* * * * * * * * * Film western * * * * * * * * *

SOLDATO BLU (1970)

 

REGIA: Ralph Nelson.

INTERPRETI: Candice Bergen, Peter Strauss, Donald Pleasence, John Anderson, Jorge Rivero.

DURATA: 112 minuti.

 

Il film è tratto dal romanzo "Arrow in the Sun" di Theodore V. Olsen.

Durante un micidiale attacco dei pellerossa, un soldato federale, scampato miracolosamente alla carneficina, ha visto morire i suoi compagni e piange la loro morte, prega per le loro anime. Avendo visto coi suoi occhi la ferocia con cui gli indiani combattono, li giudica violenti, aggressivi, crudeli, bestiali perfino perché, non contenti di aver ucciso i nemici, li scalpano, violentano le loro donne e uccidono i bambini.

Sul campo di battaglia incontra una ragazza che ha vissuto con i Cheyenne e che conosce molto bene la vita degli indiani, ed i valori in cui essi hanno sempre creduto. La ragazza gli svela che sono solo i bianchi a compiere violenze gratuite: proprio loro hanno insegnato ai pellerossa a realizzare gli scalp. I bianchi, i visi pallidi, sono venuti meno a solenni promesse, compiendo azioni di rappresaglia e battaglie allo scopo di appropriarsi di territori che sono sempre appartenuti ai pellerossa.

Le sue parole si scontrano con l'incredulità del giovane, che rimane alquanto sgomento anche per il modo di esprimersi schietto, esplicito, persino volgare, della giovane.

Costretti a convivere di necessità per qualche tempo, si adattano a fatica al territorio arido e alla mancanza di risorse mangiando erbe, radici e anche serpenti. La ragazza conosce molto bene il territorio che devono attraversare ed ha tanta esperienza in merito; ella considera il giovane federale (il "soldato blu") incapace di valutare adeguatamente gli eventi, essendo influenzato dalla propaganda statunitense contro gli indiani e del tutto disinformato sulle tradizioni cheyenne.

Dopo una serie di vicende che li portano dallo scontro all'incontro e all'amore, entrambi assistono al massacro di Sand Creek del 1864, nel quale morirono 500 indiani, fra cui donne e bambini. Non si trattò di una semplice battaglia tra guerrieri: davanti agli occhi dei due si verificano stupri, mutilazioni, evirazioni, violenze inumane ai danni di una popolazione pacifica ed inerme.

"Soldato blu" fu il primo western interamente girato "dalla parte degli indiani", il primo a imporsi di raccontare la storia senza travisamenti, smascherando le false ideologie della cinematografia precedente, dove gli indiani sono sempre i cattivi.

UOMINI E COBRA (1970)

 

REGIA: Joseph L. Mankiewicz.

INTERPRETI: Henry Fonda, Warren Oates, Kirk Douglas, Hume Cronyn.

Burgess Meredith.

DURATA: 125 minuti.

 

E' un western atipico, che affronta in modo originale il problema del rapporto tra bene e male ed è permeato da una concezione pessimistica della natura umana. Il cast è eccezionale, tra cui spiccano i due bravissimi protagonisti Fonda e Douglas.

Paris Pitman è un bandito che, dopo una rapina, uccide i suoi complici e nasconde la refurtiva, ripromettendosi di riprenderla al più presto. Si reca in una casa di piacere; mentre è abbracciato a due prostitute, viene riconosciuto proprio dall'uomo che egli ha derubato;  viene arrestato dall'elegante ed integerrimo sceriffo Lopeman e non può recuperare il bottino. 

Viene dunque condotto in carcere e condannato a spaccare pietre, come gli altri detenuti. Qui cerca di corrompere il direttore, promettendogli una parte del bottino; sobilla una rivolta, coinvolgendo gli altri detenuti. Il direttore viene ucciso. Al suo posto arriva proprio il vecchio sceriffo Lopeman, rimasto zoppo dopo l'inseguimento di un ricercato e ora promosso nuovo direttore del penitenziario.

A differenza del predecessore, Lopeman è umano, giusto ed equo verso i detenuti; un po' alla volta conquista la stima dei carcerati e decide di organizzare un programma per la loro rieducazione; fa costruire un'infermeria per i detenuti e un nuovo refettorio.

Pitman finge di collaborare al programma di riabilitazione; svolge diversi incarichi e conquista la sua fiducia ma, in realtà, sta organizzando una fuga con altri detenuti, promettendo loro una parte del bottino.

Per festeggiare il programma, Lopeman predispone una cerimonia nel penitenziario ed invita numerose autorità. Nel bel mezzo dei festeggiamenti Pitman e gli altri, cogliendo di sorpresa tutti, organizzano un massacro ed evadono.

Appena sono al sicuro, Pitman uccide tutti i complici e va a recuperare il bottino, ma .....

Il finale a sorpresa, pienamente coerente con lo stile di Mankiewicz, lascia l'amaro in bocca. 

BALLA COI LUPI (1990)

 

REGIA: Kevin Costner.

INTERPRETI: Kevin Costner, Mary McDonnell, Graham Greene, Rodney A. Grant, Floyd Red Crow Westerman.

DURATA: 180 minuti.

