* * * * * * * Proverbi per tutti * * * * * * *

Abbondanza genera baldanza

 

A can che lecchi cenere non affidar farina

 

A causa della lingua si langue

 

Accade in un’ora quel che non avviene in mille anni

 

A chi dai il dito si prende il braccio

 

A chi Dio vuol bene manda delle pene

 

A chi ben crede, Dio provvede

 

*A chi è affamato ogni cibo è grato

  

*A ciascuno piace il suo

 

Acqua che corre non porta veleno

 

Acqua cheta rovina i ponti

 

Acqua passata non macina più

 

Acquista buona fama e mettiti a dormire 

     

Al buio tutti i gatti son grigi

 

Al cieco non val pittura,

colore, specchio o figura

 

Al ladro fa paura anche il sorcio

  

Al più potente cede il più prudente

    

Altri tempi, altri costumi

 

1)Ama chi t'ama e rispondi a chi ti chiama

 

2)Amor nuovo va e viene Amor vecchio si mantiene

 

3)Amato non sarai se a te solo penserai

1)Dal canto si conosce l'uccello

 

2)Dall'opera si conosce il maestro

 

3)Dalla casa si conosce il padrone

 

Amore e signoria non voglion compagnia

  

A nemico che fugge ponti d’oro

  

Approfitta degli errori altrui, piuttosto che criticarli

 

A quattrino a quattrino si fa il fiorino

 

Aria di finestra colpo di balestra

 

A rubar poco si va in galera,

a rubar tanto si fa carriera 

 

A sé l’aiuto nega chi ad altri lo nega

 

Asino di natura

chi non capisce la sua scrittura 

 

Assai sa chi tacer sa

Attività è madre di prosperità 

 

*Aver fame e non gradire, aver sonno e non dormire,

aver fretta e non venire, son tre cose da morire

  

Bacco, tabacco e Venere riducono l'uomo in cenere

 

Belli e brutti il cielo li copre tutti 

 

Beltà e follìa van spesso in compagnia

 

Beni di fortuna durano come la Luna 

 

Bisogna fare la veste secondo il panno

   

Bontà supera beltà

 

Buona volontà supplisce facoltà

 

Buon principio fa buon fine

 

Buon sangue non mente

 

Caldo di panno non fa mai danno

 

Cambiando i tempi, cambiano i consigli

 

Campa cavallo che l’erba cresce

 

Campana possente lontano si sente 

 

Cane affamato non teme bastone

 

Carta canta e villan dorme 

 

 Casa con due porte mal si guarda

 

Cattiva lingua taglia più della spada 

 

Chi aspettar puole ha ciò che vuole

 

Chi ben comincia è alla metà dell’opera

 

Chi dà e toglie, il diavolo lo raccoglie

 

Chi di gallina nasce convien che razzoli

 

Chi di speranza vive, disperato muore

 

Chi dice il suo segreto vende la sua libertà

 

Chi è in difetto è in sospetto 

 

Chi è sano è più del sultano

 

 

Chi guarda ad ogni nuvola non fa mai viaggio

 

Chi ha coraggio, ha vantaggio

 

Chi la fa l’aspetti

 

Chi lascia la via vecchia per la nuova,

sa quello che lascia ma non sa quello che trova

  

Chi non fa non sbaglia

 

Chi non ha coraggio, abbia gambe

 

Chi non ha darebbe e chi ne ha ne vorrebbe

 

Chi non ha, non è

 

Chi non sa fare non sa neanche comandare

 

Chi non sa tacere non sa parlare

 

Chi parla sempre di galateo, non lo ha mai letto

 

Chi primo arriva primo macina

 

Chi promette in debito si mette

 

Chi regala e toglie, il diavolo lo accoglie

 

Chi ride il venerdì piange la domenica

 

 Chi si loda s’imbroda

 

Chi sta seduto su due sedie cade per terra

 

Chi tardi arriva male alloggia

 

Chi teme è già sconfitto

 

Chi troppo vuole nulla stringe

 

Chi va con lo zoppo impara a zoppicare

 

Chi vive sperando muore cantando

 

Chi vuole, vada; chi non può, mandi

 

Chiacchiere e compagnia abbreviano la via

Chi presto crede, bene non crede 

 

 Ciò che non si può cambiare,

bisogna sopportare

 

 Confidenza toglie riverenza

 

Consiglio di vecchio e aiuto di giovane

 

 Cosa fatta, capo ha

 

Cuor contento non sente stento

 

Da Dio vengono le grazie e da noi le disgrazie. 

