Urania, infine, era la musa dell'astronomia.

Naiadi: ninfe dell'elemento liquido, ninfe dei fiumi e delle fonti.

Nereidi: sono le ninfe del mare calmo.

Ninfe: figlie di Zeus, spiriti della natura di cui rappresentano la grazia.

Notte: creatrice, secondo la mitologia greca, del sonno, dei sogni, della discordia, e della vecchiaia.

Oceano - L'enorme distesa d'acqua, la vastità sconfinata che circonda le terre emerse deriva dal latino Oceanum e dal greco Okeanòs, nell'antica mitologia era un Titano, figlio di Urano, il cielo stellato, e di Gea, la Madre Terra. Da Teti, sua moglie, Oceano ebbe tremila figli e tremila figlie, le Oceanine. Il Sole, la Luna e le stelle nacquero dalle sue onde.

Olimpo: luogo di soggiorno degli Dei.

Parnaso: monte greco consacrato al culto di Apollo e delle Muse.

Sirene: inizialmente erano chiamate sirene i demoni marini, metà donne e metà uccelli. Nell'iconografia successiva furono raffigurate come mostri aventi per metà superiore il corpo di una donna; nella metà inferiore il corpo di un pesce.

Tartaro: è la regione più profonda del mondo, posta al di sotto degli Inferi, l'abisso in cui furono precipitati i titani e il luogo di tormento per i dannati.

Terra: il nostro mondo considerato sia come astro che come l'ambiente che accoglie uomini, animali, vegetali, etc.

Titani: sono i sei figli di Urano e e di Gaia, che appartengono alla generazione divina primitiva: il più giovane dei Titani era Crono.

Tritoni: Abitanti del mare, i tritoni avevano la metà superiore del corpo simile a un uomo e la restante parte come quello dei pesci. 

PETALI PROFUMATI - I vostri haiku

 

Se siete iscritti a Facebook e volete cimentarvi con la scrittura degli haiku, oppure siete esperti e volete contribuire con i vostri componimenti, vi invito a iscrivervi al mio gruppo PETALI PROFUMATI - I nostri haiku.  Il link per gli iscritti a facebook è il seguente:

 https://www.facebook.com/groups/petaliprofumati/

 

Se chiedete l'iscrizione, daremo una veloce occhiata  al vostro diario di Facebook (per evitare di iscrivere buontemponi e perditempo). Sono graditi coloro che amano l'arte, la bellezza, la gioia e coloro che vogliono leggere o scrivere haiku. Il gruppo propone diverse attività: organizziamo giochi e gare di haiku (in premio diamo pergamene virtuali).