 

Il film è stato tratto dal romanzo di Michael Blake.

La storia è ambientata durante la guerra di Secessione. Un ufficiale dell'Esercito dell'Unione, il Tenente John Dunbar, dopo un tentativo di suicidio scambiato per atto d'eroismo, chiede di essere inviato in un presidio lontano, nel Texas. Viene asssegnato ad un avamposto remoto, Fort Sedgewick, che è guidato dal Maggiore Fambrouogh. Trascorre il primo mese in attività di ripristino dell'avamposto, in compagnia del cavallo Cisko, del lupo  Due Calzini e del suo diario. In quel periodo frequenta la  tribù nomade dei Sioux. Impara ad apprezzare i loro valori, le loro tradizioni e usanze, il loro modo di vivere, a imparare la loro lingua, a condividere i loro problemi e sentimenti, a integrarsi nella loro cultura. Sposa una giovane donna bianca che la tribù ha adottato fin da quando era bambina.

Dopo un drammatico scontro con l'esercito del nord, decide di rinunciare per sempre alla sua identità di soldato e di uomo bianco: diventa uno di loro, col nome Balla Coi Lupi. Ricercato e inseguito come traditore dai bianchi, sarà costretto ad abbandonare quello che è diventato il suo popolo, per evitare che subiscano rappresaglie.

SFIDA INFERNALE (1946)

 

REGIA: John Ford.

INTERPRETI: Henry Fonda, Linda Darnell, Victor Mature, Cathy Downs, Walter Brennan.

 

Questo classico film western verte su una sfida combattuta all'OK Corral di Tombstone nel 1881 tra due coalizioni: lo sceriffo Earp, i suoi fratelli e il giocatore-beone Doc Holliday contro il clan dei fratelli Clanton dall'altra. Tra lo sceriffo e la maestrina del paese, Clementine, nasce una storia d'amore. Memorabile la canzone Oh my darling Clementine, che costituisce la colonna sonora del film.

JOHNNY GUITAR (1954)

 

REGIA: Nicholas Ray.

INTERPRETI: Sterling Hayden, Joan Crawford

DURATA: 110 minuti.

Il pistolero Johnny, dopo aver condotto una vita errabonda, torna dalla sua donna, Vienna, un'abile affarista che gestisce un saloon, aiutandola ad affrontare seri problemi che mettono in pericolo la sua vita stessa. Alla fine i due abbandonano insieme il paese.

Bellissimo il tema musicale.

DUELLO AL SOLE (1848)

 

REGIA: King Vidor.

INTERPRETI: Gregory Peck, Joseph Cotten, Jennifer Jones, Lionel Barrymore, Lillian Gish.

DURATA 138 minuti.

 

Dramma d'amore e di morte nel Texas, alla fine dell'Ottocento. Un condannato a morte chiede alla figlia Pearl (una meticcia) di giurargli di mantenersi illibata e onesta. La ragazza inizia a lavorare nel ranch di un ricco senatore; i due figli sono attratti dalla sua bellezza e dal colore bronzato della sua pelle.  Il senatore ama teneramente il figlio primogenito, molto coraggioso, mentre è insofferente nei confronti di quello più conformista. Sullo sfondo di una natura selvaggia e infuocata si snoda la tragica storia d'amore tra Pearl, meticcia dalla carnalità tormentata, e l'impetuoso Lew, che tenta numerosi approcci con la ragazza, ma viene sempre respinto. Tra i due fratelli si verifica uno scontro e il primogenito, benché ferito, si salverà. Sarà allora la ragazza, decisa a vendicarsi di lui, a  iniziare una lotta, nel corso della quale moriranno entrambi.

 

L'AMANTE INDIANA (1950)

 

REGIA: Delmer Daves.

INTERPRETI: Jeff Chandler, James Stewart, Debra Paget, Basil Ruysdael, Will Geer.

DURATA: 93 minuti.

 

Nel 1870 Tom Jefford, scout dell'esercito degli Stati Uniti, salva un giovane indiano, diventandone fratello di sangue ed inizia ad instaurare un rapporto di pace e rispetto con i pellerossa.

Gli altri bianchi non gradiscono questa situazione e lo accusano di averli traditi: dopo un massacro Tom rischia addirittura il linciaggio. Il generale Howard, per ordine di Washington, deve cercare la pace con gli indiani di Cochise e convince Tom ad accompagnarlo all'accampamento. Qui Jefford sposa un'indiana, Stella del Mattino. Tra i bianchi  vi sono coloro che hanno interesse a far continuare la guerra; saranno i più deboli a farne le spese.

Il film ebbe gran successo e fu considerato il capostipite del nuovo filone di storie pro-indiani del western classico.

LE PISTOLERE (1971)

 

REGIA: Christian-Jaque.

INTERPRETI: Brigitte Bardot, Claudia Cardinale, Micheline Presle, Michael J. Pollard, Riccardo Salvino.

DURATA: 95 minuti.

 

Nel Nuovo Messico cinque sorelle, figlie di un fuorilegge, formano una banda sulle orme paterne e si alleano con Maria, la maggiore di una famiglia di quattro fratelli, per combattere insieme un nemico comune.