 

Del peccato dei signori

fanno penitenza i poveri

 

Denari e santità,

metà della metà 

  

Di'di no, e fa' di sì 

 

Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei

 

Dio non è uno e trino, ma quattrino

 

Di Venere e di Marte

non si sposa e non si parte 

 

Dio manda il freddo secondo i panni

 

Dio non paga il sabato

 

Donna barbuta è sempre piaciuta

 

Dopo il contento viene il tormento

 

Dopo il fatto il consiglio non vale

 

Dove entra il sole non entra il medico

 

Duro con duro non fa buon muro 

 

Fare e disfare è tutto un lavorare

  

È l’uccello più veloce che afferra il verme

 

E' meglio essere invidiati che compianti 

 

Esperienza è madre di scienza

 

Faccia tosta, poco costa 

 

Fatta la legge, trovato l’inganno

 

 Fuggi da cane che non abbaia

 

Gesticolante, molto ignorante 

 

Gioco di mani, gioco di villani

 

Gioia inaspettata, quando arriva è più grata

 

Giornata senza risata è giornata sciupata 

 

Gli avari e i falliti facilmente stanno uniti

 

Gli assenti han sempre torto

 

Gran pericolo, gran guadagno

 

Guardati dai segnati da Dio

I creditori hanno miglior memoria dei debitori 

 

Il bugiardo deve avere una bella memoria

 

Il cane pauroso abbaia più forte

 

Il cieco sa ascoltare,

il sordo ha una vista acuta 

 

Il diavolo li fa e poi li accoppia

 

 Il giovane cammina più svelto dell'anziano,

ma l'anziano conosce la strada

 

I libri sono maestri muti

 

Il male degli altri non guarisce il mio

 

Il male di uno è il bene dell'altro

 

Il meglio è nemico del bene

 

Il mondo è di chi se lo piglia

 

Il mondo è fatto a scale:

c'è chi scende e c'è chi sale

 

Il risparmio non è mai guadagno

 

Il savio non è mai solo

 

Il sole è di tutti

 

Il tempo è galantuomo

 

Il vino di casa non ubriaca

 

In casa loda, al mercato biasima

 

In casa sua ogni villano è re

 

Al morto non si dà torto

 

Del senno di poi sono piene le fosse

 

 Tutti nasciamo piangendo e nessuno muore ridendo

 

Morto un papa, se ne fa un altro

 

Chi muore giace e chi vive si dà pace

 

Chi muore esce d'affanni (Metastasio) 

 

Meglio un asino vivo che un dottore morto

 

 

In terra di ciechi l’orbo è re

 

I soldi vanno e vengono 

 

La barba non fa il filosofo

  

La burla è bella se è fatta a tempo

 

La carestia è il pane dell'usuraio

 

La fortuna è cieca

 

La lingua unge, il dente punge

 

La mattina al monte, la sera al fonte

 

La migliore vendetta è il perdono 

   

La rabbia smisurata si spegnerà in giornata 

 

Lascia fare, lascia dire, ma non farti compatire 

 

    La lingua batte dove il dente duole

 

La più gran ricchezza è la giovinezza 

  

     La ruggine mangia il ferro

 

La vera carità non dice quanto dà 

 

La veste di lana tiene la pelle sana

 

La strada dell’inferno è lastricata di buone intenzioni

   

La superbia va a cavallo e torna a piedi

 

La verità è senza varietà

 

La volpe nel vicinato non fa mai danno

 

Lavora come se avessi a campare ognora,

adora come avessi a morire allora


Lavorare è mezzo pregare

 

L'acqua bevuta di mattina è meglio di una medicina 

 

L’asino porta il vino e beve l’acqua

 

L'avaro e lo scroccone s'intendono benone

   

L’amore è come la tosse (non si può nascondere)

 

L’avaro accumula con sudore ciò che dovrà lasciare con dolore

 

L’eccezione conferma la regola

 

L’occhio è lo specchio dell’anima

 

L'ottimismo è tutta salute 

 

L'ultima di tutte paga per tutte 

 

L’uomo propone e Dio dispone.

 

Le azioni rivelano le passioni

 

Le botti che hanno un bel suono sono vuote

 

Le finestre del paese

han le orecchie sempre tese 

 

 Le parole non riempiono il sacco

 

Le persone prudenti misurano i commenti 

   

 Le teste di legno fan sempre chiasso

 

Le ore del mattino hanno l'oro in bocca

   

Lontano dagli occhi, lontano dal cuore

   

 Mal comune, mezzo gaudio

 

Mano fredda, cuor sincero

Mano callosa, mano gloriosa 

 

Medico vecchio e barbiere giovane

 

Meglio essere invidiati che compatiti

  

Molti fabbricano castelli in aria e non hanno una capanna in terra

  

Naso da pappagal, d'avarizia è segnal

 

Nel buio più fitto, chi teme sta zitto 

 

 Nella bocca chiusa non entrano mosche

 

Nemico diviso è mezzo vinto

 

Nessuna buona, buona nuova

 

Nessuna luce è senz'ombra

 

Nessuno è eroe per il suo cameriere

 

Ne uccide più la gola che la spada

 

Non c’è due senza tre

 

Non c'è migliore specchio di un amico vecchio

 

Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire

 

Non chiedere all’oste se ha buon vino

 

Non dir quattro se non l'hai nel sacco

 

Non è savio chi non sa essere pazzo

 

 

 

Non metter bocca

dove non ti tocca

 

Non vi è maestro così dotto,

che non sia stato prima scolaro

  

Oggi a me, domani a te

 

Ogni bel gioco dura poco

 

1)  È bene comprare quando altri vuol vendere

 

2) Non lasciare il poco per l'assai, ché forse l'uno e l'altro perderai 

 