GIU' LA TESTA (1972)

  

REGIA: Sergio Leone

INTERPRETI: Rod Steiger, James Coburn, Romolo Valli, Maria Monti.

 

Durante la rivoluzione messicana, nel 1916, il peon Juan Miranda e i suoi cinque figli, che sono dei bamditi, dopo aver assaltato una diligenza, incontrano John Mallory, che è un esperto dinamitardo e rivoluzionario dell'IRA. Juan e i suoi figli incontrano il dottor Villega, capo di una piccola banda di rivoluzionari di Mesa Verde. Arrivato al paese Juan ritrova John. Insieme si recano al covo dei rivoluzionari, i quali devono compiere diversi attacchi allo scopo di favorire l'attacco dei due grandi rivoluzionari, Pancho Villa ed Emiliano Zapata. Dopo aver attaccato la banca, assieme agli altri rivoluzionari organizzano l'attacco a un ponte, che deve saltare per non consentire il passaggio delle truppe del dittatore Huerta. Ma i rivoluzionari vengono uccisi in un'imboscata, compresi i figli di Juan. Sono stati traditi dal dottor Villega, che era stato catturato e sotto tortura è stato costretto a svelare i loro piani. John e Juan, che si sono impossessati del treno, decidono di farlo scontrare con il treno che conduce mille soldati. Nello scontro finale con i soldati superstiti, John viene ucciso. Juan Miranda decide allora di aderire alla causa rivoluzionaria.

C'ERA UNA VOLTA IL WEST (1968)

 

REGIA: Sergio Leone.

INTERPRETI: Charles Bronson, Henry Fonda, Claudia Cardinale, Jason Robards, Gabriele Ferzetti, Paolo Stoppa, Fabio Testi.

DURATA; 167 minuti. 

 

Cinque personaggi si scontrano intorno a una sorgente sotterranea: Morton, un industriale ammalato di tubercolosi, il quale ha bisogno dell'acqua per le sue locomotive a vapore e ha fatto uccidere i proprietari legittimi, i McBain; Frank, sicario di Morton; l'ex prostituta Jill, vedova di uno dei fratelli McBain; il bandito Cheyenne, che è evaso dal carcere; un misterioso straniero chiamato Armonica, che vuole vendicare il fratello, assassinato da Frank. Armonica odia Frank, fin da quando era bambino: il crudele Frank, dopo aver infilato nel cappio la testa di suo fratello, lo costrinse a sorreggerlo sulle spalle mettendogli un'armonica in bocca: finché avesse suonato l'armonica, suo fratello sarebbe rimasto in vita. Il bambino suonò a lungo; poi, stremato, cadde a terra; il fratello rimase appeso al cappio e morì impiccato.

Morton viene ucciso da Cheyenne, ma riesce a sparargli prima di morire. Armonica mostra a Frank la sua piccola armonica e poi lo uccide. Jill, che ormai è una ricca vedova, parte per la sua nuova vita.

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Arlecchino solo.

Arlecchino ripulisce un abito su un tavolino e riflette ad alta voce.

ARL. Dice il proverbio: o servi come servo, o fuggi come cervo: non voglio che il mio padrone si debba lamentare di me. Gli piace la pulizia ed è così buono che merita di essere servito di cuore. Un  uomo che s’innamora ha delle ore buone e altre cattive. (prende il cappello per spazzarlo) Io so che brutta bestia è l'amore. Da due mesi vivo in questa casa e il mio padrone fa un po’ l’amore con la padroncina di casa; e io non ho coraggio di dirlo alla cameriera. (rimette il cappello a suo luogo, poi ritorna pensoso) Come posso sapere se mi vuole bene oppure no? Se non glielo domando, non me lo dirà mai. Ma non ho coraggio di attaccare discorso. Se lei mi desse qualche motivo... Se mi guardasse un po’, ma non mi ha mai dato un’occhiata come dico io. Non ho nessuna certezza ma non ho neanche ragione di disperarmi. Se sapessi scrivere, scriverei una lettera. Ma per mia disgrazia, i miei genitori erano analfabeti e non hanno voluto un figlio più virtuoso di loro. È vergognoso che io non sappia scrivere. Imparare è tardi. Potrei farmi scrivere una lettera da qualcuno, ma non voglio confidarmi con chiunque. Sarebbe più facile farmi coraggio e dirle i miei sentimenti. Ma sono troppo modesto e non mi decido.

SCENA SECONDA

Roberto agitato, ed il suddetto.

ROB. Arlecchino. Il pittore è venuto? (agitato)

ARL. No, signore, non l’ho visto.

ROB. Torna da lui: deve consegnarmi il ritratto prima di mezzogiorno, altrimenti non mi serve più.

ARL. Il ritratto è finito. Deve riporlo in una cornice.

ROB. Egli mi ha promesso di mandarmelo prima di sera; ma io ne ho bisogno prima di mezzogiorno.

ARL. Caro padrone, perché tanta premura?

ROB. Questa sera devo partire... il baule deve essere in ordine per questa sera.

ARL. (Oh povero me!) Dove andrete, padrone?

ROB. Per Roma. (agitato)

ARL. Ma perché così d’improvviso?

ROB. Mio zio è moribondo. Egli mi ha allevato come un padre e il mio futuro dipende dal suo testamento. Ho ricevuto stamattina una lettera che mi comunica che la malattia è acuta e che i medici non gli danno sei o sette giorni di vita. Va’ subito dal pittore.

ARL. Se dovete uscire di casa volete che vi vesta?

ROB. Sì, vestitemi e poi andate.

ARL. (Lo aiuta a vestirsi) Qui sanno che andate via?

ROB. Non ho ancora veduto nessuno; è presto.

ARL. Cosa dirà la signora Dorotea?

ROB. Son certo che se ne dispiacerà, ed io ne sono mortificato; ma è meglio ch'io me ne vada.

ARL. Ma perché meglio? Se vostra signoria le vuole bene, perché non fa la domanda a suo padre?

ROB. Non posso. Mio zio si offenderebbe se non lo chiedessi a lui; ed il signor Anselmo non me l'accorderebbe senza il consenso di mio zio.

ARL. Mi dispiace lasciare Bologna!

ROB. E perché? Hai forse qualche amoretto?

ARL. Oh! Io un amoretto? (si vergogna)

ROB. Oh! Va’ a vedere questo ritratto.

ARL. Hanno bussato alla porta dell'anticamera. (va alla porta) Ecco qua il servitore del pittore.

SCENA TERZA

Giacinto ed i suddetti.

GIAC. Servitore umilissimo.

ROB. Avete portato il ritratto?

GIAC. Eccolo qui, signore; è un capolavoro. Osservi quale delicatezza di colorito, gli abiti e la mano!

ROB. La pittura è bellissima; ma non vedo sufficiente somiglianza. Che ne dici, Arlecchino?

ARL. Oltre alla somiglianza il quadro ha valore.

GIAC. La somiglianza è un talento che non si acquista con l'arte. Io ho un talento per i ritratti.

ROB. Devo darlo subito alla signora Dorotea.  (Arlecchino, dai la mancia a quel giovane). (parte)

SCENA QUARTA

Arlecchino e Giacinto

ARL. Il mio padrone mi ha ordinato di darvi qualcosa per il vostro incomodo...

GIAC. Oh! signore... (cerimonioso)

ARL. Ecco, amigo. (gli dà il danaro)

GIAC. Non rifiuto le gentilezze (prende il danaro)

ARL. Eseguo gli ordini del mio padrone. Sono pover’uomo, ma galantuomo.

GIAC. (Gli mostra un ritratto) Conoscete questo ritratto?

ARL. Ma è la mia figura! (con ammirazione)

GIAC. L’ho fatto io, vostro umilissimo servitore.

ARL. Voi? (guardandolo bene)

GIAC. Ho del talento per la pittura; e un giorno farò la mia figura nel mondo.

ARL. Vi apprezzo molto. Il ritratto mi somiglia. Ma come m'avete dipinto, senza che lo sapessi?

GIAC. Mentre il mio padrone dipingeva, io lavoravo guardandovi segretamente.

ARL. Siete molto abile. (gli vuol render il ritratto)

GIAC. Signore... Il ritratto è suo. Io l'ho fatto per vossignoria. La prego di riceverlo e di gradirlo.

ARL. Rifiutare un dono è segno di inciviltà. Non lo merito, ma vi ringrazio. (lo chiude)

GIAC. Credo di aver impiegato bene il mio tempo per una persona come vossignoria.

ARL. A Roma parlerò molto bene di voi.

GIAC. Ho impiegato tre o quattro giorni di lavoro. Pensi solo alla spesa dei pennelli, dei colori, dell'avorio, dell'astuccio, della legatura.

ARL. Oh! Quanto varrà tutta questa grande spesa?

GIAC. Mi rimetto alla sua cortesia.

ARL. Un povero servitor non ha molto denaro. Per le spese, ecco un testone (lo prende dalla tasca)

GIAC. Perdoni. (lo rifiuta). Il suo padrone ha pagato dodici zecchini. Per il suo mi dia tre zecchini.

ARL. Riprendetevi il ritratto. Non voglio spendere tre zecchini. Non ve l’ho chiesto e non lo pagherò.

SCENA QUINTA

Roberto e detti

ROB. Cos'è questo strepito? (ad Arlecchino)

ARL. Costui mi ha fatto il ritratto senza chiedermelo e pretende che io lo paghi.

GIAC. È un ritratto rubato. Questa è la mia abilità.

ROB. Lascia vedere. Ti somiglia. (ad Arlecchino)  

GIAC. Somiglia. Ecco la mia abilità.

ROB. Arlecchino, il ritratto somiglia, prendilo Signor pittore, quanto vuole per questo ritratto?

GIAC. Colori, avorio e acquavite, solo tre zecchini.

ROB. Dategli due zecchini per conto mio.

ARL. Glieli darò. (va a prendere il danaro)

ROB. Perché fare un ritratto senza che vi sia ordinato? (a Giacinto)

GIAC. Faccio sempre così. Se aspettassi che me li ordinassero, non ne farei mai.

ARL. Ecco qua i due zecchini. (a Giac.)

GIAC. Grazie infinite (chi non s'aiuta, si affoga). (parte)

SCENA SESTA

Roberto ed Arlecchino

ARL. Cosa vuole fare di questo ritratto? (a Roberto)

ROB. Tieni, Arlecchino. Ti somiglia moltissimo.