3) Parla poco, ascolta assai e giammai non sbaglierai

 

4) Solo gli animi forti riconoscon tutti i torti 

 

5) A chi nulla tenta, nulla riesce

 

 

1) Altezza è mezza bellezza

 

2)Chi fa le fosse in gote si marita senza dote

 

3)Anche il sole ha le sue macchie

 

4) A veste logorata poca fede vien prestata

 

5)Nessuna luce è senz'ombra

 

Altri proverbi sull'apparenza e sulla bellezza:

 

 

Occhio non vede, cuore non duole

 

La bellezza è potente, il denaro onnipotente

 

*Dove c'è gusto non c'è perdenza 

 

 

 

Moglie grassa, marito allegro; moglie magra, marito addolorato

 

Moglie e buoi dei paesi tuoi

 

Mogli e mariti, carezze e liti

 

Molti parenti, molti tormenti

 

Nel marito la prudenza, nella moglie la pazienza

 

Ogni scarrafone è bello a mamma sua

Ogni scarafaggio sembra bello a sua madre

(proverbio napoletano)

 

Pace e gioia in famiglia: chi le dà, le ripiglia

 

Quando il padre fa carnevale, i figli fanno quaresima

 

Se il padre e la madre si litigano un uovo,

il bambino non avrà mai una gallina. (Guinea)

 

Solo la mamma capisce il figlio muto

 

Tale il padre, tale il figlio

 

Tra moglie e marito non mettere il dito

 

Tre figlie e una madre, quattro diavoli per un padre

 

Una figlia, una meraviglia

 

Un amico gentile è meglio di un fratello scortese

 

Un padre campa cento figli;

cento figli non campano un padre

 

Val più un amico che cento parenti

 

 

 

Ogni simile ama il suo simile

 

Ogni soverchio rompe il coperchio 

 

Ospite raro, ospite caro

 

Parla poco, ascolta assai

e giammai non sbaglierai

 

Parole care valgono più se sono rare 

 

Passati gli ottanta, di rado si canta

 

Per il peccatore il giusto paga

 

Più la causa pende, più rende 

 

Poca scienza e molta coscienza 

 

Portano le liti danni infiniti

 

Roba impegnata è quasi venduta

 

Roba poca sempre avanza 

 

Quale la padrona tale la serva

 

Qual è il cappellano, tale è il sacrestano

 

Quando il diavolo t’accarezza, vuole l’anima

 

Quando si chiude una porta, si apre un portone

 

Quattrino risparmiato è tutto guadagnato 

 

Raglio d’asino non arriva al cielo

 

Rimorsi e segreti tengono inquieti 

 

Roma non fu fatta in un giorno

 

Rosso, mal pelo

 

Sacco vuoto non sta in piedi

 

Sbaglia anche il prete a dir messa

 

Sbagliando s'impara 

 

Scarpe grosse, cervello fino

 

Scherza coi fanti e lascia stare i santi

 

Se vuoi udir novelle, dal barbier si dicon belle 

   

Sia l'astrologo che l'indovina

ti portano alla rovina

 

Si dice il peccato, ma non il peccatore

Si può dire quello che non si sa,

non si può dare quello che non si ha

 

Si può ben dire, si può ben fare,

ma poi per vivere convien mangiare

 

Si raccoglie quello che si semina

  

Sono le botti vuote quelle che cantano

 

Sono lunghe le ore di un vecchio rancore 

 

Tal padrone, tal servitore 

 

Tentar non nuoce

 

Tradimento piace assai;

traditor non piacque mai

  

Tutti i salmi finiscono in gloria.

 

Tutto il mondo è paese

 

Una mano lava l'altra

e tutt'e due lavano il viso 

 

Una mano sola non può applaudire

 

Una volta non fa usanza

 

Una scarpa non è buona per ogni piede 

 

Un cane non inciampa due volte contro la stessa pietra. (Congo)

   

Un oggi per le mani vale più di due domani

 

Una buona coscienza è un buon guanciale

 

Un malanno viene sempre a cavallo di un altro

 

Usanza della culla mai più s'annulla

   

Un'ora di contento sconta cent'anni di tormento 

 

Un male ne tira un altro

 

Uno e nessuno è tutt’uno

 

Uomo avvisato, mezzo salvato

 

Voglio piuttosto un asino che mi porti

che un cavallo che mi getti in terra

 

PETALI PROFUMATI - I vostri haiku

 

Se siete iscritti a Facebook e volete cimentarvi con la scrittura degli haiku, oppure siete esperti e volete contribuire con i vostri componimenti, vi invito a iscrivervi al mio gruppo PETALI PROFUMATI - I nostri haiku.  Il link per gli iscritti a facebook è il seguente:

 https://www.facebook.com/groups/petaliprofumati/

 

Se chiedete l'iscrizione, daremo una veloce occhiata  al vostro diario di Facebook (per evitare di iscrivere buontemponi e perditempo). Sono graditi coloro che amano l'arte, la bellezza, la gioia e coloro che vogliono leggere o scrivere haiku. Il gruppo propone diverse attività: organizziamo giochi e gare di haiku (in premio diamo pergamene virtuali).