ARL. Grazie infinite (lo mette sul tavolino)

ROB. Non ho potuto vedere la signora Dorotea; dì alla cameriera che venga qua.

ARL. Vuole parlare a Camilla? (con passione)

ROB. Sì, voglio pregarla di dare lei il ritratto alla sua padrona. Dille che questa sera si deve partire.

ARL. (sospirando) E devo dirlo a Camilla?

ROB. Forse ella ha un’inclinazione per te?

ARL. Non lo so.

ROB. Povero pazzo!

ARL. (parte)

SCENA SETTIMA

Roberto, poi Camilla

ROB. Povero giovane! Lo compatisco. Non avrà avuto coraggio. È timido ma è proprio un buon figliuolo.

CAM. (Povera me! Se Arlecchino va via, mi porta via il cuore).  Che cosa mi comanda, signore?

ROB. Voi sapete che ho promesso un ritratto alla signora Dorotea e siccome devo partire stasera...

CAM. (Ah non vedrò più il mio caro Arlecchino!)

ROB. Che avete, Camilla? Vi dispiace la mia partenza per me o per Arlecchino?

CAM. Arlecchino... ha il suo merito... Ma lui non mi pensa e io non penso a lui.

ROB. Su, date il mio ritratto alla signora Dorotea.

CAM. Sì.  (lo mette in un taschino del grembiule)

ROB. Il signor Anselmo è in casa?

CAM. L'ho veduto che stava per partire.

ROB. Andrò ad avvertirlo della mia partenza. (parte)

SCENA OTTAVA

Camilla sola.

CAM. Mi porta via il mio caro Arlecchino! Ma lui non mi pensa: non mi dimostra segni d'inclinazione. Io l'ho amato dal primo giorno e sono pazza per lui. Ma non gliel'ho detto per non essere rifiutata; ora se n'andrà, ed io non saprò mai se mi ama. Almeno porto il ritratto alla mia signora, che è così afflitta. (vede il ritratto d'Arlecchino) Ah! il ritratto del mio caro Arlecchino! Oh come è bello! Arlecchino lo ha fatto fare per me? Allora me lo prendo (lo prende).

SCENA NONA

Carlotto e la suddetta.

CARL. (Oh, vedo nelle mani di Camilla un ritratto)

CAM. È bello ma l'originale lo supera. (C’è Carlotto. Non lo deve vedere! Nasconde il ritratto in tasca)

CARL. Che cosa osservava di bello, signora Camilla?

CAM. Io? Niente.

CARL. Avete in mano un ritratto.  Lo dirò al padrone. (in atto di partire)

CAM. Fermo. Non dite niente a nessuno.  (gli mostra il ritratto di Roberto) Il signor Roberto manda questo ritratto alla signora Dorotea.

CARL. Non lo posso credere. Il signor Roberto donerà il suo ritratto alla figlia di un amico che lo ospita in casa sua, senza che il padre lo sappia?

CAM. Questa sera il signor Roberto parte per Roma, e glielo lascia senza cattiva intenzione.

CARL. E voi lo dareste alla signora Dorotea?

CAM. Glielo darò. (lo mette nel taschino con quello di Arlecchino) (Ho paura che costui racconti in giro il mio segreto, ch'io amo Arlecchino).

SCENA DECIMA

Camilla e Dorotea..

DOROT. Camilla, datemi il mio ritratto.

CAM. Tenete, tenete. (le dà un ritratto senza badare ed esce)

SCENA UNDICESIMA

Dorotea sola.

DOROT. Mi dà pena la partenza del signor Roberto. Se mi ama davvero, spero che otterrà da suo zio il permesso di parlarne a mio padre e che mio padre sarà contento. Ma che farò, lontana da lui? Almeno mi consolerò col ritratto. Cosa vedo! Questo è il ritratto del servitore. È forse un equivoco di Camilla? Questo ritratto potrebbe essere a lei destinato. Oh! Ecco mio padre. Nascondiamolo, per salvare Camilla. (si mette il ritratto in tasca)

SCENA DODICESIMA

Anselmo e la suddetta.

ANS. Che cosa si fa in questa camera? (con sdegno)

DOROT. Sono qui... così... passavo per caso.

ANS. In questa camera non voglio che ci si venga.

DOROT. Non c'è nessuno e non potete rimproverarmi.

ANS. Dammi il ritratto (bruscamente)

DOROT. Io non ho ritratti.

ANS. So tutto. Fuori il ritratto del signor Roberto.

DOROT. Chi vi ha detto che ho il ritratto del signor Roberto?

ANS. Me l’hanno detto Carlotto e Camilla. Fuori quel ritratto, sfacciata! per Bacco Baccone...

DOROT. Oh! sì, signore, l'ho avuto. Ecco il ritratto che mi domandate. (glielo dà). Perché siete arrabbiato con me?

ANS. Perché è di quel malcreato di Roberto.

DOROT. A volte ci si può ingannare.

ANS. Non m'inganno, e sono sicuro di quel che dico.  (lo apre, e vede che non è di Roberto) Non è questo.  Fuori il ritratto di Roberto.

DOROT. Signore, giuro che ho solo questo ritratto. Signor padre, la riverisco. (ridendo parte)

SCENA TREDICESIMA

Anselmo solo.

ANS. Camilla è una brava figliuola. Il colpevole è quel briccone di Carlotto. Lo caccerò via. (parte)

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

Anselmo e CARLOTTO

ANS. (Oh! eccolo qui). Ti ho poi ritrovato.

CARL. Ebbene, signore, avete avuto il ritratto? Avete ragione di essere in collera contro vostra figlia e contro il signor Roberto.

ANS. Vi sbagliate. (mostra a Carlotto il ritratto di Arlecchino)

CARL Oh! ma è il ritratto di Arlecchino. Ho visto in mano di Camilla il ritratto del signor Roberto.

ANS. Impostore bugiardo: perché hai detto che il ritratto era per Dorotea? E se Roberto ha donato il suo ritratto a Camilla, perché incolpi mia figlia? Taci, altrimenti ti prendo a bastonate. (parte)

CARL. Sono sorpreso. Dubito che Camilla m'inganni.

SCENA SECONDA

Arlecchino ed il suddetto.

ARL. (Carlotto guarda un ritratto!)

CARL. Oh! riverisco il signor Arlecchino. (vedendo Arlecchino, nasconde il ritratto)

ARL. (Dov'è 'l mio? Non lo vedo più). (guardando sul tavolino) Comàndi.

CARL. Sento che la vostra partenza è vicina, e sono venuto per augurarvi il buon viaggio...

ARL. Avete visto un ritratto su questo tavolino?

CARL. Su quel tavolino? No, non ho veduto niente.

ARL. In questa camera ti ho visto che avevi in mano un ritratto. (con calore)

CARL. Non avevo niente. Questo ritratto mi è stato dato e non l'ho preso. (glielo dà e parte)

 

SCENA TERZA

Arlecchino solo.

ARL. (Prende il ritratto e lo mette in tasca senza guardarlo)  Pazienza! Andar via senza dirle niente; meglio non vederla. (porta la roba nel  baule)

SCENA QUARTA

Camilla ed il suddetto.

CAM. Se vedessi il signor Roberto, vorrei ridargli il suo ritratto. Ah! questo sbaglio mi costa caro. Ho perduto il ritratto del mio Arlecchino. (lo vede. Oh cielo! Arlecchino è qui).

ARL. (Ah! La mia cara Camilla!) (resta al suo posto)

CAM. (Non so se andare avanti o tornare indietro).

ARL. (Vorrei parlarle; ma non so come fare). Signora Camilla, la riverisco. (con timidezza)

CAM. Serva, signor Arlecchino. Son venuta a cercare il signor Roberto. Non vorrei disturbarla. Partirà questa sera dunque? (patetica)

ARL. Sì, purtroppo. (sospirando)

CAM. Che? le rincresce di dover partire?

ARL. In verità... mi ricresce moltissimo.

CAM. E perché le dispiace? (pare che si lusinghi)

ARL. Le dirò... mi piace Bologna... ho degli amici...

CAM. (Ah! no, non gli rincresce per me).

ARL. Stasera andremo via. Lo ha deciso il padrone.

CAM. Perché mai questa partenza così improvvisa?

ARL. Le dispiace che andiamo via? (consolandosi)

CAM. Me ne dispiace infinitamente per il signor Roberto... Il signor Roberto ha stima per la mia padrona; partendo le lascerà il suo ritratto.

ARL. Ho anch’io il mio ritratto. Vuole vederlo?

CAM. Lo vedrei con piacere.  (da sé)

ARL. Eccolo qua. (glielo dà, vergognandosi)

CAM. (Guarda il ritratto) Tenga il suo ritratto.

ARL. Se non le dispiace, vorrei offrirglielo.

CAM. No, no. La prego; non posso riceverlo. Serva sua. (Oh! quanto volentieri accetterei quel ritratto: ma mi vergogno). (mentre Arlecchino guarda verso la scena, Camilla mette via il ritratto  di Arlecchino, e tira fuori quello di Roberto)

CAM. Tenga, tenga. (gli rende il ritratto, mostrando aver paura)

 

 

SCENA QUINTA

Arlecchino solo, poi Roberto

ARL. Sono disperato! Maledetto ritratto! (lo getta per terra e lo calpesta) (A Roberto che arriva) Prendete questo maledetto ritratto. 

ROB. Come! Ah indegno! Ah scellerato! Perfido, ingrato! Il tuo padrone che ti ha fatto?

ARL. Ah! sior patron... (con estrema afflizione)

ROB. Se ti spiace partire, se non vuoi venire con me, perché non dirmelo; perché dare in pazzie?

ARL. Ah! sior patron... (si getta in ginocchio)

ROB. Se sei afflitto, perché ingiuriarmi? Perché insultarmi? A chi dicevi indegno e scellerato?

ARL. A me e al mio ritratto.

ROB. Come hai nelle tue mani il ritratto che ho fatto fare per Dorotea? Come l'hai avuto?

ARL. Sono venuto in camera... ho trovato Carlotto... che aveva in mano il mio ritratto... L'ho tolto senza guardare; è venuta Camilla, gliel’ho mostrato, ma l’ha rifiutato.

ROB. Orsù, siamo tutti e due ingannati. La padrona si burla di me; ed il servitore si è burlato di te. Va a terminare il baule. Andiamo a Roma. (parte)

ARL. (Preparerò il baule, ma vorrei almeno sapere chi ha tolto il mio ritratto sul tavolino) (parte)

 

ATTO TERZO

SCENA PRIMA

Arlecchino porta le robe sue per metterle nel baule. Arriva CARLOTTO

CARL. Signor Arlecchino, ecco una lettera ed una scatola per voi. La lettera è diretta a voi. Eccola qui. Una scatola col vostro nome. Al Signor Arlecchino Battocchio.

ARL. Da dove viene?

CARL L'ha portata un facchino. È andato via subito.

ARL. Vi ringrazio dell'incomodo.

CARL. Non è niente. 

 

ARL. Chi scrive, non sa che non so leggere. (apre la scatola, trova il ritratto, e lo apre) Oh bella! Il mio ritratto! Il segreto sarà in questa lettera.

 

CARL. Come siete malinconico. Posso aiutarvi? Non avete ancora letto la lettera? Volete ch'io la legga? (Ci scommetto che non sa leggere). (Conosco la mano; questa è una lettera di Camilla).  È una donna che scrive. dice che vi rimanda il vostro ritratto. Ho rilevato il primo periodo. Ecco cosa dice: Signore, capitatomi nelle mani il vostro ritratto ve lo rimando, perché non saprei cosa farne. (Bravissima! Ora capisco tutto. Lo ama, e non lo vuol dire). È una donna che scrive; superba, incivile, che meriterebbe di essere mortificata.  A chi avete dato il vostro ritratto?

ARL. L'ha avuto Camilla; ma non credo mai...

CARL. Ah sì, l'orgogliosa, la superba! Che si burla di tutti, pretende che tutti l'adorino; e odia quelli che non sanno spasimare per lei. Dite la verità: le avete fatto la corte? L'avete lodata, esaltata? Ha fatto lo stesso con me. Ha veduto ch'io non mi curavo di lei; mi ha perseguitato alla morte.

CARL. Leggete. (gli offre la lettera. Arlecchino vorrebbe prenderla, e Carlotto con arte la ritira, come se fosse in collera per amor di Arlecchino) Cospetto! Si può scrivere una lettera più indegna, più temeraria di questa?

ARL. Datemi quella lettera. Gliela getterò in faccia.

CARL. Non fate così: negherà di averla scritta.

ARL. Vorrei almeno mortificarla...

CARL. Eh! Via. Queste lettere si disprezzano, si scordano, si stracciano... (comincia a stracciare e getta i pezzi per terra)

ARL. Ma perché vi infuriate così?

CARL. Per l'amicizia che ho per voi. (parte)

 ARL. Mi pare che si sia scaldato troppo. Chi mai avrebbe creduto quella giovane così modesta e cortese; mi ha rifiutato il ritratto per superbia. (agitando la mano con cui tiene il ritratto, sente dentro muoversi qualche cosa) (apre e trova sei zecchini) Ho paura che Carlotto m'abbia ingannato.  Forse è geloso di Camilla. Farò leggere la lettera a qualcun (raccoglie i pezzi di carta sparsi qua e là)-

 

SCENA SECONDA

Anselmo ed il suddetto.

ANS. Dov'è il vostro padrone? Mi preme parlargli.

Quando viene il vostro padrone, ditegli che non sia in collera meco, che voglio che siamo buoni amici.

ARL. Sior sì. (ha tutti i pezzi di carta in una mano; e tiene la mano aperta)

ANS. Ditegli che so tutto, che mia figlia mi ha confidato ogni cosa, e che se suo zio è contento...

ARL. Vorrei pregarla di una grazia: se poò unire questi pezzi di carta, mi leggerebbe questa lettera?

ANS. Fa cadere i pezzi a terra ed esce.

 

SCENA TERZA

Camilla ed il suddetto.

 

ARL. Ah Camilla, Camilla! (la invoca da solo)

CAM. Signore, mi chiamate? Vi occorre qualche cosa? (confusa) Avete pronunciato il mio nome.

ARL. Può esser, perché è un bel nome.

CAM E che cosa raccogliete da terra?

ARL. Frammenti di una lettera.

CAM. Di una lettera? Era una lettera di qualche donna? (prende un pezzetto di carta) (Ah! sì, è la mia lettera, la conosco). (da sé) Fate dunque così poco conto delle lettere delle donne? Le stracciate e le disprezzate così?

ARL. E’ stato un mio amico. (ironico)

CAM. E voi avete la debolezza di confidare agli amici le cose vostre? Di confidare una lettera di una donna? Siete indiscreto, imprudente.

ARL. Signora Camilla, perché vi scaldate? Avete scritto voi quella lettera?

CAM. Io?... non l'ho scritta io ... so chi l'ha scritta; conosco la giovane che ha stima e amore per voi, è mia amica, e vi rimprovero per parte sua.

ARL. Cara signora Camilla, vi chiedo perdono. Questa vostra amica è un po’ stravagante.  Mi manda il mio ritratto. Come lo ha avuto?

CAM.  La mia amica m'ha detto che voleva rimandare il vostro ritratto, perché non si credeva degna di possederlo.

ARL. Mi ha mandato anche sei zecchini con una lettera piena di insulti e villanie?

CAM. Questa lettera non conteneva ingiurie e disprezzi. Io ho veduto la lettera, l'ho letta; vediamo se si può leggere qualcosa. Ecco cosa dice: Siate sicuro, che vi ama e che vi amerà sempre l'Incognita che vi scrive.Siete un ingrato.

ARL.  Ah indegno Carlotto!

CAM. Cosa c'entra Carlotto?

ARL.  Sappiate che non so leggere bene e ho pregato Carlotto, che mi ha letto la lettera a modo suo.

CAM. Come! Avete dato a leggere quella lettera a Carlotto che può essere vostro nemico e rivale?

ARL. Mio rivale Carlotto? L'ho sospettato. Ditemi della vostra amica.

CAM. Ormai state per partire, non c’è tempo.

ARL. E perché mai la vostra amica non m'ha dato qualche segno d'amore?

CAM. Una giovane savia e onesta non deve esser la prima. Mi ha detto che toccava a voi dimostrarle qualche inclinazione.

ARL. E’ vero; ma sono timido e non ho coraggio. Son stato cento volte sul punto di dichiararmi, e la vergogna m'ha trattenuto.

SCENA SETTIMA

 

Federico in abito da viaggio, e detti.

FED. Ben trovato, Arlecchino. Vengo da Roma. Lo

 zio del padrone è morto ed ha lasciato il nipote erede di tutto il suo.

ARL. Si è ricordato di me?  (a Federico)

FED. Sì, di voi e di me: mille scudi per ciascuno.

ARL. Allora non vado più a Roma. (a Camilla con gioia)

CAM. (Lo volesse il cielo!)

FED. (parte)

SCENA OTTAVA

Arlecchino e Camilla

ARL. Buone nuove per me. (a Camilla)

CAM. (E per me, se potessi superare la timidezza) Datemi il vostro ritratto, che lo darò all'amica. So che lo riceverà volentieri dalle vostre mani.

ARL. Ditele che l’amo.

CAM. L'amate senza conoscerla?

ARL. Ah! mi pare di conoscerla. (con tenerezza) Credo di non ingannarmi.

CAM. Ed io vi assicuro, che io... che ella... che l'amica... (Non posso più).

ARL. Per pietà, ditemi: siete voi quella amica?

CAM. No, no, non sono io. Vien gente. (con timore)

ARL. Poveretto mi! (balza in piedi)

 

SCENA ULTIMA

Roberto, Dorotea, Anselmo ed i suddetti, poi Carlotto

ROB. La morte del mio povero zio mi rende padrone di me stesso e mi procura l'onore e la felicità di offrirvi la mano ed il cuore. (a Dorotea)

DOROT. Poiché mio padre lo consente, mi abbandono alla più tenera inclinazione.

ANS. Ne ho piacere, per Bacco Baccone.

ROB. Il povero zio è morto. Andremo a Roma tra qualche giorno, se la signora Dorotea lo permette.

DOROT. Signor sì, andate a vedere gli affari vostri.

ROB. E al mio ritorno...

ANS. E al vostro ritorno si faranno le nozze.

ARL. Signor padrone. Vorrei pregarla d'una grazia. Prima di andare a Roma, mi vorrei sposare anch’io.

ROB. Niente in contrario; con chi vuoi maritarti?

ARL. Con l'amica di Camilla. (guardando Camilla)

ROB. E chi è la vostra amica? (a Camilla)

CAM. Signore... Io non so niente. (Non so cosa dire). (da sé)

ROB. Ma chi è? Che cos'è? Vediamo se merita che un servitore onorato e fedele, come tu sei...

ARL. Aiutatemi, Signor padrone, signor Anselmo, signora Dorotea, vi prego, dite a Camilla di dirmi chi è questa signora che mi vuole bene.

ANS. Scommetterei ch'è Camilla.

DOROT. Camilla non parla: è timida, è modesta.

ROB. Animo, animo, figliuola. Arlecchino è un uomo dabbene, è un servitore onorato.

ANS. Orsù, finiamola. Vuoi tu sposarti? (a Camilla, con calore)

CAM. Sì. (modestamente cogli occhi bassi e voce tremante)

ANS. Ma chi vuoi dunque?

CAM. Vorrei... Eccolo qui. (fa vedere il ritratto d'Arlecchino e si copre il viso)

ROB. Animo, promettetevi tutti due, e al ritorno nostro da Roma vi sposerete. Siete contenti?

ARL. Signor sì. (modestamente)

CAM. Signor sì. (con una riverenza modesta)

ANS. Bravi, evviva gli sposi.

CARL.(Arriva) Cos'è quest'allegria, signori? Chi si marita?

ARL. Io e Camilla, per servirvi.

CARL. Pazienza; me la sono meritata. (mortificato)

ROB. Solleciterò la mia partenza per sollecitare il ritorno, e finalmente sposarvi (a Dorotea) E voi altri, in cui l'amore ha combattuto con la timidezza, aspettate con eguale modestia, e siate sempre teneri sposi, e servitori fedeli.

 

Fine della Commedia